displaying: http://feeds.feedburner.com/redhatbeauty/kaWP

Redhatbeauty
Policymakers underestimate methane?s climate and air quality impacts
Natalia Paris: everything you need to know about the shake to lose weight
Fennel diet: -5 kg ??in one week
Why Talking About Cryptocurrency Is Boring: The Crypto Bro Stereotype
What caused this megatooth shark?s massive toothache?
Adria Bartolich and Lady Demonique: ?The problem is not bigotry but public ethics. In other countries she would never have been nominated? ? ComoZero
The duel does not stop ? Cubajournalists
Does drinking black coffee make you lose weight: how to lose 5 kg without depriving yourself of food?
Scientists show how to store liquid fuels in polymeric gels to prevent explosions and fires
Storie di Storia / 5. Enrico VIII era infertile?

MagpieRSS Object
(
    [parser] => Resource id #8
    [current_item] => Array
        (
        )

    [items] => Array
        (
            [0] => Array
                (
                    [title] => Policymakers underestimate methane?s climate and air quality impacts
                    [link] => https://redhatbeauty.com/policymakers-underestimate-methanes-climate-and-air-quality-impacts/
                    [dc] => Array
                        (
                            [creator] => Laura Surber
                        )

                    [pubdate] => Mon, 16 May 2022 20:26:39 +0000
                    [category] => scienceairclimateimpactsmethanesPolicymakersqualityunderestimate
                    [guid] => https://redhatbeauty.com/?p=1522
                    [description] => Journal Reference: Kathleen A. Mar, Charlotte Unger, Ludmila Walderdorff, Tim Butler. Beyond CO2 equivalence: The impacts of methane on climate, ecosystems, and health. Environmental Science & Policy, 2022; 134: 127 DOI: 10.1016/j.envsci.2022.03.027 Under the Paris Agreement, the effect of greenhouse gases, including methane, is expressed in terms of ?CO2 equivalents,? a unit that reflects their ... Read more
                    [content] => Array
                        (
                            [encoded] => 

Journal Reference:

  1. Kathleen A. Mar, Charlotte Unger, Ludmila Walderdorff, Tim Butler. Beyond CO2 equivalence: The impacts of methane on climate, ecosystems, and health. Environmental Science & Policy, 2022; 134: 127 DOI: 10.1016/j.envsci.2022.03.027

Under the Paris Agreement, the effect of greenhouse gases, including methane, is expressed in terms of ?CO2 equivalents,? a unit that reflects their warming effect over a period of 100 years. The researchers argue in the study that this approach both fails to adequately represent the climate impact of methane and neglects its impacts on human health and ecosystems.

?Governing methane based on assigning it a ?CO2 equivalence? means that only its climate impact on a 100-year timescale is robustly taken into account ? including within carbon pricing schemes, for example. This neglects methane?s critically important role in near-term climate ? over the course of the next 20 years ? during which time methane?s warming impact is roughly 80 times greater than that of CO2. Methane?s short atmospheric lifetime means that efforts to reduce emissions can rapidly reduce atmospheric concentrations and, as a consequence, global warming,? says the study?s lead author, IASS research group leader Kathleen Mar. In addition, the Paris Agreement and other governance frameworks do not sufficiently consider methane?s contribution to air pollution.

Growing awareness among policymakers

Methane has both natural and anthropogenic sources, including wetlands, fossil fuels, agriculture, waste management, and fires. Alarmingly, methane emissions and concentrations have been increasing rapidly in recent years. One recent study concludes that this is due in roughly equal parts to emissions from fossil fuels and combined emissions from agriculture and waste management. However, some methane emissions data is perceived to be inaccurate: onsite measurements have repeatedly shown that methane emissions due to leakages from oil and gas operations are underreported, and in the agricultural sector, reporting is still dominated by basic estimation methods.

While the challenges for methane governance are considerable, the researchers note some positive developments: For example, the EU recently published a strategy to reduce methane emissions as part of the European Green Deal. And, at the COP26 Climate Conference in Glasgow, over 100 countries signed up to the ?Global Methane Pledge,? initiated by the USA and EU, to reduce global methane emissions by at least 30 per cent by 2030.

Non-governmental actors stepping up

Swift implementation of these pledges is critical, says Kathleen Mar: ?When it comes to climate change, governments have often failed to deliver on their promises. This doesn?t have to be the case when it comes to methane: significant reductions in methane emissions are within our reach with available technologies and cost-effective measures, including the improved detection of leakages in the oil and gas industry as well as methane capture and utilization technologies for landfills.? The broadening of the actor landscape over the past decade also gives cause for optimism, with a large variety of non-governmental organizations, transnational alliances and initiatives from the private sector taking up the topic of methane and proposing pathways for increased mitigation.

We want to thank the author of this article for this incredible material

Policymakers underestimate methane?s climate and air quality impacts

Check out our social media profiles and the other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => Journal Reference: Kathleen A. Mar, Charlotte Unger, Ludmila Walderdorff, Tim Butler. Beyond CO2 equivalence: The impacts of methane on climate, ecosystems, and health. Environmental Science & Policy, 2022; 134: 127 DOI: 10.1016/j.envsci.2022.03.027 Under the Paris Agreement, the effect of greenhouse gases, including methane, is expressed in terms of ?CO2 equivalents,? a unit that reflects their ... Read more [atom_content] =>

Journal Reference:

  1. Kathleen A. Mar, Charlotte Unger, Ludmila Walderdorff, Tim Butler. Beyond CO2 equivalence: The impacts of methane on climate, ecosystems, and health. Environmental Science & Policy, 2022; 134: 127 DOI: 10.1016/j.envsci.2022.03.027

Under the Paris Agreement, the effect of greenhouse gases, including methane, is expressed in terms of ?CO2 equivalents,? a unit that reflects their warming effect over a period of 100 years. The researchers argue in the study that this approach both fails to adequately represent the climate impact of methane and neglects its impacts on human health and ecosystems.

?Governing methane based on assigning it a ?CO2 equivalence? means that only its climate impact on a 100-year timescale is robustly taken into account ? including within carbon pricing schemes, for example. This neglects methane?s critically important role in near-term climate ? over the course of the next 20 years ? during which time methane?s warming impact is roughly 80 times greater than that of CO2. Methane?s short atmospheric lifetime means that efforts to reduce emissions can rapidly reduce atmospheric concentrations and, as a consequence, global warming,? says the study?s lead author, IASS research group leader Kathleen Mar. In addition, the Paris Agreement and other governance frameworks do not sufficiently consider methane?s contribution to air pollution.

Growing awareness among policymakers

Methane has both natural and anthropogenic sources, including wetlands, fossil fuels, agriculture, waste management, and fires. Alarmingly, methane emissions and concentrations have been increasing rapidly in recent years. One recent study concludes that this is due in roughly equal parts to emissions from fossil fuels and combined emissions from agriculture and waste management. However, some methane emissions data is perceived to be inaccurate: onsite measurements have repeatedly shown that methane emissions due to leakages from oil and gas operations are underreported, and in the agricultural sector, reporting is still dominated by basic estimation methods.

While the challenges for methane governance are considerable, the researchers note some positive developments: For example, the EU recently published a strategy to reduce methane emissions as part of the European Green Deal. And, at the COP26 Climate Conference in Glasgow, over 100 countries signed up to the ?Global Methane Pledge,? initiated by the USA and EU, to reduce global methane emissions by at least 30 per cent by 2030.

Non-governmental actors stepping up

Swift implementation of these pledges is critical, says Kathleen Mar: ?When it comes to climate change, governments have often failed to deliver on their promises. This doesn?t have to be the case when it comes to methane: significant reductions in methane emissions are within our reach with available technologies and cost-effective measures, including the improved detection of leakages in the oil and gas industry as well as methane capture and utilization technologies for landfills.? The broadening of the actor landscape over the past decade also gives cause for optimism, with a large variety of non-governmental organizations, transnational alliances and initiatives from the private sector taking up the topic of methane and proposing pathways for increased mitigation.

We want to thank the author of this article for this incredible material

Policymakers underestimate methane?s climate and air quality impacts

Check out our social media profiles and the other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652732799 ) [1] => Array ( [title] => Natalia Paris: everything you need to know about the shake to lose weight [link] => https://redhatbeauty.com/natalia-paris-everything-you-need-to-know-about-the-shake-to-lose-weight/ [dc] => Array ( [creator] => Margaret Stallworth ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 18:50:56 +0000 [category] => NewsloseNataliaParisshakeweight [guid] => https://redhatbeauty.com/?p=1520 [description] => The Colombian model and businesswoman, Natalia Paris recommended her followers a recipe to lose weight using only two foods: radish and tree tomato. In the video published on TikTok, the model recommends drinking this juice on an empty stomach for only one week to lose fat, and also recommends consulting a doctor before starting this ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

The Colombian model and businesswoman, Natalia Paris recommended her followers a recipe to lose weight using only two foods: radish and tree tomato.

In the video published on TikTok, the model recommends drinking this juice on an empty stomach for only one week to lose fat, and also recommends consulting a doctor before starting this process that promises to lose kilos.

(Keep reading: Study determines the nutritional properties of the tree tomato)

The truth is that diets of all kinds abound in social networks that promise to recover forms and compensate for excesses. Among them, the shakes to burn fat stand out.

(Also: Avocado intake is associated with lower cardiovascular risk)

Specialists claim that no natural shake leads to weight loss in just one week. However, it is increasingly common for people to resort to this type of ‘detox’ drink due to the influence of social networks.

(Of your interest: Why consuming ultra-processed foods could affect memory?)

Under this umbrella, in the words of the nutritionist Nohora Bayona – who was previously interviewed by EL TIEMPO – recipes are spread in the form of smoothies, green shakes, smoothies, revitalizing juices and other similar ones that only differ in the name because “basically they are the same thing: protein-free and fat-free concentrates”.

Bayona says that although some of these elements are rich in vitamins and minerals, most are also rich in sugars. Many of them are made from fruit and others are free, mixed with vegetables that lose a large part of their fiber when blended, which makes it easier for these carbohydrates to pass faster into the blood and increase the caloric load. An effect contrary to what people expect.

Although these are not promising recipes for weight loss, it should be noted that radish and tree tomato are foods with high nutritional components that could be incorporated into a healthy eating plan drawn up by a health professional.

In fact, the radish is a food with a low caloric intake thanks to its high water content and low in energy nutrients (proteins, carbohydrates and lipids). After water, its main component is protein and fiber. Of its vitamin content, vitamin C stands out and, among the minerals, iron and iodine.

On the other hand, the tree tomato provides interesting components such as polyphenols, carotenoids and anthocyanins. It is also a remarkable source of vitamins A, C and B6, and some minerals such as potassium, manganese and copper.

(Also read: The reality about diets that promise to detoxify the body)

In order to lose weight effectively, the experts consulted agree that restrictive diets should be avoided, those that completely eliminate some type of nutrient because it is clear that the body needs carbohydrates, fats and proteins, in proportions adapted to each person, for the proper functioning of the body.

More health news

-We explain why eating little does not make your stomach smaller-Everything you need to know about carbohydrates and their importance in the diet

We want to say thanks to the writer of this short article for this amazing content

Natalia Paris: everything you need to know about the shake to lose weight


Discover our social media profiles as well as other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => The Colombian model and businesswoman, Natalia Paris recommended her followers a recipe to lose weight using only two foods: radish and tree tomato. In the video published on TikTok, the model recommends drinking this juice on an empty stomach for only one week to lose fat, and also recommends consulting a doctor before starting this ... Read more [atom_content] =>

The Colombian model and businesswoman, Natalia Paris recommended her followers a recipe to lose weight using only two foods: radish and tree tomato.

In the video published on TikTok, the model recommends drinking this juice on an empty stomach for only one week to lose fat, and also recommends consulting a doctor before starting this process that promises to lose kilos.

(Keep reading: Study determines the nutritional properties of the tree tomato)

The truth is that diets of all kinds abound in social networks that promise to recover forms and compensate for excesses. Among them, the shakes to burn fat stand out.

(Also: Avocado intake is associated with lower cardiovascular risk)

Specialists claim that no natural shake leads to weight loss in just one week. However, it is increasingly common for people to resort to this type of ‘detox’ drink due to the influence of social networks.

(Of your interest: Why consuming ultra-processed foods could affect memory?)

Under this umbrella, in the words of the nutritionist Nohora Bayona – who was previously interviewed by EL TIEMPO – recipes are spread in the form of smoothies, green shakes, smoothies, revitalizing juices and other similar ones that only differ in the name because “basically they are the same thing: protein-free and fat-free concentrates”.

Bayona says that although some of these elements are rich in vitamins and minerals, most are also rich in sugars. Many of them are made from fruit and others are free, mixed with vegetables that lose a large part of their fiber when blended, which makes it easier for these carbohydrates to pass faster into the blood and increase the caloric load. An effect contrary to what people expect.

Although these are not promising recipes for weight loss, it should be noted that radish and tree tomato are foods with high nutritional components that could be incorporated into a healthy eating plan drawn up by a health professional.

In fact, the radish is a food with a low caloric intake thanks to its high water content and low in energy nutrients (proteins, carbohydrates and lipids). After water, its main component is protein and fiber. Of its vitamin content, vitamin C stands out and, among the minerals, iron and iodine.

On the other hand, the tree tomato provides interesting components such as polyphenols, carotenoids and anthocyanins. It is also a remarkable source of vitamins A, C and B6, and some minerals such as potassium, manganese and copper.

(Also read: The reality about diets that promise to detoxify the body)

In order to lose weight effectively, the experts consulted agree that restrictive diets should be avoided, those that completely eliminate some type of nutrient because it is clear that the body needs carbohydrates, fats and proteins, in proportions adapted to each person, for the proper functioning of the body.

More health news

-We explain why eating little does not make your stomach smaller-Everything you need to know about carbohydrates and their importance in the diet

We want to say thanks to the writer of this short article for this amazing content

Natalia Paris: everything you need to know about the shake to lose weight


Discover our social media profiles as well as other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652727056 ) [2] => Array ( [title] => Fennel diet: -5 kg ??in one week [link] => https://redhatbeauty.com/fennel-diet-5-kg-in-one-week/ [dc] => Array ( [creator] => Vincent Hughes ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 18:44:17 +0000 [category] => NewsdietFennelWeek [guid] => https://redhatbeauty.com/?p=1518 [description] => How does it work and what to eat on the fennel lightning diet?For a salvific help in view of the costume fitting, you can try this diet that includes a large consumption of the vegetable for lunch, dinner and snackThe term diet it literally means lifestyle, especially in the food sector. The meaning we give ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

How does it work and what to eat on the fennel lightning diet?
For a salvific help in view of the costume fitting, you can try this diet that includes a large consumption of the vegetable for lunch, dinner and snack
The term diet it literally means lifestyle, especially in the food sector. The meaning we give today to this term, however, comes close to a series of recommendations aimed at weight loss.
For an adequate and reliable diet one should rely on a dietician or nutritionist, eat healthy and do a lot of exercise: however, we often hear about “diets of the moment”, more or less questionable methods to lose the extra pounds in sight in a very short time. of the summer. Among these, surely, there is fennel dietone of the most famous and historical lightning-fast diets.
What is the typical menu to consider for the fennel diet? the benefits are significant. Eating one before main meals, or as a mid-morning snack or snack, helps purify the digestive system. There Fennel diet It is therefore useful for purify as well as to lose excess weight. To get an idea of ??how effective this dietary scheme is, just think that fennel is among the healthy and natural foods that provide the most. benefi to the intestine.

Why fennel?
The theory behind this diet holds that fennel, which contains only 31 calories per 100 grams, is the perfect food for losing excess fluids and deflate the belly, thanks to the high fiber content. This diet promises to lose up to 5 kilos in one week, those caused by water retention, that is, by water that the tissues cannot dispose of due to a diet rich in sugar and salt and low in raw fruit and vegetables.
Lightning fennel diet: weekly menu
Since this is a substantially low-calorie diet, it is advisable to follow the fennel diet for only one week. The time it takes to make the belly flat again and to lighten the channels through which the food we ingest passes and is processed. In addition to the typical menu indicated below, it is also advisable to drink plenty of water, with at least two liters to be taken on a daily basis. And to do even light physical activity, such as a walk. The minimum frequency must be three or four times a week for at least half an hour.
Fennel diet, the things you need to know
It is also advisable not to start this or any other type of diet without first consulting a dietician or nutritionist. And not to proceed if you are pregnant or if you are suffering from some pathology.
It must be said that the fennel it can also be taken in the form of herbal teas throughout the day. And it can also be eaten grilled, steamed, pureed and pureed. It is a product of the earth rich in water, fiber and protein, and without any calories. The high fiber content then gives the fennel a satiating power like few other natural foods.

Fennel diet, the typical menu to lose up to 5 kilos in a week
Breakfast, snack and snack must be repeated for all seven days of the Fennel Diet.
Breakfast
a glass of skimmed milk with 30 grams of cereals;
coffee or barley coffee with 2 wholemeal biscuits;
coffee with a yogurt and a fruit;
Snack and snack
a herbal tea with fennel, 30 grams of almonds or a fresh fruit of the season;
What to eat during the week
Monday
Lunch: potato gnocchi with cherry tomatoes, 60 grams of bresaola and 200 grams of fennel;
Dinner: a grilled hamburger, half fennel with potatoes;
Tuesday
Lunch: 60 grams of pasta with fresh tomatoes and fennel and 60 grams of taleggio;
Dinner: chicken breast with pizzaiola and mixed salad with fennel;
Wednesday
Lunch: 60 grams of basmati rice with fennel and chicory and rocket salad;
Dinner: a baked sea bream and a cream of fennel and vegetables;
Thursday
Lunch: 50 grams of penne with tomato sauce, fennel and orange salad;
Dinner: cauliflower and potato cream, fennel tortilla and lettuce salad;
Friday
Lunch: 50 grams of spaghetti with clams and fennel au gratin in the oven;
Dinner: 200 grams of lean fish, 100 grams of raw fennel and a pear;
Saturday
Lunch: chicken breast with chicory and fennel salad;
Dinner: 200 grams of ricotta, fennel and apple salad;
Sunday
Lunch: a portion of lasagna with fennel and ham;
Dinner: 150 grams of raw tomatoes, 125 grams of lean mozzarella and fennel in a pan;

Fennel Diet Warnings
Fennel is a vegetable that has excellent nutritional properties and is actually a valid aid to purify and deflate the body. The fennel diet, however, is rather monotonous and boredom is certainly not an ally in the goal of losing weight and in general all diets of this type should not be followed for a long time: the variety of foods is always the best ally of our health!

We would like to thank the writer of this write-up for this awesome material

Fennel diet: -5 kg ??in one week


Check out our social media profiles as well as other pages that are related to them.http://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => How does it work and what to eat on the fennel lightning diet?For a salvific help in view of the costume fitting, you can try this diet that includes a large consumption of the vegetable for lunch, dinner and snackThe term diet it literally means lifestyle, especially in the food sector. The meaning we give ... Read more [atom_content] =>

How does it work and what to eat on the fennel lightning diet?
For a salvific help in view of the costume fitting, you can try this diet that includes a large consumption of the vegetable for lunch, dinner and snack
The term diet it literally means lifestyle, especially in the food sector. The meaning we give today to this term, however, comes close to a series of recommendations aimed at weight loss.
For an adequate and reliable diet one should rely on a dietician or nutritionist, eat healthy and do a lot of exercise: however, we often hear about “diets of the moment”, more or less questionable methods to lose the extra pounds in sight in a very short time. of the summer. Among these, surely, there is fennel dietone of the most famous and historical lightning-fast diets.
What is the typical menu to consider for the fennel diet? the benefits are significant. Eating one before main meals, or as a mid-morning snack or snack, helps purify the digestive system. There Fennel diet It is therefore useful for purify as well as to lose excess weight. To get an idea of ??how effective this dietary scheme is, just think that fennel is among the healthy and natural foods that provide the most. benefi to the intestine.

Why fennel?
The theory behind this diet holds that fennel, which contains only 31 calories per 100 grams, is the perfect food for losing excess fluids and deflate the belly, thanks to the high fiber content. This diet promises to lose up to 5 kilos in one week, those caused by water retention, that is, by water that the tissues cannot dispose of due to a diet rich in sugar and salt and low in raw fruit and vegetables.
Lightning fennel diet: weekly menu
Since this is a substantially low-calorie diet, it is advisable to follow the fennel diet for only one week. The time it takes to make the belly flat again and to lighten the channels through which the food we ingest passes and is processed. In addition to the typical menu indicated below, it is also advisable to drink plenty of water, with at least two liters to be taken on a daily basis. And to do even light physical activity, such as a walk. The minimum frequency must be three or four times a week for at least half an hour.
Fennel diet, the things you need to know
It is also advisable not to start this or any other type of diet without first consulting a dietician or nutritionist. And not to proceed if you are pregnant or if you are suffering from some pathology.
It must be said that the fennel it can also be taken in the form of herbal teas throughout the day. And it can also be eaten grilled, steamed, pureed and pureed. It is a product of the earth rich in water, fiber and protein, and without any calories. The high fiber content then gives the fennel a satiating power like few other natural foods.

Fennel diet, the typical menu to lose up to 5 kilos in a week
Breakfast, snack and snack must be repeated for all seven days of the Fennel Diet.
Breakfast
a glass of skimmed milk with 30 grams of cereals;
coffee or barley coffee with 2 wholemeal biscuits;
coffee with a yogurt and a fruit;
Snack and snack
a herbal tea with fennel, 30 grams of almonds or a fresh fruit of the season;
What to eat during the week
Monday
Lunch: potato gnocchi with cherry tomatoes, 60 grams of bresaola and 200 grams of fennel;
Dinner: a grilled hamburger, half fennel with potatoes;
Tuesday
Lunch: 60 grams of pasta with fresh tomatoes and fennel and 60 grams of taleggio;
Dinner: chicken breast with pizzaiola and mixed salad with fennel;
Wednesday
Lunch: 60 grams of basmati rice with fennel and chicory and rocket salad;
Dinner: a baked sea bream and a cream of fennel and vegetables;
Thursday
Lunch: 50 grams of penne with tomato sauce, fennel and orange salad;
Dinner: cauliflower and potato cream, fennel tortilla and lettuce salad;
Friday
Lunch: 50 grams of spaghetti with clams and fennel au gratin in the oven;
Dinner: 200 grams of lean fish, 100 grams of raw fennel and a pear;
Saturday
Lunch: chicken breast with chicory and fennel salad;
Dinner: 200 grams of ricotta, fennel and apple salad;
Sunday
Lunch: a portion of lasagna with fennel and ham;
Dinner: 150 grams of raw tomatoes, 125 grams of lean mozzarella and fennel in a pan;

Fennel Diet Warnings
Fennel is a vegetable that has excellent nutritional properties and is actually a valid aid to purify and deflate the body. The fennel diet, however, is rather monotonous and boredom is certainly not an ally in the goal of losing weight and in general all diets of this type should not be followed for a long time: the variety of foods is always the best ally of our health!

We would like to thank the writer of this write-up for this awesome material

Fennel diet: -5 kg ??in one week


Check out our social media profiles as well as other pages that are related to them.http://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652726657 ) [3] => Array ( [title] => Why Talking About Cryptocurrency Is Boring: The Crypto Bro Stereotype [link] => https://redhatbeauty.com/why-talking-about-cryptocurrency-is-boring-the-crypto-bro-stereotype/ [dc] => Array ( [creator] => Jody Bailey ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 17:42:03 +0000 [category] => NewsBoringBroCryptoCryptocurrencyStereotypeTalking [guid] => https://redhatbeauty.com/?p=1516 [description] => If you can’t stand people talking about crypto, you’re not alone. The ?crypto bro? stereotype can keep people from learning more about technology. We tend to withdraw from unfamiliar concepts, especially when they’re pushed in our face. LoadingSomething is loading. You know the guy. He wears a Moncler vest, is always on the phone, and ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

You know the guy. He wears a Moncler vest, is always on the phone, and has very strong opinions about which NFTs you should buy.

He also wants to tell you how much money he made from his latest cryptocurrency investment and how it all works.

This persona, known as the ?crypto bro,? has proliferated over the past two years as the skyrocketing value of digital currencies has tipped them from fringe investments to pop culture touchstones. . The crypto bro has become part of the cultural lexicon, earning a GQ profile and hashtags on Twitter and Tik Tok.

The stereotype is the result of the arrival of crypto as The Next Big Thing. Advertisements for this year’s Super Bowl have led some to dub it the Crypto Bowl. NBC alumni The single person dive into NFT influence. The mayors of Miami and New York are trying to rebrand their cities as crypto hubs ? New York’s Eric Adams is even taking his first three paychecks in crypto. Last month, the likes of Bill Clinton and Tom Brady gathered in the Bahamas to talk about ?Web 3.0,? a collection of online services powered by blockchain technology dubbed the ?next phase? of the internet.

The hype left some breathless. Rebecca Jennings of Vox described a talk hosted by Gary Vaynerchuk devoted to NFTs as ?the most unpleasant event I have ever attended?. There’s a whole Reddit thread devoted to why crypto investors “are the most boring ones.” And as one person tweeted recently?God, I hate crypto so much.?

Sasha Mutchnik, a 25-year-old who posts subculture memes to popular Instagram account @starterpacksofNYC, compared the ?crypto bro? to New York?s ?finance guys? ? think the much-maligned Chad and Brad in their Patagonia vests. They’re also part of ‘tech bro’, the character in the hoodie and sneakers mocked by HBO Silicon Valley.

?Hit by a combination of money and hype,? Mutchnik told me, the crypto guy is ?so drunk on the success of this thing that no one (apart from him and his comrades who arrived early) doesn’t really understand that’s all he wants to talk about.?

Mutchnik thinks that’s a shame, considering the many companies working to make crypto platforms and technology feel relevant and useful in everyday life.

?The technology itself, and the majority of those who use it, are neither dumb, nor crude, nor obnoxious,? she said. ?Keeping it with boring language and endless spin-offs and ambiguous minimalist logos, though, it kind of is.?

But there is something deeper than annoyance in the popular disdain for crypto. It’s a foreign concept to many, with confusing technical jargon and an ethos of a Matrix-like future where even more of our lives are online ? at a time when many people crave IRL interactions after two years. of pandemic. When faced with such misunderstanding, we recoil, and even push back if it is pushed in our face.

Crypto is like a weight loss drug

Celebrities of all stripes, from Matt Damon and Gen Z influencer Charlie D’Amelio to Gwyneth Paltrow and Justin Bieber, have started partnering with brands like Crypto.com or crypto app Gemini to promote emerging currency.

Reese Witherspoon tweeted in January, ?In the (near) future, everyone will have a parallel digital identity. Avatars, crypto wallets, digital assets will be the norm. Do you foresee this??

Jonah Berger, professor of marketing at Wharton, explains why this aggressive talk may not be for everyone.

?People feel like they’re thrown,? Berger told me. ?In some ways it feels a bit like a


weightloss

drugs, which also makes it feel a bit like a scam. Why do so many people try so hard? Maybe it’s because it’s not really real.?

This is a red flag after celebrity-endorsed scams in recent years like Fyre Fest, Theranos, and the Anna Delvey Foundation. Moreover, the crypto world itself has seen major losses and scams: the developers of a popular NFT game lost $600 million in user investments due to a security breach, and a coin ?squid game? has risen in value amid the popularity of a


netflix

show of the same name, before disappearing from the internet.

It doesn’t help that Kim Kardashian and Floyd Mayweather are both facing a lawsuit alleging their crypto promotions were intended to raise the price of their own tokens in order to make money “at the expense of their subscribers and investors.” according to the plaintiffs. .

We are even more skeptical when something we deem suspicious seems to be popping up everywhere. Berger has spent a decade studying consumer behavior. In his most recent book, “The Catalyst: How to Change Everyone’s Mind,” he explores how people push back when they feel pressured, a concept known as “reactance.”

We feel it when we ignore spam in our inbox, junk mail, or annoying TV commercial. It’s also part of why some people are so resistant to crypto, when you see it everywhere, from Witherspoon’s Twitter to “The Tonight Show,” where Jimmy Fallon and Paris Hilton compared their NFT purchases.

?People don’t like to be sold on something,? Berger said. “When they feel like someone is trying to persuade them, their anti-persuasion radar goes off.”

Crypto scares us

Talking about bitcoin and ether triggers another kind of alarm: fear of the unknown.

Most Americans have known the basics of how money works from a young age. Paper notes and coins are tangible and easy to see when exchanged for goods. The concept of a digital currency can be harder to grasp, and it’s daunting, like you have to be tech-savvy to figure it out, 19-year-old cryptocurrency influencer Miss Teen Crypto told me.

“In reality, we use technology every day that we don’t really understand, like using a debit card – we don’t know the technical details of the transaction, but we know it works,” he said. she declared. ?It will be the same with cryptocurrency sooner or later.?

Not everyone agrees, and it has nothing to do with the crypto bro. Cryptomarkets themselves have been in turmoil recently, with the price of bitcoin down more than 50% from its high in late 2021. ?As an emerging asset class, the relatively high level of


volatility

may give some pause,? David Lawant, director of research at BitWise Asset Management, told me.

Additionally, a lack of regulation, environmental concerns over the amount of electricity required, and disagreements over how to value digital currencies have raised legitimate concerns about the future of crypto as a valid financial tool. . Warren Buffet even said he wouldn’t buy ?all the bitcoin in the world? for $25.

Whatever the reasons, shyness breeds fear. As Carla Marie Manly, psychologist and author of the book “Joy From Fear,” explained to me, it’s an evolutionary response from our caveman days, when humans have learned to be suspicious, favoring situations that feel familiar and safe. Most have a low tolerance for risk, especially when it comes to their health, safety or finances, she said.

?Those who find crypto culture entirely alien will likely tend to feel overwhelmed and intimidated,? she said.

After all, some of us may feel closer to our caveman days than to a world in which NFTs, dogecoin, and Coinbase reign supreme. The names and the opacity of their meanings signal a shift towards a more futuristic society.

“Consciously and unconsciously, they would have apprehensions about what future change would bring,” Manly said.

Blame the crypto bro

On the other hand, according to Manly, there is another category of people who are thrilled with the knowledge they have about crypto, especially if they are in the minority.

?Those who understand this area will likely feel very comfortable and largely unintimidated; their sense of competence will often outweigh any feelings of intimidation and insecurity,? she said.

This group, as Lawant put it, “created their own stories, narratives, memes, and other social norms.” It can feel alienating or even threatening to some who don’t share their values, he added.

This aligns with Berger’s research, which found that social influence can cause us to do the same ? or the opposite ? of others, depending on how we perceive their identity relative to our own.

?People like to do things that people like them do, and they tend to avoid doing things that other people who aren’t like them do,? he said.

Part of this involves deliberately avoiding a popular trend because some people like it to show you’re against it. ?Some of the people doing crypto have a particular identity that other people might not necessarily want to associate themselves with,? Berger said.

He says those people might think, ?That’s not a thing for me. Even though it has status for some people, it doesn’t for me.?

That’s because investing in ? and talking about ? crypto suggests you’re a certain type of person.

“He’s a different strain of dude than the tech bro from Silicon Valley,” said Mutchnik, the founder of @starterpacksofNYC. ?This guy probably doesn’t wear AllBirds or a Patagonia vest. Maybe he’s wearing a Moncler vest or some exorbitantly priced sneakers. There’s a kind of need (or at least a desire) to be perceived as hip or hip among these guys. .?

But the crypto guy is a stereotype, just like any other. As Mutchnik points out, not all crypto enthusiasts are guys ? there is a push for the crypto fraternity. Not all crypto enthusiasts talk endlessly about bitcoin either, with many trying to make crypto more accessible to people outside of the stereotypical ?crypto bro? crowd. ?Boys Club, co-founded by 37-year-old Deana Burke and 29-year-old Natasha Hoskins, is intended to welcome women and non-binary people into the crypto space. Another group, Women in NFTs, as the name suggests, also wants to open up crypto to women.

But the fact that the stereotype exists is enough to put people off. As Mutchnik put it, “Crypto isn’t all bad, it’s just that it was marketed poorly.”



We want to thank the writer of this write-up for this remarkable material

Why Talking About Cryptocurrency Is Boring: The Crypto Bro Stereotype


Check out our social media accounts and also other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => If you can’t stand people talking about crypto, you’re not alone. The ?crypto bro? stereotype can keep people from learning more about technology. We tend to withdraw from unfamiliar concepts, especially when they’re pushed in our face. LoadingSomething is loading. You know the guy. He wears a Moncler vest, is always on the phone, and ... Read more [atom_content] =>

You know the guy. He wears a Moncler vest, is always on the phone, and has very strong opinions about which NFTs you should buy.

He also wants to tell you how much money he made from his latest cryptocurrency investment and how it all works.

This persona, known as the ?crypto bro,? has proliferated over the past two years as the skyrocketing value of digital currencies has tipped them from fringe investments to pop culture touchstones. . The crypto bro has become part of the cultural lexicon, earning a GQ profile and hashtags on Twitter and Tik Tok.

The stereotype is the result of the arrival of crypto as The Next Big Thing. Advertisements for this year’s Super Bowl have led some to dub it the Crypto Bowl. NBC alumni The single person dive into NFT influence. The mayors of Miami and New York are trying to rebrand their cities as crypto hubs ? New York’s Eric Adams is even taking his first three paychecks in crypto. Last month, the likes of Bill Clinton and Tom Brady gathered in the Bahamas to talk about ?Web 3.0,? a collection of online services powered by blockchain technology dubbed the ?next phase? of the internet.

The hype left some breathless. Rebecca Jennings of Vox described a talk hosted by Gary Vaynerchuk devoted to NFTs as ?the most unpleasant event I have ever attended?. There’s a whole Reddit thread devoted to why crypto investors “are the most boring ones.” And as one person tweeted recently?God, I hate crypto so much.?

Sasha Mutchnik, a 25-year-old who posts subculture memes to popular Instagram account @starterpacksofNYC, compared the ?crypto bro? to New York?s ?finance guys? ? think the much-maligned Chad and Brad in their Patagonia vests. They’re also part of ‘tech bro’, the character in the hoodie and sneakers mocked by HBO Silicon Valley.

?Hit by a combination of money and hype,? Mutchnik told me, the crypto guy is ?so drunk on the success of this thing that no one (apart from him and his comrades who arrived early) doesn’t really understand that’s all he wants to talk about.?

Mutchnik thinks that’s a shame, considering the many companies working to make crypto platforms and technology feel relevant and useful in everyday life.

?The technology itself, and the majority of those who use it, are neither dumb, nor crude, nor obnoxious,? she said. ?Keeping it with boring language and endless spin-offs and ambiguous minimalist logos, though, it kind of is.?

But there is something deeper than annoyance in the popular disdain for crypto. It’s a foreign concept to many, with confusing technical jargon and an ethos of a Matrix-like future where even more of our lives are online ? at a time when many people crave IRL interactions after two years. of pandemic. When faced with such misunderstanding, we recoil, and even push back if it is pushed in our face.

Crypto is like a weight loss drug

Celebrities of all stripes, from Matt Damon and Gen Z influencer Charlie D’Amelio to Gwyneth Paltrow and Justin Bieber, have started partnering with brands like Crypto.com or crypto app Gemini to promote emerging currency.

Reese Witherspoon tweeted in January, ?In the (near) future, everyone will have a parallel digital identity. Avatars, crypto wallets, digital assets will be the norm. Do you foresee this??

Jonah Berger, professor of marketing at Wharton, explains why this aggressive talk may not be for everyone.

?People feel like they’re thrown,? Berger told me. ?In some ways it feels a bit like a


weightloss

drugs, which also makes it feel a bit like a scam. Why do so many people try so hard? Maybe it’s because it’s not really real.?

This is a red flag after celebrity-endorsed scams in recent years like Fyre Fest, Theranos, and the Anna Delvey Foundation. Moreover, the crypto world itself has seen major losses and scams: the developers of a popular NFT game lost $600 million in user investments due to a security breach, and a coin ?squid game? has risen in value amid the popularity of a


netflix

show of the same name, before disappearing from the internet.

It doesn’t help that Kim Kardashian and Floyd Mayweather are both facing a lawsuit alleging their crypto promotions were intended to raise the price of their own tokens in order to make money “at the expense of their subscribers and investors.” according to the plaintiffs. .

We are even more skeptical when something we deem suspicious seems to be popping up everywhere. Berger has spent a decade studying consumer behavior. In his most recent book, “The Catalyst: How to Change Everyone’s Mind,” he explores how people push back when they feel pressured, a concept known as “reactance.”

We feel it when we ignore spam in our inbox, junk mail, or annoying TV commercial. It’s also part of why some people are so resistant to crypto, when you see it everywhere, from Witherspoon’s Twitter to “The Tonight Show,” where Jimmy Fallon and Paris Hilton compared their NFT purchases.

?People don’t like to be sold on something,? Berger said. “When they feel like someone is trying to persuade them, their anti-persuasion radar goes off.”

Crypto scares us

Talking about bitcoin and ether triggers another kind of alarm: fear of the unknown.

Most Americans have known the basics of how money works from a young age. Paper notes and coins are tangible and easy to see when exchanged for goods. The concept of a digital currency can be harder to grasp, and it’s daunting, like you have to be tech-savvy to figure it out, 19-year-old cryptocurrency influencer Miss Teen Crypto told me.

“In reality, we use technology every day that we don’t really understand, like using a debit card – we don’t know the technical details of the transaction, but we know it works,” he said. she declared. ?It will be the same with cryptocurrency sooner or later.?

Not everyone agrees, and it has nothing to do with the crypto bro. Cryptomarkets themselves have been in turmoil recently, with the price of bitcoin down more than 50% from its high in late 2021. ?As an emerging asset class, the relatively high level of


volatility

may give some pause,? David Lawant, director of research at BitWise Asset Management, told me.

Additionally, a lack of regulation, environmental concerns over the amount of electricity required, and disagreements over how to value digital currencies have raised legitimate concerns about the future of crypto as a valid financial tool. . Warren Buffet even said he wouldn’t buy ?all the bitcoin in the world? for $25.

Whatever the reasons, shyness breeds fear. As Carla Marie Manly, psychologist and author of the book “Joy From Fear,” explained to me, it’s an evolutionary response from our caveman days, when humans have learned to be suspicious, favoring situations that feel familiar and safe. Most have a low tolerance for risk, especially when it comes to their health, safety or finances, she said.

?Those who find crypto culture entirely alien will likely tend to feel overwhelmed and intimidated,? she said.

After all, some of us may feel closer to our caveman days than to a world in which NFTs, dogecoin, and Coinbase reign supreme. The names and the opacity of their meanings signal a shift towards a more futuristic society.

“Consciously and unconsciously, they would have apprehensions about what future change would bring,” Manly said.

Blame the crypto bro

On the other hand, according to Manly, there is another category of people who are thrilled with the knowledge they have about crypto, especially if they are in the minority.

?Those who understand this area will likely feel very comfortable and largely unintimidated; their sense of competence will often outweigh any feelings of intimidation and insecurity,? she said.

This group, as Lawant put it, “created their own stories, narratives, memes, and other social norms.” It can feel alienating or even threatening to some who don’t share their values, he added.

This aligns with Berger’s research, which found that social influence can cause us to do the same ? or the opposite ? of others, depending on how we perceive their identity relative to our own.

?People like to do things that people like them do, and they tend to avoid doing things that other people who aren’t like them do,? he said.

Part of this involves deliberately avoiding a popular trend because some people like it to show you’re against it. ?Some of the people doing crypto have a particular identity that other people might not necessarily want to associate themselves with,? Berger said.

He says those people might think, ?That’s not a thing for me. Even though it has status for some people, it doesn’t for me.?

That’s because investing in ? and talking about ? crypto suggests you’re a certain type of person.

“He’s a different strain of dude than the tech bro from Silicon Valley,” said Mutchnik, the founder of @starterpacksofNYC. ?This guy probably doesn’t wear AllBirds or a Patagonia vest. Maybe he’s wearing a Moncler vest or some exorbitantly priced sneakers. There’s a kind of need (or at least a desire) to be perceived as hip or hip among these guys. .?

But the crypto guy is a stereotype, just like any other. As Mutchnik points out, not all crypto enthusiasts are guys ? there is a push for the crypto fraternity. Not all crypto enthusiasts talk endlessly about bitcoin either, with many trying to make crypto more accessible to people outside of the stereotypical ?crypto bro? crowd. ?Boys Club, co-founded by 37-year-old Deana Burke and 29-year-old Natasha Hoskins, is intended to welcome women and non-binary people into the crypto space. Another group, Women in NFTs, as the name suggests, also wants to open up crypto to women.

But the fact that the stereotype exists is enough to put people off. As Mutchnik put it, “Crypto isn’t all bad, it’s just that it was marketed poorly.”



We want to thank the writer of this write-up for this remarkable material

Why Talking About Cryptocurrency Is Boring: The Crypto Bro Stereotype


Check out our social media accounts and also other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652722923 ) [4] => Array ( [title] => What caused this megatooth shark?s massive toothache? [link] => https://redhatbeauty.com/what-caused-this-megatooth-sharks-massive-toothache/ [dc] => Array ( [creator] => Laura Surber ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 17:30:41 +0000 [category] => sciencecausedmassivemegatoothsharkstoothache [guid] => https://redhatbeauty.com/?p=1514 [description] => Journal Reference: Harrison S. Miller, Haviv M. Avrahami, Lindsay E. Zanno. Dental pathologies in lamniform and carcharhiniform sharks with comments on the classification and homology of double tooth pathologies in vertebrates. PeerJ, 2022; 10: e12775 DOI: 10.7717/peerj.12775 Researchers from North Carolina State University and the North Carolina Museum of Natural Sciences examined a deformed tooth ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Journal Reference:

  1. Harrison S. Miller, Haviv M. Avrahami, Lindsay E. Zanno. Dental pathologies in lamniform and carcharhiniform sharks with comments on the classification and homology of double tooth pathologies in vertebrates. PeerJ, 2022; 10: e12775 DOI: 10.7717/peerj.12775

Researchers from North Carolina State University and the North Carolina Museum of Natural Sciences examined a deformed tooth from an Otodus megalodon shark in a search for the root cause: was it developmental, or related to feeding? The work could give paleontologists more insight into the developmental processes associated with tooth injury in ancient sharks, as well as feeding behavior.

At issue is an abnormality referred to as double tooth pathology, in which a single tooth appears ?split.? There are several possible causes: during tooth development two tooth buds can fuse into one or one tooth bud can split into two (a process called gemination). Gemination and fusion can be caused by disease, genetics or physical injury to the tooth bud.

?We don?t have a lot of data on double tooth pathologies in ancient shark species,? says Harrison Miller, former NC State undergraduate student and corresponding author of a paper describing the work. ?So this was an opportunity to fill in those gaps ? and perhaps learn more about the sharks in the process.?

The researchers examined three abnormal teeth: one 4-inch tooth from O. megalodon, an apex predator the size of a school bus that ruled the seas in the Miocene and early Pliocene periods (from 11 to 3.7 million years ago); and two from Carcharhinus leucas, a much smaller bull shark species that lived during the same period and still roams the seas today.

All three oddly-shaped teeth displayed a form of double tooth pathology. The researchers compared the teeth to normal teeth from both species and performed nano-CT imaging of the deformed teeth so that they could examine what was going on inside.

While the pathological teeth did have more internal canals than normal teeth ? confirming either the incomplete splitting or joining of two teeth during development ? the researchers were unable to definitively establish a developmental cause.

?Part of the difficulty was in applying terminology from work in humans and other mammals to sharks,? says Haviv Avrahami, NC State doctoral student and paper co-author.

?Sharks have cartilaginous skeletons, not boney skeletons, so preservation of their jaws is rare in the fossil record, and usually, we only find the individual isolated teeth. Additionally, sharks have different mechanisms for tooth development ? they have continuous tooth replacement, so you can?t look at what is happening in the rest of the jaw to rule out fusion or gemination.?

Given what the researchers know about this kind of pathology in modern shark teeth, however, they lean toward feeding-related injury as a more probable cause.

?With O. megalodon in particular, the current understanding is that they fed mostly on whales,? Avrahami says. ?But we know that tooth deformities in modern sharks can be caused by something sharp piercing the conveyor belt of developing teeth inside the mouth. Based on what we see in modern sharks, the injury was most likely caused by chomping down on a spiny fish or taking a nasty stab from a stingray barb.?

?We also know that O. megalodon had nesting grounds around Panama, and that relatives of modern stingray species also inhabited that area,? Harrison says. ?And these spines can get very thick. So a tooth injury of this type could indicate that O. megalodon was more of a generalist predator ? and that this O. megalodon in particular just had a bad day.?

Lindsay Zanno, head of paleontology at the N.C. Museum of Natural Sciences, associate research professor at NC State and co-author of the research, agrees.

?When we think of predator-prey encounters, we tend to reserve our sympathy for the prey, but the life of a predator, even a gigantic megatooth shark, was no cakewalk either.?

The work appears in PeerJ, and was made possible by Mark Kostich?s donation of the pathological O. megalodon tooth (NCSM 33639) to the Paleontological Collections of the N.C. Museum of Natural Sciences.

?We?re incredibly grateful to Mark for gifting this specimen to the museum so we could learn more about these ancient animals,? Zanno says. ?So many important fossils are hidden away in private collections, where they are unable to shed new light on our wondrous world.?

Video:

We wish to say thanks to the author of this short article for this amazing content

What caused this megatooth shark?s massive toothache?

Check out our social media accounts and also other pages related to themhttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => Journal Reference: Harrison S. Miller, Haviv M. Avrahami, Lindsay E. Zanno. Dental pathologies in lamniform and carcharhiniform sharks with comments on the classification and homology of double tooth pathologies in vertebrates. PeerJ, 2022; 10: e12775 DOI: 10.7717/peerj.12775 Researchers from North Carolina State University and the North Carolina Museum of Natural Sciences examined a deformed tooth ... Read more [atom_content] =>

Journal Reference:

  1. Harrison S. Miller, Haviv M. Avrahami, Lindsay E. Zanno. Dental pathologies in lamniform and carcharhiniform sharks with comments on the classification and homology of double tooth pathologies in vertebrates. PeerJ, 2022; 10: e12775 DOI: 10.7717/peerj.12775

Researchers from North Carolina State University and the North Carolina Museum of Natural Sciences examined a deformed tooth from an Otodus megalodon shark in a search for the root cause: was it developmental, or related to feeding? The work could give paleontologists more insight into the developmental processes associated with tooth injury in ancient sharks, as well as feeding behavior.

At issue is an abnormality referred to as double tooth pathology, in which a single tooth appears ?split.? There are several possible causes: during tooth development two tooth buds can fuse into one or one tooth bud can split into two (a process called gemination). Gemination and fusion can be caused by disease, genetics or physical injury to the tooth bud.

?We don?t have a lot of data on double tooth pathologies in ancient shark species,? says Harrison Miller, former NC State undergraduate student and corresponding author of a paper describing the work. ?So this was an opportunity to fill in those gaps ? and perhaps learn more about the sharks in the process.?

The researchers examined three abnormal teeth: one 4-inch tooth from O. megalodon, an apex predator the size of a school bus that ruled the seas in the Miocene and early Pliocene periods (from 11 to 3.7 million years ago); and two from Carcharhinus leucas, a much smaller bull shark species that lived during the same period and still roams the seas today.

All three oddly-shaped teeth displayed a form of double tooth pathology. The researchers compared the teeth to normal teeth from both species and performed nano-CT imaging of the deformed teeth so that they could examine what was going on inside.

While the pathological teeth did have more internal canals than normal teeth ? confirming either the incomplete splitting or joining of two teeth during development ? the researchers were unable to definitively establish a developmental cause.

?Part of the difficulty was in applying terminology from work in humans and other mammals to sharks,? says Haviv Avrahami, NC State doctoral student and paper co-author.

?Sharks have cartilaginous skeletons, not boney skeletons, so preservation of their jaws is rare in the fossil record, and usually, we only find the individual isolated teeth. Additionally, sharks have different mechanisms for tooth development ? they have continuous tooth replacement, so you can?t look at what is happening in the rest of the jaw to rule out fusion or gemination.?

Given what the researchers know about this kind of pathology in modern shark teeth, however, they lean toward feeding-related injury as a more probable cause.

?With O. megalodon in particular, the current understanding is that they fed mostly on whales,? Avrahami says. ?But we know that tooth deformities in modern sharks can be caused by something sharp piercing the conveyor belt of developing teeth inside the mouth. Based on what we see in modern sharks, the injury was most likely caused by chomping down on a spiny fish or taking a nasty stab from a stingray barb.?

?We also know that O. megalodon had nesting grounds around Panama, and that relatives of modern stingray species also inhabited that area,? Harrison says. ?And these spines can get very thick. So a tooth injury of this type could indicate that O. megalodon was more of a generalist predator ? and that this O. megalodon in particular just had a bad day.?

Lindsay Zanno, head of paleontology at the N.C. Museum of Natural Sciences, associate research professor at NC State and co-author of the research, agrees.

?When we think of predator-prey encounters, we tend to reserve our sympathy for the prey, but the life of a predator, even a gigantic megatooth shark, was no cakewalk either.?

The work appears in PeerJ, and was made possible by Mark Kostich?s donation of the pathological O. megalodon tooth (NCSM 33639) to the Paleontological Collections of the N.C. Museum of Natural Sciences.

?We?re incredibly grateful to Mark for gifting this specimen to the museum so we could learn more about these ancient animals,? Zanno says. ?So many important fossils are hidden away in private collections, where they are unable to shed new light on our wondrous world.?

Video:

We wish to say thanks to the author of this short article for this amazing content

What caused this megatooth shark?s massive toothache?

Check out our social media accounts and also other pages related to themhttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652722241 ) [5] => Array ( [title] => Adria Bartolich and Lady Demonique: ?The problem is not bigotry but public ethics. In other countries she would never have been nominated? ? ComoZero [link] => https://redhatbeauty.com/adria-bartolich-and-lady-demonique-the-problem-is-not-bigotry-but-public-ethics-in-other-countries-she-would-never-have-been-nominated-comozero/ [dc] => Array ( [creator] => Susan Street ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 17:05:14 +0000 [category] => NewsAdriaBartolichbigotryComoZerocountriesDemoniqueethicsLadynominatedproblempublic [guid] => https://redhatbeauty.com/?p=1512 [description] => The mayor candidate of Bene Comune and Civitas, Adria Bartolich, intervenes on the case that agitated Barbara Minghetti’s coalition last week, namely the presence (later deleted) in the list of Agenda Como 2030 – on behalf of Action – of the erotic performer Doha Zaghi, aka Lady Demonique. Bartolich premieres that you address the question ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

The mayor candidate of Bene Comune and Civitas, Adria Bartolich, intervenes on the case that agitated Barbara Minghetti’s coalition last week, namely the presence (later deleted) in the list of Agenda Como 2030 – on behalf of Action – of the erotic performer Doha Zaghi, aka Lady Demonique. Bartolich premieres that you address the question “not so much because I care about the story, but its meaning” and then underlining that “I find it rather disconcerting that it must be explained why some candidacies are to be considered unfounded.rtune “. Then he tackles the question from different points of view, which we report here in large excerpts (here integral)

A mistress is a candidate for the elections, literal translation of a mistress, where mistress does not mean the somewhat old definition of a plump capitalist, but a lady who as an activity carries out that of beating or humiliating men who are obviously happy with it

Here begin the first considerations full of meaning:

“It’s a job like any other”: do we include it in guidance counselors in schools or do we organize professional training courses? What national contract does the lady’s business refer to if she has a contract? Is there a professional order? What work gets paid in handbags?

“I’m not a moralist”: statement that implicitly implies that anyone who is perplexed by some facts, is;

“In private life everyone does what they want”: yes, within the limits imposed by the Constitution, by law, by ordinances and regulations, to which I would also add common sense ex officio; but here we are by now on the terrain of public life;

“Basically it doesn’t do anything wrong”: I don’t know, but in a relationship where there is someone who dominates and humiliates and another who is submissive and humiliated, albeit by his will, I believe that at least there is an obvious problem with roles and power, as well as a manifestation of the need for almost total control over the other.

That all this takes place with a crucifix in hand, a series of blasphemies and the exercise of physical violence seems to take a back seat. Even that this activity is carried out with the servant disguised as a well-known political figure and complete with footage easily available online. Two problems of a general nature which are not insignificant are focused on these last two things.

In Italy, religious freedom is rightly protected in one of the key concepts of the Constitution, that of the right to profess one’s religion, which goes hand in hand with respect for the values ??and symbols of the religion of others. We fought for the respect of the Islamic veil, albeit not for the integral one, because religion and civil rights must go hand in hand, and we cannot treat the religion that millions of Italians practice differently from others. Furthermore, among the foundations of a democratic system there is inevitably respect for the political adversary, especially if we don’t like it. Both principles in the affair seem to me to have been largely underestimated.

A slew of quite disturbing clichés to defend an error, which do not take an objective fact: if you ended up on all the national pages and TV, perhaps that thing is commonly considered at least eccentric.

I will be told why we are a bigoted country while in other situations the story would have gone almost unnoticed. This is precisely the heart of the problem. In other countries she would not even have been a candidate, yes precisely in those countries that have represented the most secular and free part of Europe where it happens that a minister resigns, not for a false degree but for a thesis where 100 passages have been copied without cite source.

The real issue is not bigotry, among other things, between the lines, the definition inevitably linked to sex, but the conception of public ethics.

This subtle distinction, so to speak, means that the institutions, which represent the apex of the life of a community, acquire an authoritative and undisputed role and that is why institutions must be protected from the incursions of external elements that can delegitimize them. , but also from political debates that aim to delegitimize people as such.

With the weight loss of parties often transformed into electoral committees and the mediating role they once played, institutions have instead become a battleground and perceived as such.

The wild majority where whoever wins takes everything, did the rest. Institutions are no longer for everyone, they are only for someone. Albeit temporarily. The first thing that politics must do is to dismantle this concept, and also quite quickly, given the very low number of people who go to vote.

We would like to say thanks to the author of this article for this amazing material

Adria Bartolich and Lady Demonique: “The problem is not bigotry but public ethics. In other countries she would never have been nominated” – ComoZero


We have our social media profiles here , as well as other related pages herehttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => The mayor candidate of Bene Comune and Civitas, Adria Bartolich, intervenes on the case that agitated Barbara Minghetti’s coalition last week, namely the presence (later deleted) in the list of Agenda Como 2030 – on behalf of Action – of the erotic performer Doha Zaghi, aka Lady Demonique. Bartolich premieres that you address the question ... Read more [atom_content] =>

The mayor candidate of Bene Comune and Civitas, Adria Bartolich, intervenes on the case that agitated Barbara Minghetti’s coalition last week, namely the presence (later deleted) in the list of Agenda Como 2030 – on behalf of Action – of the erotic performer Doha Zaghi, aka Lady Demonique. Bartolich premieres that you address the question “not so much because I care about the story, but its meaning” and then underlining that “I find it rather disconcerting that it must be explained why some candidacies are to be considered unfounded.rtune “. Then he tackles the question from different points of view, which we report here in large excerpts (here integral)

A mistress is a candidate for the elections, literal translation of a mistress, where mistress does not mean the somewhat old definition of a plump capitalist, but a lady who as an activity carries out that of beating or humiliating men who are obviously happy with it

Here begin the first considerations full of meaning:

“It’s a job like any other”: do we include it in guidance counselors in schools or do we organize professional training courses? What national contract does the lady’s business refer to if she has a contract? Is there a professional order? What work gets paid in handbags?

“I’m not a moralist”: statement that implicitly implies that anyone who is perplexed by some facts, is;

“In private life everyone does what they want”: yes, within the limits imposed by the Constitution, by law, by ordinances and regulations, to which I would also add common sense ex officio; but here we are by now on the terrain of public life;

“Basically it doesn’t do anything wrong”: I don’t know, but in a relationship where there is someone who dominates and humiliates and another who is submissive and humiliated, albeit by his will, I believe that at least there is an obvious problem with roles and power, as well as a manifestation of the need for almost total control over the other.

That all this takes place with a crucifix in hand, a series of blasphemies and the exercise of physical violence seems to take a back seat. Even that this activity is carried out with the servant disguised as a well-known political figure and complete with footage easily available online. Two problems of a general nature which are not insignificant are focused on these last two things.

In Italy, religious freedom is rightly protected in one of the key concepts of the Constitution, that of the right to profess one’s religion, which goes hand in hand with respect for the values ??and symbols of the religion of others. We fought for the respect of the Islamic veil, albeit not for the integral one, because religion and civil rights must go hand in hand, and we cannot treat the religion that millions of Italians practice differently from others. Furthermore, among the foundations of a democratic system there is inevitably respect for the political adversary, especially if we don’t like it. Both principles in the affair seem to me to have been largely underestimated.

A slew of quite disturbing clichés to defend an error, which do not take an objective fact: if you ended up on all the national pages and TV, perhaps that thing is commonly considered at least eccentric.

I will be told why we are a bigoted country while in other situations the story would have gone almost unnoticed. This is precisely the heart of the problem. In other countries she would not even have been a candidate, yes precisely in those countries that have represented the most secular and free part of Europe where it happens that a minister resigns, not for a false degree but for a thesis where 100 passages have been copied without cite source.

The real issue is not bigotry, among other things, between the lines, the definition inevitably linked to sex, but the conception of public ethics.

This subtle distinction, so to speak, means that the institutions, which represent the apex of the life of a community, acquire an authoritative and undisputed role and that is why institutions must be protected from the incursions of external elements that can delegitimize them. , but also from political debates that aim to delegitimize people as such.

With the weight loss of parties often transformed into electoral committees and the mediating role they once played, institutions have instead become a battleground and perceived as such.

The wild majority where whoever wins takes everything, did the rest. Institutions are no longer for everyone, they are only for someone. Albeit temporarily. The first thing that politics must do is to dismantle this concept, and also quite quickly, given the very low number of people who go to vote.

We would like to say thanks to the author of this article for this amazing material

Adria Bartolich and Lady Demonique: “The problem is not bigotry but public ethics. In other countries she would never have been nominated” – ComoZero


We have our social media profiles here , as well as other related pages herehttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652720714 ) [6] => Array ( [title] => The duel does not stop ? Cubajournalists [link] => https://redhatbeauty.com/the-duel-does-not-stop-cubajournalists/ [dc] => Array ( [creator] => Laura Surber ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 15:27:05 +0000 [category] => NewsCubajournalistsduelstop [guid] => https://redhatbeauty.com/?p=1510 [description] => The official duel ended, the formal one, for the people killed in the Saratoga hotel tragedy; but the pain will last in the feelings of people guided by values ??of humanity. For the author of this article, May 6 was already linked with a mixture of feelings in which grief occupies a permanent place: on ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

The official duel ended, the formal one, for the people killed in the Saratoga hotel tragedy; but the pain will last in the feelings of people guided by values ??of humanity. For the author of this article, May 6 was already linked with a mixture of feelings in which grief occupies a permanent place: on that date, in 1932, his mother was born, so on the day of the tragedy she would have been ninety years old. . The writer, who is among those who prefer to give modest treatment to the most personal pain, did not remember it on the networks.

As he waited his turn in a queue on the morning of May 6, he remembered his mother, when several people gathered around mobile phones talking, alarmed, of “a bomb in the Saratoga hotel”, and immediately they heard ambulance sirens. Some of them were seen passing by.

It is not fortuitous that an event of this nature in Cuba leads one to think of the monstrosity of an attack: it responds to the history of crimes committed against this country by the terrorist US imperialism with the help of assassins at its service: a bulky resume in which They are registered, to mention only two cases, the explosion of the ship La Coubre in the Port of Havana, and that of a plane, with more than seventy people on board, in full flight.

However, the mental link between what happened in the Saratoga and the eventuality of a bomb did not exclude morbidities typical of those who ?with miserable delight or through motley inertia? speak without knowing, or knowing they are accomplices of the abject. From the first moments there were voices that, even in the vicinity of the Saratoga, or from there, spoke, with reason, of an accident. But there were also those who rushed to say: “That story is poorly told, they want to hide that it was sabotage.”

In the group in which this writer was found, the comments immediately bubbled up. It is comforting to say that, in what reached the ears of this witness, in general they repudiated the possible attack, and expressed solidarity with the victims and with the country. Someone began to call by phone to direct the donation of medicines, as so many people would be willing to offer their blood.

There were also those who pointed low, rather lowly: “Surely they don’t say it in the Newscast, or they’ll say it was ‘an explosion'”. Nor was that falsehood left without an adequate response: “About all the sabotage that has occurred in our hotels, it has been reported responsibly, including the identity of the dead,” someone said in a loud and clear voice.

Faced with the insinuation of alleged silencing or concealment of our press about what happened in Saratoga, in the same queue at the market, telephone in hand, a voice commented: “Already on the networks it is announced that there are reporters from the daily Granma at the scene to collect and transmit accurate information. And the responsible information was immediate. The agility that may have been sadly lacking on other occasions worked effectively this time, and remained as it should be.

The television informed punctually, and in the Newscast at noon, shortly after the explosion, the data that was already available at that time was offered. The Cuban authorities, starting with the highest ranking, fulfilled their duty at the site of the tragedy and in the medical centers where the injured received immediate, careful, effective care. That was not new, but a whole rule of conduct that continues to be inspired by the example of the Commander, although there are those who prefer to hide it, or “forget it.”

The prompt confirmation, with all of the law, that it was not a question of sabotage, led to a kind of understandable calm, especially since, being an accident, no new explosions would have to be expected, although the fateful possibility was announced in the networks: “It is expected that bombs will explode in other hotels in Havana,” said some voice that was denied by the facts.

But the fact that it was an accident did not authorize ?does not authorize? to feel comfortable, nor would it diminish the pain caused by the tragedy. It was there, and although this was not the time to insist on the need to stay alive against the occurrence of accidents, it would in fact be accompanied by a lesson renewed by sorrow in the face of loss of life ?in the middle of childhood even? and people injured.

The most terrible things were concentrated in those lines, but neither is it worth underestimating what that bloody explosion represented and will continue to represent, not only because of its human cost, but also economically, for a country with so many deficits in that sphere. And there was no devious, mercenary enemy to hold responsible for what happened that day.

Among the causes of the shortcomings that Cuba suffers, the main weight is the policy of the genocidal power that has sponsored terrorist acts against it. In these acts, an economic, financial and commercial blockade stands out as harmful and deadly as several powerful bombs together, or numerous explosions of another nature, such as the Saratoga.

It is known that accidents are neither so inevitable nor so accidental, that is to say with the hackneyed redundancy. And an accident can be materially no less costly than sabotage, but it can even be more sobering. Lessons will have to be learned from what happened in a brand new hotel and that ?after administrative rethinking and, presumably, technical reviews? was getting ready to resume its activity, which had been interrupted, four days after the tragedy.

It is Cuba’s turn to act well because yes: because it deserves it and needs it, and its people must be the main object of its efforts and actions. Slander against her will not be lacking. The massive cloud of dust caused by the explosion was rising and making it difficult to explore the hotel building ?it was not the only building that suffered damage?, and in different places those who viciously attacked the country were wriggling.

Miami, lair of bloodthirsty anti-Cuban terrorists, was once again the capital of infamy. But other scenarios should not be discounted, nor abject echoes within Cuba itself, reprehensible no matter how isolated they may be.

The enemies of Cuba were trying?they are trying?to extract dividends from the tragedy, from the pain of the families of the victims, and of the Cuban people in general. In other words, of the vast majority of this deserving to be called the cuban peoplethe one that embraces the sense of homeland as humanity, this time even because among the fatalities of the accident there was a young Spanish woman who was visiting Havana.

There were not even those who rushed to condemn Cuba because no official mourning for the victims had been decreed. They wanted to take advantage – scavengers they are – of the fact that this duel should not be decreed until the number of deaths was firm. And that could not be known without the fundamental completion of the rescue and rescue tasks undertaken amid the large amount of rubble and in dangerous circumstances for those who were diligently carrying out the complex mission. It was not an excess of enthusiasm that, through the voice of the people, recognized these people as heroic.

Do not discount the fact that there are those who, erect in their pretensions, proclaim that thanks to their “enlightened and brave voices” the Cuban government decreed the duel. It is not the first time that scoundrels of this type have been heard. At the beginning of the covid-19 pandemic, for example, there were those who wanted to take credit for the suspension of classes in Cuban schools, as if it were the result of their claims.

That is said without ignoring those who have acted motivated by noble intentions by expressing sincere concern about the possible contagion of boys and girls. But even less is it possible to ignore the concern and occupation permanent with which the Cuban State naturally takes responsibility for attending to public health and prioritizes the care of the child population, guidelines that will not be renounced.

There would also be those who would honestly despair thinking about the mourning that should be decreed for the victims of the terrible accident on May 6. But only abominable beings ?and it is proven that they exist? will be able to deny the resolution with which these victims and their families have been treated, including those who have totally or partially lost their homes.

In no way will the unpatriotic dregs decide the actions of the country. There are many worthy people in it, and those who serve the empire ?although they do so out of a lack of caution that at this point is very difficult to believe? have neither the right nor the morals to give lessons in conduct to the nation.

It is up to Cuba and its institutions, and its daughters and sons who live and go out of their way for it, to maintain the necessary compass, and to respect it. That duty includes extracting from the Saratoga tragedy as many lessons as possible to try to ensure that something similar to that source of pain that does not cease never happens here again, and that will accompany many people as long as they live.

Fully and practically assuming all the necessary lessons ?and in general continuing to work hard to achieve a prosperous and livable country? will be the brightest candle lit in tribute to the victims, and the best way of thanking those who on different fronts They ratified their status as heroes and heroines, as worthy and sensitive people, as patriots.

We want to give thanks to the author of this short article for this incredible content

The duel does not stop – Cubajournalists


Check out our social media profiles as well as other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => The official duel ended, the formal one, for the people killed in the Saratoga hotel tragedy; but the pain will last in the feelings of people guided by values ??of humanity. For the author of this article, May 6 was already linked with a mixture of feelings in which grief occupies a permanent place: on ... Read more [atom_content] =>

The official duel ended, the formal one, for the people killed in the Saratoga hotel tragedy; but the pain will last in the feelings of people guided by values ??of humanity. For the author of this article, May 6 was already linked with a mixture of feelings in which grief occupies a permanent place: on that date, in 1932, his mother was born, so on the day of the tragedy she would have been ninety years old. . The writer, who is among those who prefer to give modest treatment to the most personal pain, did not remember it on the networks.

As he waited his turn in a queue on the morning of May 6, he remembered his mother, when several people gathered around mobile phones talking, alarmed, of “a bomb in the Saratoga hotel”, and immediately they heard ambulance sirens. Some of them were seen passing by.

It is not fortuitous that an event of this nature in Cuba leads one to think of the monstrosity of an attack: it responds to the history of crimes committed against this country by the terrorist US imperialism with the help of assassins at its service: a bulky resume in which They are registered, to mention only two cases, the explosion of the ship La Coubre in the Port of Havana, and that of a plane, with more than seventy people on board, in full flight.

However, the mental link between what happened in the Saratoga and the eventuality of a bomb did not exclude morbidities typical of those who ?with miserable delight or through motley inertia? speak without knowing, or knowing they are accomplices of the abject. From the first moments there were voices that, even in the vicinity of the Saratoga, or from there, spoke, with reason, of an accident. But there were also those who rushed to say: “That story is poorly told, they want to hide that it was sabotage.”

In the group in which this writer was found, the comments immediately bubbled up. It is comforting to say that, in what reached the ears of this witness, in general they repudiated the possible attack, and expressed solidarity with the victims and with the country. Someone began to call by phone to direct the donation of medicines, as so many people would be willing to offer their blood.

There were also those who pointed low, rather lowly: “Surely they don’t say it in the Newscast, or they’ll say it was ‘an explosion'”. Nor was that falsehood left without an adequate response: “About all the sabotage that has occurred in our hotels, it has been reported responsibly, including the identity of the dead,” someone said in a loud and clear voice.

Faced with the insinuation of alleged silencing or concealment of our press about what happened in Saratoga, in the same queue at the market, telephone in hand, a voice commented: “Already on the networks it is announced that there are reporters from the daily Granma at the scene to collect and transmit accurate information. And the responsible information was immediate. The agility that may have been sadly lacking on other occasions worked effectively this time, and remained as it should be.

The television informed punctually, and in the Newscast at noon, shortly after the explosion, the data that was already available at that time was offered. The Cuban authorities, starting with the highest ranking, fulfilled their duty at the site of the tragedy and in the medical centers where the injured received immediate, careful, effective care. That was not new, but a whole rule of conduct that continues to be inspired by the example of the Commander, although there are those who prefer to hide it, or “forget it.”

The prompt confirmation, with all of the law, that it was not a question of sabotage, led to a kind of understandable calm, especially since, being an accident, no new explosions would have to be expected, although the fateful possibility was announced in the networks: “It is expected that bombs will explode in other hotels in Havana,” said some voice that was denied by the facts.

But the fact that it was an accident did not authorize ?does not authorize? to feel comfortable, nor would it diminish the pain caused by the tragedy. It was there, and although this was not the time to insist on the need to stay alive against the occurrence of accidents, it would in fact be accompanied by a lesson renewed by sorrow in the face of loss of life ?in the middle of childhood even? and people injured.

The most terrible things were concentrated in those lines, but neither is it worth underestimating what that bloody explosion represented and will continue to represent, not only because of its human cost, but also economically, for a country with so many deficits in that sphere. And there was no devious, mercenary enemy to hold responsible for what happened that day.

Among the causes of the shortcomings that Cuba suffers, the main weight is the policy of the genocidal power that has sponsored terrorist acts against it. In these acts, an economic, financial and commercial blockade stands out as harmful and deadly as several powerful bombs together, or numerous explosions of another nature, such as the Saratoga.

It is known that accidents are neither so inevitable nor so accidental, that is to say with the hackneyed redundancy. And an accident can be materially no less costly than sabotage, but it can even be more sobering. Lessons will have to be learned from what happened in a brand new hotel and that ?after administrative rethinking and, presumably, technical reviews? was getting ready to resume its activity, which had been interrupted, four days after the tragedy.

It is Cuba’s turn to act well because yes: because it deserves it and needs it, and its people must be the main object of its efforts and actions. Slander against her will not be lacking. The massive cloud of dust caused by the explosion was rising and making it difficult to explore the hotel building ?it was not the only building that suffered damage?, and in different places those who viciously attacked the country were wriggling.

Miami, lair of bloodthirsty anti-Cuban terrorists, was once again the capital of infamy. But other scenarios should not be discounted, nor abject echoes within Cuba itself, reprehensible no matter how isolated they may be.

The enemies of Cuba were trying?they are trying?to extract dividends from the tragedy, from the pain of the families of the victims, and of the Cuban people in general. In other words, of the vast majority of this deserving to be called the cuban peoplethe one that embraces the sense of homeland as humanity, this time even because among the fatalities of the accident there was a young Spanish woman who was visiting Havana.

There were not even those who rushed to condemn Cuba because no official mourning for the victims had been decreed. They wanted to take advantage – scavengers they are – of the fact that this duel should not be decreed until the number of deaths was firm. And that could not be known without the fundamental completion of the rescue and rescue tasks undertaken amid the large amount of rubble and in dangerous circumstances for those who were diligently carrying out the complex mission. It was not an excess of enthusiasm that, through the voice of the people, recognized these people as heroic.

Do not discount the fact that there are those who, erect in their pretensions, proclaim that thanks to their “enlightened and brave voices” the Cuban government decreed the duel. It is not the first time that scoundrels of this type have been heard. At the beginning of the covid-19 pandemic, for example, there were those who wanted to take credit for the suspension of classes in Cuban schools, as if it were the result of their claims.

That is said without ignoring those who have acted motivated by noble intentions by expressing sincere concern about the possible contagion of boys and girls. But even less is it possible to ignore the concern and occupation permanent with which the Cuban State naturally takes responsibility for attending to public health and prioritizes the care of the child population, guidelines that will not be renounced.

There would also be those who would honestly despair thinking about the mourning that should be decreed for the victims of the terrible accident on May 6. But only abominable beings ?and it is proven that they exist? will be able to deny the resolution with which these victims and their families have been treated, including those who have totally or partially lost their homes.

In no way will the unpatriotic dregs decide the actions of the country. There are many worthy people in it, and those who serve the empire ?although they do so out of a lack of caution that at this point is very difficult to believe? have neither the right nor the morals to give lessons in conduct to the nation.

It is up to Cuba and its institutions, and its daughters and sons who live and go out of their way for it, to maintain the necessary compass, and to respect it. That duty includes extracting from the Saratoga tragedy as many lessons as possible to try to ensure that something similar to that source of pain that does not cease never happens here again, and that will accompany many people as long as they live.

Fully and practically assuming all the necessary lessons ?and in general continuing to work hard to achieve a prosperous and livable country? will be the brightest candle lit in tribute to the victims, and the best way of thanking those who on different fronts They ratified their status as heroes and heroines, as worthy and sensitive people, as patriots.

We want to give thanks to the author of this short article for this incredible content

The duel does not stop – Cubajournalists


Check out our social media profiles as well as other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652714825 ) [7] => Array ( [title] => Does drinking black coffee make you lose weight: how to lose 5 kg without depriving yourself of food? [link] => https://redhatbeauty.com/does-drinking-black-coffee-make-you-lose-weight-how-to-lose-5-kg-without-depriving-yourself-of-food/ [dc] => Array ( [creator] => Amanda Tyer ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 14:49:20 +0000 [category] => Newsblackcoffeedeprivingdrinkingfoodloseweight [guid] => https://redhatbeauty.com/?p=1507 [description] => Does drinking black coffee make you lose weight? Many of us drink coffee every day and wonder if it helps with weight loss. Black coffee without milk, cream and sweeteners has been shown to help with weight loss.The caffeine in coffee is responsible for weight loss. People often consume caffeinated beverages to invigorate and energize ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Does drinking black coffee make you lose weight? Many of us drink coffee every day and wonder if it helps with weight loss. Black coffee without milk, cream and sweeteners has been shown to help with weight loss.
The caffeine in coffee is responsible for weight loss. People often consume caffeinated beverages to invigorate and energize their bodies.

Coffee reduces appetite in those wishing to lose weight

Coffee helps burn fat

The caffeine in coffee activates the muscles in our body to start burning fat for energy, instead of carbohydrates which are the main source of energy. But this effect of caffeine is short-lived and strictly individual. Researchers have also found that caffeine helps improve endurance under long-term stress because it increases the body’s ability to store energy from fat stores.

Diuretic effect

Caffeine helps to urinate more frequently. This way you can get rid of excess water in your body. However, it should not be abused with coffee so as not to become dehydrated. It is important to drink enough water to make up for the loss.

Reduces appetite

Coffee increases the levels of certain neurotransmitters in our body ? serotonin, dopamine and acetylcholine. At low serotonin levels, for example, people feel the need to consume more carbohydrates.

You can stop yourself from eating unnecessary carbohydrates and lose weight

drink coffee in the evening to lose weight cup of coffee woman hand



Contains no calories

Black coffee without sweeteners, milk or cream contains no calories. According to nutritionists, drinking a calorie-free drink before you eat will help you eat less afterwards, as it will partially satisfy your hunger.
In general, drinking coffee can help you lose weight, but it should only be part of a balanced diet and an intensive exercise program. Otherwise, you cannot expect to get good results. Additionally, you need to be careful about the amount of coffee you take, as too much coffee can lead to health issues ? insomnia, irritability, nervousness, high blood pressure, headaches and more. Therefore, the key is in moderate doses of everything.
The caffeine in coffee can help you shed a few pounds or even prevent weight gain. But it cannot help you lose weight significantly or maintain the permanent result.

lose weight with coffee

One of the positive qualities of coffee is its ability to suppress the appetite. Consider drinking decaffeinated coffee or half a cup of coffee if you don’t want to drink a full cup of coffee. Avoid caffeine for four to six hours before bed if possible. Otherwise, it will cause sleep disturbances and promote weight gain.

If you’re hungry, drink coffee

drinking black coffee makes you lose weight man drinks coffee in front of the computer

Although coffee can act as a diuretic, when combined with water it does not cause dehydration. This combination will help you stay full longer. In this way, you will reduce the coffee consumed for the day.

Men should drink 3 liters of water per day and women 2.2 liters

how much black coffee a day to lose weight cup of coffee and glass of water

Coffee stimulates thermogenesis and thus the body produces heat and energy from digestion. This can result in the loss of extra calories. Consumed before a workout, the caffeinated drink will help your body burn more calories and fat.

For optimal results, take approximately 200 mg of caffeine before training

what coffee makes you lose weight athlete takes coffee

A cup of unsweetened coffee contains only two calories. Adding cream and sugar significantly increases their content. If you can’t drink coffee cleanly, rely on skim milk and another type of sweetener other than sugar.

Coffee without sugar for good results

black coffee without sugar does it lose weight cup of coffee with sugar

Many types of coffee offer it with a tempting taste. But these drinks are more like desserts that contain hundreds of calories and added fat.

Only freshly ground coffee can help you lose weight

drinking black coffee makes you lose weight.  milk coffee cup

Take coffee in a healthy amount. In small quantities, it is very useful. Coffee has the ability to temporarily suppress appetite and stimulate calorie burning. But excessive consumption can lead to increased levels of stress and insomnia, which combined lead to weight gain. 1 or 2 cups of coffee a day are enough to lose weight. That’s an amount equivalent to four cups of brewed coffee, 10 cans of cola, or two “energy” drinks.

Do not take more than 400 milligrams of caffeine per day

how much coffee per day to lose weight woman with cup

If you want to get the most out of coffee, plan your intake for the day. It will not only make you more energetic but also suppress your appetite. For example, when you drink 4 cups of coffee a day, you can drink 1 cup in the morning, midday, mid-afternoon, and 1 cup at dinner. Adjust the intake scheme to find out which option is best for you.

In this way, you can drink coffee 8 times a day and weight loss will be more effective. Another tip is to drink half a cup of regular coffee with half a cup of hot water. 1 tablespoon of this product makes coffee more useful.

Diet plays a major role in weight loss. Bet on 3 balanced and healthy meals for the day. Healthy foods rich in vitamins and minerals, complex carbohydrates and moderate amounts of fat will only help you lose weight. Follow the rule of minus 500 to 1000 calories per day from your current intake.

Remember that you should not go below 1200 calories per day

drink black coffee for weight loss various useful foods

Lose weight without harming your health

Coffee should not be drunk with sugar. Definitively ! First, remember this: the benefits of coffee for the body (for weight loss, for improving memory, for preventing heart disease, etc.) only become apparent when we drink our unsweetened coffee. .

You can stop yourself from eating unnecessary carbohydrates and lose weight

To enhance the effect of coffee

If you put cardamom in coffee, you will get rid of toxins and lose weight. This spice not only neutralizes the harmful effects of caffeine, but also helps cleanse the body of toxins and lose weight faster. The drink not only activates the metabolism, but also has a positive effect on vision. It improves brain function and mood, removes depression and apathy. What happens to your liver when you drink coffee ? these results will surprise you. Oriental spices “soften” the effect of caffeine on the vascular system, without affecting the invigorating effect of coffee. This spice also copes with bad breath. Experts recommend adding it to coffee along with 2 other spices ? cloves and cinnamon. Cardamom goes well with cloves, which are rich in trace elements and vitamins. They all contribute to faster weight loss. Cinnamon is a natural antioxidant that speeds up metabolic processes in the body and gives a feeling of satiety.

Cardamom, cinnamon, ginger and cloves are also an addition to coffee

what coffee makes you lose weight cup of coffee and cardamon seeds

Cardamom coffee

Ingredients :

Preparation :

Mix all the ingredients. Add the water. Stir the mixture. Bring to a boil over low heat. As soon as foam appears, remove the pan from the heat. The drink can also be prepared in a coffee machine.
Drink coffee with cardamom in the absence of the following contraindications – sleep disorders, mental disorders, heart disease, diseases of internal organs.

We want to say thanks to the author of this short article for this awesome content

Does drinking black coffee make you lose weight: how to lose 5 kg without depriving yourself of food?


Visit our social media accounts along with other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => Does drinking black coffee make you lose weight? Many of us drink coffee every day and wonder if it helps with weight loss. Black coffee without milk, cream and sweeteners has been shown to help with weight loss.The caffeine in coffee is responsible for weight loss. People often consume caffeinated beverages to invigorate and energize ... Read more [atom_content] =>

Does drinking black coffee make you lose weight? Many of us drink coffee every day and wonder if it helps with weight loss. Black coffee without milk, cream and sweeteners has been shown to help with weight loss.
The caffeine in coffee is responsible for weight loss. People often consume caffeinated beverages to invigorate and energize their bodies.

Coffee reduces appetite in those wishing to lose weight

Coffee helps burn fat

The caffeine in coffee activates the muscles in our body to start burning fat for energy, instead of carbohydrates which are the main source of energy. But this effect of caffeine is short-lived and strictly individual. Researchers have also found that caffeine helps improve endurance under long-term stress because it increases the body’s ability to store energy from fat stores.

Diuretic effect

Caffeine helps to urinate more frequently. This way you can get rid of excess water in your body. However, it should not be abused with coffee so as not to become dehydrated. It is important to drink enough water to make up for the loss.

Reduces appetite

Coffee increases the levels of certain neurotransmitters in our body ? serotonin, dopamine and acetylcholine. At low serotonin levels, for example, people feel the need to consume more carbohydrates.

You can stop yourself from eating unnecessary carbohydrates and lose weight

drink coffee in the evening to lose weight cup of coffee woman hand



Contains no calories

Black coffee without sweeteners, milk or cream contains no calories. According to nutritionists, drinking a calorie-free drink before you eat will help you eat less afterwards, as it will partially satisfy your hunger.
In general, drinking coffee can help you lose weight, but it should only be part of a balanced diet and an intensive exercise program. Otherwise, you cannot expect to get good results. Additionally, you need to be careful about the amount of coffee you take, as too much coffee can lead to health issues ? insomnia, irritability, nervousness, high blood pressure, headaches and more. Therefore, the key is in moderate doses of everything.
The caffeine in coffee can help you shed a few pounds or even prevent weight gain. But it cannot help you lose weight significantly or maintain the permanent result.

lose weight with coffee

One of the positive qualities of coffee is its ability to suppress the appetite. Consider drinking decaffeinated coffee or half a cup of coffee if you don’t want to drink a full cup of coffee. Avoid caffeine for four to six hours before bed if possible. Otherwise, it will cause sleep disturbances and promote weight gain.

If you’re hungry, drink coffee

drinking black coffee makes you lose weight man drinks coffee in front of the computer

Although coffee can act as a diuretic, when combined with water it does not cause dehydration. This combination will help you stay full longer. In this way, you will reduce the coffee consumed for the day.

Men should drink 3 liters of water per day and women 2.2 liters

how much black coffee a day to lose weight cup of coffee and glass of water

Coffee stimulates thermogenesis and thus the body produces heat and energy from digestion. This can result in the loss of extra calories. Consumed before a workout, the caffeinated drink will help your body burn more calories and fat.

For optimal results, take approximately 200 mg of caffeine before training

what coffee makes you lose weight athlete takes coffee

A cup of unsweetened coffee contains only two calories. Adding cream and sugar significantly increases their content. If you can’t drink coffee cleanly, rely on skim milk and another type of sweetener other than sugar.

Coffee without sugar for good results

black coffee without sugar does it lose weight cup of coffee with sugar

Many types of coffee offer it with a tempting taste. But these drinks are more like desserts that contain hundreds of calories and added fat.

Only freshly ground coffee can help you lose weight

drinking black coffee makes you lose weight.  milk coffee cup

Take coffee in a healthy amount. In small quantities, it is very useful. Coffee has the ability to temporarily suppress appetite and stimulate calorie burning. But excessive consumption can lead to increased levels of stress and insomnia, which combined lead to weight gain. 1 or 2 cups of coffee a day are enough to lose weight. That’s an amount equivalent to four cups of brewed coffee, 10 cans of cola, or two “energy” drinks.

Do not take more than 400 milligrams of caffeine per day

how much coffee per day to lose weight woman with cup

If you want to get the most out of coffee, plan your intake for the day. It will not only make you more energetic but also suppress your appetite. For example, when you drink 4 cups of coffee a day, you can drink 1 cup in the morning, midday, mid-afternoon, and 1 cup at dinner. Adjust the intake scheme to find out which option is best for you.

In this way, you can drink coffee 8 times a day and weight loss will be more effective. Another tip is to drink half a cup of regular coffee with half a cup of hot water. 1 tablespoon of this product makes coffee more useful.

Diet plays a major role in weight loss. Bet on 3 balanced and healthy meals for the day. Healthy foods rich in vitamins and minerals, complex carbohydrates and moderate amounts of fat will only help you lose weight. Follow the rule of minus 500 to 1000 calories per day from your current intake.

Remember that you should not go below 1200 calories per day

drink black coffee for weight loss various useful foods

Lose weight without harming your health

Coffee should not be drunk with sugar. Definitively ! First, remember this: the benefits of coffee for the body (for weight loss, for improving memory, for preventing heart disease, etc.) only become apparent when we drink our unsweetened coffee. .

You can stop yourself from eating unnecessary carbohydrates and lose weight

To enhance the effect of coffee

If you put cardamom in coffee, you will get rid of toxins and lose weight. This spice not only neutralizes the harmful effects of caffeine, but also helps cleanse the body of toxins and lose weight faster. The drink not only activates the metabolism, but also has a positive effect on vision. It improves brain function and mood, removes depression and apathy. What happens to your liver when you drink coffee ? these results will surprise you. Oriental spices “soften” the effect of caffeine on the vascular system, without affecting the invigorating effect of coffee. This spice also copes with bad breath. Experts recommend adding it to coffee along with 2 other spices ? cloves and cinnamon. Cardamom goes well with cloves, which are rich in trace elements and vitamins. They all contribute to faster weight loss. Cinnamon is a natural antioxidant that speeds up metabolic processes in the body and gives a feeling of satiety.

Cardamom, cinnamon, ginger and cloves are also an addition to coffee

what coffee makes you lose weight cup of coffee and cardamon seeds

Cardamom coffee

Ingredients :

Preparation :

Mix all the ingredients. Add the water. Stir the mixture. Bring to a boil over low heat. As soon as foam appears, remove the pan from the heat. The drink can also be prepared in a coffee machine.
Drink coffee with cardamom in the absence of the following contraindications – sleep disorders, mental disorders, heart disease, diseases of internal organs.

We want to say thanks to the author of this short article for this awesome content

Does drinking black coffee make you lose weight: how to lose 5 kg without depriving yourself of food?


Visit our social media accounts along with other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652712560 ) [8] => Array ( [title] => Scientists show how to store liquid fuels in polymeric gels to prevent explosions and fires [link] => https://redhatbeauty.com/scientists-show-how-to-store-liquid-fuels-in-polymeric-gels-to-prevent-explosions-and-fires/ [dc] => Array ( [creator] => Laura Surber ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 14:35:29 +0000 [category] => scienceexplosionsfiresfuelsgelsliquidpolymericpreventscientistsshowstore [guid] => http://redhatbeauty.com/?p=1505 [description] => Journal Reference: Naoki Hosoya, Kazuki Nishiguchi, Hiroyasu Saito, Shingo Maeda. Chemically cross-linked gel storage for fuel to realize evaporation suppression. Chemical Engineering Journal, 2022; 444: 136506 DOI: 10.1016/j.cej.2022.136506 One common hazard when dealing with liquid fuels is that they can evaporate quickly if given space, producing clouds of highly flammable gases. As one might expect, ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Journal Reference:

  1. Naoki Hosoya, Kazuki Nishiguchi, Hiroyasu Saito, Shingo Maeda. Chemically cross-linked gel storage for fuel to realize evaporation suppression. Chemical Engineering Journal, 2022; 444: 136506 DOI: 10.1016/j.cej.2022.136506

One common hazard when dealing with liquid fuels is that they can evaporate quickly if given space, producing clouds of highly flammable gases. As one might expect, this can lead to catastrophic explosions or fire accidents. To tackle this problem, researchers have considered the use of gelled fuels, or fuels turned into thick gel-like substances from cold temperatures. Unfortunately, there are many aspects to optimize and hurdles to overcome before gelled fuels can go beyond the research phase.

Luckily, a team of researchers led by Prof. Naoki Hosoya from Shibaura Institute of Technology (SIT) and Prof. Shingo Maeda from Tokyo Institute of Technology (Tokyo Tech), Japan, recently investigated a more compelling solution to the safety problem of liquid fuels, namely storing them inside polymeric gel networks. In their study, the team analyzed the performance, advantages, and limitations of storing ethanol, a common liquid fuel, within a chemically cross-linked poly(N-isopropylacrylamide) (PNIPPAm) gel. This paper was made available online on April 21, 2022 and published in Volume 444 of the Chemical Engineering Journal on September 15, 2022.

First, they checked whether trapping ethanol molecules within the long and chemically intertwined PNIPAAm polymer chains helped reduce its evaporation rate. To test this, the researchers created small spheres of PNIPAAm gel loaded with ethanol and placed them on an electronic scale to record how mass changed as ethanol vaporized. They also performed this experiment with an equivalent puddle of ethanol, with roughly the same surface area and mass as the gel sphere.

They found that storing ethanol within the polymer gel completely suppressed the fuel?s tendency to rapidly vaporize. This is likely due to how ethanol molecules are ?trapped? in the gel, as Prof. Hosoya explains: ?The polymeric gel contains innumerable three-dimensional polymer chains that are chemically cross-linked in a strong way. These chains bind the ethanol molecules through various physical interactions, limiting its evaporation in the process.? Interestingly, the loaded gel does not behave like a wet towel. Whereas a wet towel would release its liquid if wrung, the polymeric gel did not let out ethanol easily under external forces.

With the problem of evaporation solved, the team moved on to examine the actual combustion characteristics of the ethanol in the polymeric gel network to see if they burnt efficiently. They ignited ethanol-loaded gel spheres of various sizes and observed the changes in their mass and shape profiles in real time. Based on this, they determined that the burning of the loaded PNIPAAm gel spheres consisted of two phases: a phase dominated by pure ethanol burning, followed by a second phase dominated by the burning of the PNIPAAm polymer itself.

Through a subsequent theoretical analysis of these results, the team came to an important conclusion: the first and main combustion phase of the loaded PNIPAAm gel spheres follows a constant droplet temperature model, also known as the ?d2 law.? What this means is that the burning of the ethanol-loaded gel can be described by the same model used for liquid fuel droplets, hinting that their combustion performances should be similar.

Overall, this study is a stepping stone towards new ways to safely transport and store liquid fuels inside polymer gels, which could save many lives. ?Polymeric gel storage could prevent explosions and fire accidents by drastically reducing the evaporation of fuels and, in turn, the formation of flammable gaseous mixtures, which can readily happen following a leak in a storage facility,? explains Prof. Hosoya. ?Much work still remains to be done on this front, such as checking the stability and performance of polymeric gels at different temperature, pressure, and humidity conditions, as well as developing simpler fabrication procedures and better ways to use these fuel-loaded gels in real engines.?

We wish to say thanks to the writer of this article for this incredible material

Scientists show how to store liquid fuels in polymeric gels to prevent explosions and fires

Check out our social media accounts as well as other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => Journal Reference: Naoki Hosoya, Kazuki Nishiguchi, Hiroyasu Saito, Shingo Maeda. Chemically cross-linked gel storage for fuel to realize evaporation suppression. Chemical Engineering Journal, 2022; 444: 136506 DOI: 10.1016/j.cej.2022.136506 One common hazard when dealing with liquid fuels is that they can evaporate quickly if given space, producing clouds of highly flammable gases. As one might expect, ... Read more [atom_content] =>

Journal Reference:

  1. Naoki Hosoya, Kazuki Nishiguchi, Hiroyasu Saito, Shingo Maeda. Chemically cross-linked gel storage for fuel to realize evaporation suppression. Chemical Engineering Journal, 2022; 444: 136506 DOI: 10.1016/j.cej.2022.136506

One common hazard when dealing with liquid fuels is that they can evaporate quickly if given space, producing clouds of highly flammable gases. As one might expect, this can lead to catastrophic explosions or fire accidents. To tackle this problem, researchers have considered the use of gelled fuels, or fuels turned into thick gel-like substances from cold temperatures. Unfortunately, there are many aspects to optimize and hurdles to overcome before gelled fuels can go beyond the research phase.

Luckily, a team of researchers led by Prof. Naoki Hosoya from Shibaura Institute of Technology (SIT) and Prof. Shingo Maeda from Tokyo Institute of Technology (Tokyo Tech), Japan, recently investigated a more compelling solution to the safety problem of liquid fuels, namely storing them inside polymeric gel networks. In their study, the team analyzed the performance, advantages, and limitations of storing ethanol, a common liquid fuel, within a chemically cross-linked poly(N-isopropylacrylamide) (PNIPPAm) gel. This paper was made available online on April 21, 2022 and published in Volume 444 of the Chemical Engineering Journal on September 15, 2022.

First, they checked whether trapping ethanol molecules within the long and chemically intertwined PNIPAAm polymer chains helped reduce its evaporation rate. To test this, the researchers created small spheres of PNIPAAm gel loaded with ethanol and placed them on an electronic scale to record how mass changed as ethanol vaporized. They also performed this experiment with an equivalent puddle of ethanol, with roughly the same surface area and mass as the gel sphere.

They found that storing ethanol within the polymer gel completely suppressed the fuel?s tendency to rapidly vaporize. This is likely due to how ethanol molecules are ?trapped? in the gel, as Prof. Hosoya explains: ?The polymeric gel contains innumerable three-dimensional polymer chains that are chemically cross-linked in a strong way. These chains bind the ethanol molecules through various physical interactions, limiting its evaporation in the process.? Interestingly, the loaded gel does not behave like a wet towel. Whereas a wet towel would release its liquid if wrung, the polymeric gel did not let out ethanol easily under external forces.

With the problem of evaporation solved, the team moved on to examine the actual combustion characteristics of the ethanol in the polymeric gel network to see if they burnt efficiently. They ignited ethanol-loaded gel spheres of various sizes and observed the changes in their mass and shape profiles in real time. Based on this, they determined that the burning of the loaded PNIPAAm gel spheres consisted of two phases: a phase dominated by pure ethanol burning, followed by a second phase dominated by the burning of the PNIPAAm polymer itself.

Through a subsequent theoretical analysis of these results, the team came to an important conclusion: the first and main combustion phase of the loaded PNIPAAm gel spheres follows a constant droplet temperature model, also known as the ?d2 law.? What this means is that the burning of the ethanol-loaded gel can be described by the same model used for liquid fuel droplets, hinting that their combustion performances should be similar.

Overall, this study is a stepping stone towards new ways to safely transport and store liquid fuels inside polymer gels, which could save many lives. ?Polymeric gel storage could prevent explosions and fire accidents by drastically reducing the evaporation of fuels and, in turn, the formation of flammable gaseous mixtures, which can readily happen following a leak in a storage facility,? explains Prof. Hosoya. ?Much work still remains to be done on this front, such as checking the stability and performance of polymeric gels at different temperature, pressure, and humidity conditions, as well as developing simpler fabrication procedures and better ways to use these fuel-loaded gels in real engines.?

We wish to say thanks to the writer of this article for this incredible material

Scientists show how to store liquid fuels in polymeric gels to prevent explosions and fires

Check out our social media accounts as well as other related pageshttp://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652711729 ) [9] => Array ( [title] => Storie di Storia / 5. Enrico VIII era infertile? [link] => https://redhatbeauty.com/storie-di-storia-5-enrico-viii-era-infertile/ [dc] => Array ( [creator] => Nicholas Flynn ) [pubdate] => Mon, 16 May 2022 14:27:16 +0000 [category] => NewsEnricoerainfertilestoriastorieVIII [guid] => http://redhatbeauty.com/?p=1502 [description] => Tema del quinto numero di Storie di Storia, la newsletter de La Repubblica, è Re Enrico VIII, secondo monarca della dinastia Tudor, vissuto in Inghilterra tra la fine del XV e la metà del XVI secolo. Il periodo Tudor è uno dei periodi più affascinanti e mitizzati della storia britannica e noi ci occupiamo del ... Read more [content] => Array ( [encoded] =>

Tema del quinto numero di Storie di Storia, la newsletter de La Repubblica, è Re Enrico VIII, secondo monarca della dinastia Tudor, vissuto in Inghilterra tra la fine del XV e la metà del XVI secolo. Il periodo Tudor è uno dei periodi più affascinanti e mitizzati della storia britannica e noi ci occupiamo del sovrano noto per essersi sposato sei volte nella disperata ricerca di un figlio, sbarazzandosi delle mogli che non adempivano al loro dovere reale e coniugale, incolpandole perché incapaci di mettere al mondo un suo erede. Basandosi su recenti studi sulla ridotta funzionalità dello sperma, due ricercatrici di università britanniche ipotizzano che la salute riproduttiva del sovrano possa essere stata con probabilità la causa prima dei problemi di fertilità di cui la storia ha colpevolizzato le sue mogli. I risultati della ricerca sono commentati da autorevoli esperti. Buona lettura.

 

L?INDAGINE

Aborti spontanei e infertilità maschile nell?Inghilterra dei Tudor 

?LA PRIMA INDAGINE SUI MASCHI IN ERA PRE-MODERNA”

1652711230 869 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Valerie Shrimplin è Senior Research Associate al Gresham College. Channa N. Jayasena è Reader in Reproductive Endocrinology, Section of Investigative Medicine, all?Imperial College di Londra, Hammersmith Hospital, e Consultant in Reproductive Endocrinology & Andrology, Hammersmith & St. Mary?s Hospitals, Imperial College Healthcare NHS Trust, Londra. Per la rivista The Journal of Interdisciplinary History hanno realizzato la ricerca ?Was Henry VIII Infertile?? che Storie di Storia vi presenta.

 

Nella ricerca si rileva che le società di tutto il mondo hanno tradizionalmente considerato la procreazione di bambini sani come una responsabilità delle donne. Tale era evidentemente anche la visione di re Enrico VIII (1491-1547), che riteneva le proprie mogli responsabili della mancanza di un erede maschio sano. Enrico è noto per essersi sposato sei volte nella sua disperata ricerca di un figlio, sbarazzandosi delle mogli che non adempivano al loro dovere reale e coniugale. Enrico ebbe tre figli legittimi: Maria I, Edoardo VI ed Elisabetta I, ma ciò che è meno noto è il numero significativo di gravidanze infruttuose a cui fu associato. Le prime due mogli di Enrico, Caterina d?Aragona e Anna Bolena, ebbero in totale dieci gravidanze, rispettivamente tra il 1509 e il 1519 e tra il 1533 e il 1536, ma sei si conclusero con un aborto spontaneo. Il primo figlio di Enrico, il principe Enrico, nacque nel 1511 ma visse meno di due mesi. Solo due figlie (Maria ed Elisabetta) riuscirono a sopravvivere e a raggiungere l?età adulta; il figlio Edoardo morì all?età di quindici anni. 

 

Enrico, come naturale per un monarca di quell?epoca, incolpò le proprie mogli. Si aggrappò anche all?idea che i suoi problemi derivassero dal suo matrimonio con la vedova del fratello Arturo, in quanto violava il passo del Levitico 20:21, che recitava: «Se uno prende la moglie di suo fratello, è una impurità, egli ha scoperto la nudità di suo fratello; non avranno figliuoli». Di conseguenza, Enrico si liberò di Caterina e Anna, senza considerare che la sua stessa fertilità, o mancanza di essa, avrebbe potuto avere un ruolo in tutto ciò. A quel tempo, l?idea che gli uomini, al pari delle donne, potessero avere problemi di infertilità era ancora molto incerta, e difficilmente sarebbe stata accettata da un monarca dei Tudor. Per nulla scoraggiato dall?esiguo numero di testi medici del tardo medioevo che non escludevano completamente il ruolo maschile, la pratica di Enrico di liberarsi delle proprie mogli dimostra inequivocabilmente chi egli considerasse responsabile dell?infertilità. Sfortunatamente per le sue consorti, Enrico era felicemente ignaro del fatto che, come dimostrato da recenti studi, alcuni uomini, in particolare quelli con alterazioni del liquido seminale, possono non solo avere un impatto significativo sulla gravidanza, ma anche essere potenzialmente la causa di aborti spontanei e di bambini nati morti. 

 

Non è sempre facile, o addirittura possibile, determinare i fattori che causano un aborto spontaneo; tuttavia, spostare sempre di più l?attenzione dalle donne agli uomini ha recentemente portato a nuovi studi sui cromosomi maschili, sul DNA e sullo stile di vita, come la dieta e l?esercizio fisico. La tradizionale attenzione riservata alla sfera femminile per quanto riguarda l?abortività spontanea ripetuta era anche dovuta al fatto che, sebbene la donna produca normalmente un singolo ovulo, milioni di spermatozoi maschili sono automaticamente soggetti alla ?selezione naturale?, per cui solo il più adatto è in grado di raggiungere e fecondare la cellula uovo. L?infertilità maschile (funzionalità spermatica ridotta) colpisce attualmente la metà delle coppie che cercano una terapia per la fertilità, e si è osservato che il conteggio spermatico totale (il numero totale degli spermatozoi) si è dimezzato dagli anni ?70. Inoltre, un numero crescente di ricerche suggerisce che una scarsa funzionalità spermatica in un partner maschile può predisporre le coppie alla poliabortività, che è comunemente definita come l?occorrenza di tre o più aborti spontanei consecutivi prima della ventesima settimana di gestazione, che colpisce tra l?1 e il 2% delle coppie. Studi recenti hanno evidenziato che lo sperma danneggiato può essere la causa di aborti spontanei ripetuti nelle donne.

 

I fattori che compromettono la fertilità maschile, come lo stress ossidativo nel liquido seminale e la frammentazione del DNA spermatico, sono di norma più elevati nei partner di donne che soffrono di poliabortività rispetto agli altri uomini. Attualmente, ricorda lo studio, l?unica terapia approvata per le coppie affette da infertilità maschile è rappresentata dalle tecniche di procreazione medicalmente assistita, come la fecondazione in vitro o l?iniezione intracitoplasmatica di sperma. Tuttavia, solo un numero ridotto di sistemi sanitari e di coppie a livello mondiale può permettersi i costi elevati della PMA, mentre rimangono ancora limitate le ricerche effettuate negli ultimi decenni sullo sviluppo di nuove terapie per le coppie con infertilità maschile. A causa della concezione tradizionale che il concepimento di bambini sani sia esclusivamente responsabilità delle donne, l?infertilità maschile rimane una condizione che priva l?uomo della sua facoltà riproduttiva e che porta con sé un potente stigma sociale, spesso compromettendo la capacità degli uomini e delle loro partner di ricorrere a un supporto adeguato. Un esame del contesto storico dell?infertilità maschile contribuisce a mettere in discussione l?immagine di tale patologia come una condizione di debolezza negli uomini che ne sono affetti.

 

La ricerca di Valerie Shrimplin e Channa N. Jayasena fornisce la prima indagine dettagliata sui tassi di aborto spontaneo prima dell?era moderna che si concentra sulla sfera maschile. Si avvale di dati storici per documentare i tassi di aborto spontaneo tra un campione di nobili, tra cui Enrico VIII, e le loro mogli nell’Inghilterra dei Tudor nel periodo tra la fine del XV e l?inizio del XVI secolo. Le prove suggeriscono che i molteplici aborti spontanei delle mogli di Enrico potrebbero essere legati, almeno in parte, all?infertilità maschile.

 

Metodologia

I dati della ricerca sui matrimoni e la progenie di Enrico VIII derivano da fonti storiche primarie e secondarie e sono ulteriormente valutati tramite un?ampia indagine medica del XXI secolo sull?infertilità maschile. Lo studio si è concentrato inizialmente sulla progenie nota di Enrico, per poi passare agli antenati del monarca e ai possibili tratti genetici.

Le informazioni sulle cartelle cliniche di Enrico sono ampiamente disponibili nella letteratura, comprese le sue malattie conosciute, le lesioni fisiche e le inclinazioni psicologiche. Di grande importanza sono stati i registri della casa reale dei Tudor relativi ai banchetti, alle cucine e ai pasti, in quanto fonte di informazioni sulla dieta del monarca. Le ricercatrici hanno confrontato il profilo delle famiglie delle sue mogli con quelle dei suoi contemporanei, nello specifico trentuno nobili con documenti di matrimonio e di nascita esistenti, la cui ricchezza e la posizione sociale erano simili a quelle di Enrico. I registri delle gravidanze e delle nascite hanno loro consentito di calcolare i tassi di aborto spontaneo per le singole coppie e condurre un?ulteriore analisi delle statistiche descrittive.

 

La storia matrimoniale e riproduttiva di Enrico VIII

Salito al trono nel 1509 come secondo monarca di una nuova e instabile dinastia all?età di diciassette anni, Enrico VIII era ossessionato dall?avere un erede maschio sano. Poco dopo essere diventato re, Enrico sposò la vedova di suo fratello, Caterina d?Aragona (nata nel 1485), sei anni più grande di lui. Caterina rimase incinta regolarmente entro i primi dieci anni di matrimonio; l?annuncio della sua prima gravidanza avvenne solo due mesi dopo il matrimonio, quando aveva ventiquattro anni. Al primo aborto spontaneo/bambino nato morto avvenuto nel 1510 seguirono altri aborti spontanei e il decesso di un figlio neonato. Come osservato da Thomas Starkey, pensatore politico inglese al servizio della Corona inglese, dal 1514 circolavano voci sul fatto che «il re d?Inghilterra intendeva ripudiare la sua attuale moglie ? poiché non era in grado di avere figli da lei», attribuendo così la colpa a Caterina. Si dovette attendere il 1516 per la nascita del primo figlio sano ? una bimba, che venne chiamata Maria ? sette anni dopo il matrimonio e in un momento in cui Enrico era impegnato a enfatizzare la sua potenza sessuale ? come dimostrato dalle dimensioni della sua brachetta ? e a cercare di avere un erede maschio. Nel 1519, re Francesco I dichiarò senza mezzi termini che Enrico «aveva una vecchia moglie deforme». Nel corso degli anni ?20, Caterina aveva tra i trenta e i quarant?anni ed era probabilmente in menopausa, dato il sovrappeso e l?assenza di gravidanze dal 1518. Enrico più tardi dichiarò, come affermato dalla scrittrice Alison Weir, che all?inizio del 1525 le mestruazioni di Caterina erano cessate e aveva smesso di avere rapporti sessuali con lei. La bandì dalla corte e annullò il matrimonio nel 1533.

La prova sulla base della quale Enrico considerava la moglie come la colpevole del mancato erede maschio era il figlio da lui concepito con un?altra donna, Bessie Blount, sua amante riconosciuta dal 1514 al 1522 circa. Si vantava con grande entusiasmo del figlio illegittimo (Henry Fitzroy, 1519-1536), inondandolo di titoli e onori dall?età di sei anni. Bessie Blount ebbe altri sei figli con due mariti dopo Enrico, che vissero tutti fino all?età adulta. È possibile che Enrico abbia avuto altri figli illegittimi, nati dalle relazioni con la sorella maggiore di Anna Bolena, Maria, con Madge Shelton e altre amanti; tuttavia, dato che non ne riconobbe altri ? per affermare la propria fertilità ? qualsiasi figlio putativo non è stato considerato ai fini dello studio. Maria Bolena rimase incinta quando si sposò dopo la fine della relazione, così come Caterina Parr, la sesta moglie di Enrico, quando si sposò dopo la morte di Enrico. Malgrado la nascita della figlia Maria e di un figlio illegittimo, Enrico non mise mai in discussione la propria fertilità, apparentemente per salvare la faccia e mettersi al riparo da una condanna legata alla propria virilità; inoltre, poteva sempre ricorrere alla maledizione del Levitico derivante dal suo matrimonio con Caterina.

Anna Bolena sembra essere diventata oggetto dell?attenzione di Enrico nel 1525. Lui le chiese di sposarlo nel 1527, ma pare che la coppia si sia astenuta dai rapporti sessuali fino al matrimonio nel 1532-33, come emerge dalle lettere di Enrico ad Anna ? di cui parliamo più avanti nella newsletter e che confermano la sua passione per i rapporti intimi ? probabilmente per garantire la legittimità di qualsiasi eventuale figlio. Le lettere di Enrico fanno riferimento a diverse amanti; con tutta probabilità non si trattava di donne di origini nobili, per evitare problemi di successione nel caso qualcuna di loro avesse partorito un figlio mentre Enrico attendeva di sposare Anna. Dopo il matrimonio, Anna, come Caterina, rimase incinta ogni anno, così come richiesto dagli obiettivi della coppia. La nascita di una bambina, Elisabetta, nel settembre 1533 fu una delusione, ma almeno dimostrò che Anna era fertile. Seguirono aborti spontanei nel 1534 e nel 1536. La storia di Anna ripeteva quella di Caterina ed Enrico, ormai intorno ai quarantacinque anni, non aveva ancora un erede maschio. Le voci sull?incapacità di Anna di avere figli e il suo ultimo aborto furono il colpo finale.

Durante circa quattordici anni di matrimonio ?attivo?, le prime due mogli di Enrico ebbero dieci gravidanze, sette aborti spontanei/morti neonatali e nessun figlio sopravvissuto. Le ragioni della mancanza di successo del re non furono mai spiegate del tutto, nonostante egli attribuisse la colpa alle consorti. Durante il processo per tradimento di Anna Bolena, nel quale fu accusata di aver avuto relazioni con ben sette altri uomini, emersero accuse sull?impotenza di Enrico. Giorgio, il fratello di Anna, insinuò che Enrico non era in grado di avere rapporti sessuali («non era bravo a letto con le donne, e non aveva né potenza né forza»). Anna Bolena, il fratello e altre quattro persone furono giustiziati pochi giorni dopo, nel maggio 1536.

Lo stesso mese dell?esecuzione di Anna Bolena, Enrico sposò Jane Seymour (maggio 1536), che rimase rapidamente incinta ma morì nel 1537 a causa delle complicanze legate al parto, dopo aver dato alla luce Edoardo VI il 12 ottobre 1537. Enrico sposò Anna di Clèves nel 1540, ma affermò che il matrimonio non venne consumato, citando la sua mancanza «di volontà ed energia di consumare lo stesso». Il matrimonio con Caterina Howard, la quinta moglie di Enrico, durò solo due anni, dopodiché anche lei venne giustiziata. Né lei né Caterina Parr, l?ultima moglie di Enrico, riuscirono a rimanere incinte di Enrico.

Potrebbe essere solo una coincidenza il fatto che, sebbene le prime tre mogli di Enrico siano rimaste incinte facilmente e regolarmente, si sia verificata un?incidenza così alta di problemi di fertilità (con un tasso di fallimento del 70%) e che nessuna delle ultime tre mogli di Enrico sia stata in grado di concepire? Può il dito puntare verso Enrico come fattore comune e causa della sua stessa sfortuna? Il fatto che Enrico sia stato responsabile di almeno undici gravidanze (compresa la nascita di Henry Fitzroy) tra il 1509 e il 1519 e tra il 1532 e il 1536, potrebbe sembrare un segnale rassicurante per la sua fertilità e forma fisica. Di fatto però, i numerosi fallimenti con diverse partner potrebbero suggerire il contrario. La perdita di cinque figli deve aver pesato molto.

 

Le possibili ragioni delle difficoltà di Enrico

Indipendentemente dall?entità o dall?efficacia delle prestazioni sessuali di Enrico nei suoi ultimi anni (1540-1547), le prove relative ai primi anni della sua vita non possono escludere qualche responsabilità da parte del monarca. Come lui stesso lamentava, perché non poteva concepire un figlio quando l?ultimo dei suoi sudditi poteva farlo? Nel 1533, esclamò a Eustace Chapuys, l?ambasciatore spagnolo: «Non sono forse un uomo come tutti gli altri?». Nel contesto del XVI secolo, la potenza sessuale era associata all?avere figli, cosa che non sarebbe potuta avvenire in caso di sperma danneggiato. Il fatto che nessuno dei figli sopravvissuti di Enrico abbia avuto alcuna difficoltà è un?ulteriore prova che il problema risiedeva in lui piuttosto che (o almeno in misura uguale) alle sue mogli.

Quindi, le cartelle cliniche di Enrico, la predisposizione genetica e lo stile di vita meritano un?indagine, in cui vengano messi a confronto con quelli di uomini di una classe e uno status sociale simili, e appartenenti alla stessa epoca. La vecchiaia senza dubbio contribuisce all?infertilità. Altri fattori di rischio, di cui Enrico e i suoi medici non sarebbero stati a conoscenza, sono lo stress, la mancanza di esercizio fisico, l?obesità e le malattie. Le abitudini nello stile di vita legate al peso, alla dieta, all?alimentazione, all?assunzione di alcol, ai farmaci e all?uso di droghe influenzano la vitalità dello sperma e quindi hanno un impatto significativo sulla salute di una gravidanza. Analogamente alla totale mancanza di esercizio fisico, anche un allenamento molto intenso a livello agonistico può diminuire la salute gli spermatozoi. Da giovane, Enrico aveva preferito la caccia, la giostra e altri sport tipici della sua epoca ad alto impatto fisico. In molte occasioni aveva subito gravi ferite, mentre nel 1524 e nel 1536 aveva addirittura rischiato di rimanere ucciso. La supposizione tipica dei tempi di Enrico che gli uomini rimangono fertili mentre le donne perdono drasticamente la fertilità con l?età non è del tutto esatta. Oltre all?incapacità di ?avere prestazioni sessuali adeguate? (disfunzione erettile), anche la fertilità maschile diminuisce con l?età, e il rischio di aborto spontaneo può talvolta aumentare, anche con partner femminili giovani. Questa scoperta potrebbe essere pertinente al caso di Enrico, così come di molte coppie moderne che iniziano a formare una famiglia in un?età più avanzata, anche se le pressioni di oggi probabilmente non possono essere paragonate a quelle a cui erano sottoposti i re e le regine del Medioevo e dell’età moderna. 

 

I dati medici di Enrico e la sua storia genetica

Le potenziali cause dell?infertilità maschile di Enrico potrebbero essere legate, secondo la ricerca, a uno qualsiasi dei fattori di rischio delineati in precedenza. In gioventù, era un appassionato di sport con una corporatura muscolosa e una circonferenza toracica di circa 105 cm. A trent?anni, tuttavia, Enrico era gravemente in sovrappeso. Le stime ricavate dal suo abbigliamento e dall?armatura indicano un?altezza di 185 cm, una vita di 137 cm, una circonferenza toracica di 147 cm e un peso di 180 chili. Una recente meta-analisi ha identificato un forte legame tra l?obesità e la scarsa qualità dello sperma maschile; Enrico VIII era quasi certamente gravemente obeso, con un indice di massa corporea di 51,9 kg/m2.

La corte di Enrico era nota per i continui festeggiamenti, le feste sontuose e i banchetti, durante i quali l?alcol scorreva a fiumi. Sebbene, in quanto re, Enrico avrebbe avuto accesso al cibo, alle cure mediche e ai servizi igienici della qualità più elevata, sembra che abbia avuto anche problemi di cattiva alimentazione. La sua dieta era eccessivamente ricca di carne e proteine, e includeva selvaggina (agnello, cervo e cigno), pane e altri carboidrati in abbondanza. Era quasi priva di verdure e legumi (fagioli, piselli e lenticchie, considerati cibo da contadini) che forniscono vitamine e fibre. La frutta era inclusa nei menù, ma era generalmente cotta o cristallizzata con lo zucchero; si pensava che la frutta fresca causasse la febbre. Secondo Historic Royal Palaces, la Fondazione indipendente che gestisce i Palazzi reali non utilizzati dalla Royal Family, «i pasti non erano solo per mangiare, ma un?esibizione del potere del monarca. I cibi esotici dimostravano ricchezza. Raramente le famiglie più povere avrebbero potuto cibarsi di carne, seguire una dieta con verdure stufate e legumi. Ma il lusso della Corte era la carne fresca. I cortigiani Tudor potevano usufruire di un?ampia varietà di cibo, con carne appena macellata e arrostita ogni giorno. Ai cortigiani veniva servito un menù di piatti che fornivano circa 5.000 calorie al giorno! Thomas Starkey, studioso dell?Università di Oxford, notò [intorno al 1529] che ?non avere a disposizione 20 piatti diversi di carne a cena è visto come una mancanza di rispetto?».

Ad Hampton Court, venivano preparati circa 600 pasti due volte al giorno. Includevano carne arrostita e le ?fontane? di vino erano l?abitudine. Anche quando mangiava da solo nella sua camera, come spesso faceva, Enrico sceglieva da un enorme buffet a base di carne (arrostita o servita come pasticcio di carne), il tutto seguito da conserve dolci. Non sorprende che anche in gioventù, e sempre più con l?avanzare dell?età, Enrico seguisse un?alimentazione totalmente sregolata, troppo ricca di proteine e quasi completamente priva di vitamine. Probabilmente soffriva di scorbuto, causato dalla carenza di vitamina C, dovuta all?assenza di frutta e verdura fresca (non molto diverso dalle diete moderne a base di carne/pane e fast-food). La sua cattiva alimentazione deve aver contribuito ai suoi problemi di salute come stitichezza, gotta, diabete, ulcere e piaghe aperte sulle gambe e pressione alta, per non parlare della sua fertilità e qualità dello sperma. Dato il suo probabile patrimonio genetico, l’alimentazione sempre più sregolata e le possibili lesioni derivate dagli anni più attivi, sembra probabile che Enrico abbia sofferto di danni allo sperma (frammentazione del DNA). Pertanto, i casi ripetuti di aborti spontanei e bambini nati morti hanno probabilmente avuto origine da lui.

 

La fertilità maschile da Platone al XVII secolo

La storia coniugale e riproduttiva di Enrico ebbe un effetto cruciale sulla storia inglese e sulla Riforma, le cui ripercussioni persistono ancora oggi. Utilizzando diverse fonti di dati storici, e avvalendosi delle osservazioni sugli aborti spontanei e/o i casi di bambini nati morti che affliggevano le numerose partner di Enrico, le prove riportate dalle autrici della ricerca indicano che Enrico soffriva, senza saperlo, di infertilità maschile. Ad oggi, l?impatto negativo di una cattiva alimentazione sulla fertilità non è più un segreto, sia che si tratti di Paesi in via di sviluppo (le cui condizioni talvolta non si discostano molto da quelle dell?Inghilterra del XVI secolo) che di qualsiasi altro luogo dove si consuma una quantità eccessiva di carne e carboidrati e non si includono verdure, legumi e frutta nella dieta. 

Obesità, infermità fisica, diabete e infezioni trasmesse sessualmente possono ridurre la qualità dello sperma, bloccando la gravidanza o causandone l?aborto spontaneo; la malnutrizione, la scarsa igiene e le infezioni possono portare alla morte fetale o neonatale. La scarsa qualità dello sperma è una causa dell’aborto spontaneo particolarmente sottovalutata in epoca contemporanea.

 

Ricerca medica

Valerie Shrimplin e Channa N. Jayasena concludono che nonostante le prove disponibili, i limiti dell?indagine rendono impossibile dimostrare in modo definitivo l?infertilità di Enrico VIII. Il caso o la coincidenza altamente improbabile che Enrico abbia sposato sei donne con problemi di fertilità non possono essere esclusi. Tuttavia, l?insolita prevalenza di gravidanze con esiti negativi, o di nessuna gravidanza, che coinvolge più partner femminili, suggerisce fortemente che Enrico sia stato la fonte del problema, indipendentemente dalle numerose gravidanze per le quali è stato anche in parte responsabile. Solo nell?era moderna la ricerca è stata in grado di scoprire che la salute dello sperma gioca un ruolo significativo nell’aborto spontaneo e che le cause degli aborti spontanei, dei bambini nati morti e della morte neonatale non dipendono solo dalle donne. I risultati di questo studio dimostrano per la prima volta che i coetanei di Enrico e le loro mogli erano molto meno colpiti dall?infertilità e dalle interruzioni spontanee di gravidanza, lasciando così legittimamente supporre che, ironicamente, l?infertilità di Enrico sia stata la causa delle difficoltà incontrate delle consorti del monarca durante le varie gravidanze.

I geni ereditati dal padre contribuiscono in modo significativo alla regolazione della placentazione, fondamentale per la sopravvivenza dell?embrione. Inoltre, caratteristiche dello sperma sfavorevoli come un numero ridotto di spermatozoi, una bassa percentuale di spermatozoi e di spermatozoi con motilità progressiva, un?elevata frammentazione del DNA spermatico e le specie reattive dell?ossigeno (ROS) dello sperma sono note per essere associate all?infertilità maschile e alla poliabortività. Fattori di rischio clinico come l?obesità e il diabete mellito aumentano il rischio di infertilità maschile. Da un recente studio qualitativo è emerso che gli uomini con problemi di infertilità spesso cadono preda di uno stigma sociale di essere ?meno uomo?. Sebbene l?infertilità maschile colpisca il 10% della popolazione maschile, non esistono modelli pubblici di rilievo e questo porta ancora con sé un?aura di esclusione sociale.

Questa ricerca che Storie di Storia vi ha segnalato solleva questioni che ? come leggerete nelle due interviste che vi proponiamo più avanti ? sono rilevanti per il pubblico, sia per i pazienti che per i professionisti del settore medico. Enrico VIII soffriva di infertilità maschile, ma all?epoca non esisteva una diagnosi di questo tipo. Nonostante l?infertilità maschile abbia ora acquisito un?eziologia distinta, rimane comunque un argomento tabù. I programmi di ricerca e assistenza sanitaria mirati all?infertilità maschile sono ancora piuttosto arretrati rispetto a quelli orientati alla fertilità femminile, che hanno invece portato a grandi svolte come la terapia della fecondazione in vitro. Una maggiore consapevolezza dell?importanza dell?infertilità maschile per la salute umana merita maggiore riconoscimento, diagnosi e terapie per garantire che le coppie affette da questo problema possano ricevere un supporto adeguato. Inoltre, come sostengono le due ricercatrici britanniche nella loro ricerca ? ?Was Henry VIII Infertile?? ? sapere che Enrico VIII, uno dei sovrani più potenti della storia europea, era quasi certamente affetto da questa patologia, potrà forse alleviare l?emarginazione e lo stigma sociale ancora legati all?infertilità maschile. 

Ha collaborato per le traduzioni Sabrina Toscani.
LEGGI IL PDF DELLA RICERCA

 

L?INTERVISTA

Parla la ginecologa Elsa Vora 

?LA DONNA PENALIZZATA AL TEMPO DEI TUDOR?

1652711230 858 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Elsa Vora è Presidente dell?Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) e membro dell?Accademia di Medicina di Torino, attualmente esercita la libera professione presso l?Istituto CIDIMU. Già Responsabile della SSD di Ecografia e Diagnosi Prenatale presso il Reparto di Ginecologia e Ostetricia dell?Ospedale S. Anna di Torino, è stata insignita del Premio mondiale ?Award in recognition of Women Obstetrician/Gynecologists? dalla FIGO (Federazione Internazionale dei Ginecologi ed Ostetrici). Storie di Storia ha conversato con lei.

 

La ricerca che Storie di Storia presenta è la prima indagine sulla riproduzione umana realizzata sui maschi in età pre-moderna. 
«È possibile visto che gli studi sulle cause maschili di infertilità e/o di poliabortività sono relativamente recenti. I primi articoli scientifici sull?argomento sono stati pubblicati nel secolo scorso (anni ?70). Oggi esistono una branca della medicina dedicata alla medicina della riproduzione e una specialità dedicata alla salute dell?apparato riproduttivo maschile che hanno permesso di studiare e conoscere meglio l?infertilità sia essa di origine femminile o maschile. Di quest?ultima oggi sappiamo che: l?infertilità maschile interessa circa il 7% degli uomini; è in aumento tra i giovani; in circa 1 caso su 2 la difficoltà a ottenere una gravidanza dipende da problemi riproduttivi maschili; non sempre è possibile individuare la causa dell?infertilità maschile e questo succede in circa il 30% dei casi. È quindi fondamentale avere consapevolezza di questo e fare prevenzione: adeguato stile di vita, alimentazione salutare, attività fisica, evitare abuso di alcol, fumo e uso di droghe».

Considera realistica una narrazione della vicenda di Enrico VIII diversa da come ci è sempre stata raccontata? Il Sovrano causa delle sue difficoltà riproduttive di cui per secoli sono state colpevolizzate le sue donne?
«Certo. È assolutamente realistico che il Sovrano non fosse consapevole, né lo erano i medici dell?epoca in quanto non vi erano conoscenze sull?argomento. La cultura medica, le convinzioni sociali, gli stereotipi maschili e femminili erano tali per cui la donna era considerata l?unica attrice, e quindi responsabile, della maternità. Oggi sappiamo che le cause di infertilità maschile comprendono sia  la produzione insufficiente di spermatozoi sia  alterazioni degli spermatozoi  (per ridotta motilità, alterata morfologia, DNA danneggiato). Oggi vi sono terapie per la infertilità maschile e anche in caso di assenza di spermatozoi nel liquido seminale o l?assenza di eiaculazione è possibile individuare e prelevare spermatozoi vitali utili al concepimento. Quando non si riesce ad individuare la causa di infertilità maschile non è ovviamente possibile proporre una terapia specifica. In genere, si parla di ?infertilità? di una coppia sessualmente attiva quando non riesce ad ottenere una gravidanza dopo un periodo superiore a un anno di rapporti liberi e non protetti. Una volta facevamo riferimento a due anni, ma oggi la gravidanza viene ricercata più tardivamente e quindi il tempo è molto prezioso, dato che la fertilità delle donne e degli uomini tende a diminuire con il passare degli anni. Si parla di infertilità primaria quando l’uomo/donna/coppia non ha mai ottenuto una gravidanza, di infertilità secondaria quando l’uomo/donna/coppia ha già ottenuto una gravidanza precedentemente».

Le cause dell’infertilità di Enrico VIII, che la ricerca illustrata individua nelle abitudini malsane di vita del Sovrano, sono oggi considerate possibili fattori nella difficoltà di procreazione?
«Nello studio si fa riferimento a dati scientifici oggi conosciuti: le cause genetiche maschili e i danni sugli spermatozoi derivanti da fattori acquisiti quali obesità, dieta non salutare, abuso di alcol e droghe, scarsa attività fisica e malattie croniche (diabete, disordini endocrini, ipertensione ecc.). Dobbiamo tenere conto di vari fattori, che sono stati esplicitati nello studio, che comprendono l?ignoranza, nel senso letterale del termine ignorare, non conoscere, dei medici e quindi delle persone delle cause di infertilità (sia femminile che maschile) associata agli stigmi sociali, ai pregiudizi. Questi ultimi consideravano la donna causa dell?insuccesso riproduttivo anche se erano proprio loro a pagarne il prezzo più alto, talvolta con la vita, perché la mortalità materna legata al parto e anche all?aborto era molto elevata, soprattutto nelle fasce sociali più disagiate. Quindi la donna era doppiamente penalizzata, da una parte come colpevole di non riuscire a dare un figlio (stigma sociale, pensiamo al ?ripudio? di una donna sposata che non riesce ad avere o a portare a termine una gravidanza) e dall?altra ad essere vittima di una assistenza medica ostetrica adeguata con conseguenze molto pesanti per lei stessa (infezioni, emorragie, morte)».

 

L’INTERVISTA

Parla l?antropologa Elisabetta Moro

?ENRICO VIII E LA MANCANZA DELLA DIETA MEDITERRANEA?

1652711230 696 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Elisabetta Moro è Professore Ordinario di Antropologia Culturale presso l?Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e docente di Storia della gastronomia nei paesi del Mediterraneo presso il Corso di Studi in Scienze Gastronomiche Mediterranee dell?Università Federico II di Napoli. Scrittrice e divulgatrice scientifica, è condirettrice del Museo Virtuale della Dieta Mediterranea (www.mediterraneandietvm.com). Con l?antropologo Marino Niola ha scritto di recente due libri sul tema food: I segreti della dieta mediterranea e Andare per i luoghi della dieta mediterranea, entrambi pubblicati dall?editore Il Mulino. Storie di Storia ha conversato con lei.

 

Secondo le autrici della ricerca che Storie di Storia presenta, la presunta infertilità di Re Enrico VIII potrebbe essere collegata al suo stile di vita, in particolare alla sua alimentazione. Conviene?
«Questa ricerca è molto interessante e documentata. Ha uno scopo importante che è quello di sfruttare la risonanza di un personaggio storico come re Enrico VIII per richiamare l?attenzione sull?infertilità maschile che ancora oggi viene trattata con imbarazzo e circospezione, ma non con la giusta attenzione. A causa di un antico retaggio culturale ?virilista? l?uomo non fertile viene compatito ma non capito, e tanto meno aiutato da un punto di vista psicologico».

Tra gli alimenti presenti nella dieta del Sovrano e dei membri della sua Corte quali erano i più pericolosi per l?organismo? Cosa mancava invece di importante per la salute?
«La cucina di corte era per definizione ricca di carni e di grassi, non solo in Gran Bretagna. Lo stesso vale per la Spagna di Carlo V e per la Francia del Re Sole. Non a caso la gotta era la malattia della nobiltà, perché un consumo abbondante di carne rossa e di selvaggina provoca una produzione in eccesso di acido urico che l?organismo non è in grado di smaltire e il risultato sono dolori articolari che possono diventare invalidanti. Per la sua salute potremmo dire che Enrico VIII avrebbe dovuto seguire una dieta più mediterranea. Mancavano infatti dal suo menù soprattutto la frutta fresca e la verdura. Inoltre, mancavano i legumi, che venivano considerati il cibo dei poveri. Di fatto seguiva la tipica alimentazione del Nord Europa, fondata su una triade alimentare opposta a quella mediterranea. Quella del nord è a base di carne, latte e birra. Quella del Sud è a base di cereali, olio e vino. Questa differenza in tempi più lontani aveva già colpito Giulio Cesare, che nel De bello gallico, racconta dei popoli nordici che si nutrono quasi esclusivamente di carne e latte. Invece i Romani avevano una cucina quotidiana fondata sulle polente di legumi, le verdure (ne consumavano cento varietà diverse), il pane (ne producevano settanta tipologie diversificate per tipologia, pezzatura e farine adoperate) e il vino. Durante i banchetti invece, come racconta Petronio nel Satyricon, offrivano molte portate a base di carne, soprattutto di maiale. Per tornare a Enrico VIII, va ricordato anche che come mostra lo splendido ritratto di Hans Holbein, il Sovrano era decisamente in sovrappeso. Ma non possiamo usare i parametri di oggi per giudicare la cultura di cinquecento anni fa. Il corpo del re doveva essere imponente, perché non era semplicemente il corpo della persona, ma rappresentava il corpo della nazione. I re infatti allora come ora, hanno due corpi, uno fisico e uno simbolico. Basta osservare la Regina Elisabetta II, che siede proprio sul trono di Enrico VIII, e la cura maniacale con la quale la sua immagine e la sua salute vengono curate. E anche la sua alimentazione. La Sovrana, infatti, ha integrato la dieta del suo antenato con molto pesce e verdure».

Al tempo dei Tudor, tra il XV e il XVI secolo, abbiamo conoscenza di tradizioni alimentari diverse in Europa?
«All?epoca dei Tudor in tutte le corti europee si consumavano moltissimi piatti a base di carne, come pasticci, arrosti, bolliti, spiedi, perché erano considerati simbolo di sfarzo, ricchezza e forza. Assieme alla pasticceria, che via via diventa sempre più centrale in quanto è un cibo suntuario, di lusso. Però nelle corti italiane e in generale mediterranee la varietà degli ingredienti era maggiore, perché il clima mite consente una gamma più ampia di coltivazioni. La disponibilità di tante biodiversità ha contribuito a sviluppare una cultura gastronomica più ampia e ricca di sapori, non solo di calorie. I matrimoni dinastici hanno contribuito a scambiare in tutta Europa anche i ricettari di corte. Un esempio per tutti Caterina de? Medici, che nel 1547 è andata in sposa a Enrico II di Francia e ha portato con sé la cultura degli orti fiorentini inserendo nei pranzi ufficiali i carciofi e le verdure crude».

LA STORIA

Enrico VIII Tudor

?RACCONTATO DALLA ROYAL ENCYCLOPAEDIA?

1652711230 423 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Enrico VIII nacque a Greenwich il 28 giugno 1491, secondogenito di Enrico VII ed Elisabetta di York. Divenne erede al trono alla morte del fratello maggiore, il principe Arturo, nel 1502 e gli succedette nel 1509. Atletico e molto intelligente in gioventù, un osservatore contemporaneo lo descrisse così: «Parla bene il francese, il latino e lo spagnolo; è molto religioso, ascolta tre messe al giorno quando va a caccia … È molto appassionato di caccia e non si dedica mai a questa attività di svago senza sfinire almeno otto o dieci cavalli … È anche appassionato di tennis». 

Gli interessi più colti di Enrico VIII includevano la scrittura di libri e la composizione di musica. Era un generoso sostenitore delle arti, un compositore e sapeva suonare diversi strumenti musicali. Greensleeves, una celebre melodia popolare di tradizione inglese spesso attribuita a lui, sembra tuttavia non essere una sua composizione. 

Autore di un libro di grande successo ? con circa 20 edizioni in Inghilterra ed Europa ? in cui attaccava le idee di Martin Lutero e sosteneva la Chiesa cattolica romana, nel 1521 Enrico ricevette dal Papa il titolo di ?Difensore della fede?. 

Enrico VIII ereditò dal padre un regno stabile, con una situazione finanziaria saldamente in attivo. Al momento della sua ascesa al trono, il Parlamento non veniva convocato per la fornitura di risorse monetarie da ben cinque anni. Gli svariati interessi di Enrico e la sua scarsa dedizione agli affari e all’amministrazione del regno contribuirono ad accrescere l’influenza di Thomas Wolsey, il figlio di un macellaio di Ipswich, che divenne Lord Cancelliere nel 1515.

Wolsey divenne uno dei ministri più potenti della storia britannica, ne è simbolo la costruzione del Palazzo di Hampton Court, che superava in grandezza qualsiasi altra proprietà del re. Wolsey esercitò con vigore i suoi poteri nella sua Court of Chancery e nel crescente uso dell?autorità giudiziaria del Consiglio nella corte della Star Chamber.

Wolsey fu anche nominato cardinale nel 1515 e gli furono conferiti i poteri di legato papale, nomine che gli diedero la preminenza anche sull?Arcivescovo di Canterbury e gli consentirono di ?governare? la Chiesa inglese. 

L?interesse di Enrico per la politica estera si concentrò sull?Europa occidentale, un modello di alleanze in costante mutamento incentrate sui re di Spagna e Francia, e sull?Imperatore del Sacro Romano Impero (Enrico era legato alle tre parti tramite vincoli matrimoniali: sua moglie Caterina era figlia di Ferdinando d’Aragona, sua sorella Maria aveva sposato Luigi IX di Francia nel 1514, mentre l?Imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V era nipote di Caterina).

Un esempio di questi continui mutamenti furono le infruttuose campagne anglo-spagnole di Enrico contro la Francia, che terminarono con la pace stipulata coi francesi nel 1520, in occasione della quale il monarca inglese spese enormi somme di denaro per allestimenti e tornei al Campo del Drappo d’Oro. 

Enrico investì anche nella marina, aumentandone le flotta da 5 a 53 navi, compresa la Mary Rose, i cui resti sono esposti nel National Museum of the Royal Navy di Portsmouth. 

La seconda metà del regno di Enrico fu dominata da due questioni molto importanti per la storia dell?Inghilterra e della monarchia: la successione e la riforma protestante, che avrebbe dato vita alla Chiesa anglicana. 

Nel 1509 Enrico aveva sposato la vedova di suo fratello, Caterina d?Aragona, la quale riuscì a dare alla luce un solo figlio in salute e in grado di sopravvivere: si trattava una bimba, la principessa Maria, che nacque nel 1516. Alla fine degli anni ?20 del secolo, Caterina aveva circa quarant?anni ed Enrico era ancora alla disperata ricerca di un figlio maschio. 

La dinastia Tudor conquistò il trono inglese nel 1485 ed Enrico era solo il suo secondo monarca. Fino a quel momento l?Inghilterra non aveva ancora avuto una regina e la dinastia non era sufficientemente solida da correre il rischio di incoronare una donna e porre così le basi per una successione contesa o il dominio di una potenza straniera attraverso il vincolo matrimoniale. 

Successivamente, Enrico si innamorò di Anna Bolena, la sorella di una delle sue numerose amanti, e cercò di persuadere il Papa a concedere l’annullamento del matrimonio precedente, sulla base della sua illegalità.

Al tempo, si erano già verificati divorzi reali: Luigi IX aveva ottenuto il divorzio nel 1499, seguito da quello concesso nel 1528 alla vedova di Giacomo IV, Margherita, sorella di Enrico. Tuttavia, nel 1509 il Papa allora in carica aveva concesso proprio a Enrico la licenza di sposare la vedova di suo fratello.

Nel maggio del 1529 Wolsey non riuscì a ottenere il consenso del Papa per risolvere il caso di Enrico. Tutti gli sforzi del monarca e dei suoi consiglieri furono vani; Wolsey venne privato del suo incarico e arrestato, ma morì prima di poter essere portato in giudizio.

Poiché i tentativi di ottenere il divorzio attraverso la pressione sul papato erano falliti, il successore di Wolsey, Thomas Cromwell ? il consigliere principale di Enrico dal 1532 in poi ? si rivolse al Parlamento per risolvere la questione, usandone i poteri e l’atteggiamento anticlericale, incoraggiato dagli eccessi di Wolsey.

Il risultato fu una serie di atti che ridussero il potere e l?influenza papale in Inghilterra e portarono allo Scisma anglicano. Nel 1532, un Atto contro la riscossione delle Annate, sebbene sospeso ?in base al volere del re?, fu un chiaro avvertimento al Papa che le entrate ecclesiastiche erano in pericolo. Nel 1532 Cranmer venne consacrato Arcivescovo di Canterbury e, in seguito alla conferma della sua nomina da parte del Papa, nel maggio 1533 dichiarò nullo il matrimonio di Enrico; una settimana dopo, Anna Bolena fu incoronata regina. 

Il Papa rispose con la scomunica, e poco dopo il Parlamento approvò gli atti che sancivano la decisione di Enrico di rompere con la Chiesa cattolica romana. Un Atto per la limitazione degli appelli vietò di appellarsi a Roma, affermando che l’Inghilterra era un impero, governato da un capo supremo e da un re che possedeva ?la totale e intera? autorità all’interno del regno, e che nessuna sentenza o scomunica da parte di Roma era ritenuta valida.

Seguirono un Atto di sottomissione del clero e un Atto di successione, oltre a un Atto di supremazia (1534) che fece di Enrico ?l?unico capo supremo della Chiesa d’Inghilterra chiamata Anglicana Ecclesia?.

La rottura tra il re e il Papa costrinse il clero, i titolari di cariche e altre figure a scegliere a chi prestare fedeltà. Il caso più famoso fu quello di Tommaso Moro, che fu giustiziato per tradimento nel 1535. 

L?altro effetto dello Scisma anglicano fu la dissoluzione dei monasteri, in base alla quale le terre e i possedimenti monastici furono smembrati e venduti. Dal 1518, Wolsey aveva decretato la chiusura di alcune piccole comunità monastiche per finanziare diverse nuove istituzioni di sua creazione (fece costruire collegi a Oxford e Ipswich). 

Nel 1535-36, altri 200 monasteri minori furono sciolti in base a disposizioni legislative, seguiti nel 1538-40 dai restanti monasteri; di conseguenza, le entrate della Corona raddoppiarono per alcuni anni.

Il secondo matrimonio di Enrico aveva suscitato la speranza di un erede maschio. Tuttavia, Anna Bolena partorì un?altra figlia, la principessa Elisabetta, e non riuscì a dare alla luce un figlio maschio. Enrico si liberò di Anna con l?accusa di tradimento ? architettata da Thomas Cromwell e presieduta dallo zio della stessa Anna, il duca di Norfolk ? quasi certamente falsa, e fu giustiziata nel 1536. Nel 1537, la terza moglie di Enrico, Jane Seymour, gli diede finalmente un figlio maschio, che sarebbe poi diventato Edoardo VI. Jane morì poco dopo il parto, a 12 giorni dalla nascita del figlio.

Anche se Cromwell si era dimostrato un efficiente ministro nel portare avanti le questioni del divorzio reale e della riforma anglicana, la sua posizione era insicura. Un?insurrezione avvenuta nel 1536 e 1537, chiamata il Pellegrinaggio di Grazia, chiese il licenziamento di Cromwell, ma i ribelli furono sedati. Fu poi il quarto, breve e infruttuoso matrimonio di Enrico con Anna di Clèves a portare alla caduta di Cromwell. Nonostante fosse stato nominato conte di Essex nel 1540, tre mesi dopo fu arrestato e giustiziato.

Enrico ebbe altre due mogli, prima Caterina Howard, giustiziata per adulterio nel 1542, e poi Caterina Parr, che sopravvisse a Enrico e morì nel 1548.

Da nessuno dei due matrimoni nacque alcun figlio. Enrico si assicurò che il suo unico erede maschio, Edoardo, fosse educato da persone che credevano nel protestantesimo piuttosto che nel cattolicesimo, perché voleva che la natura antipapale della sua riforma e della sua dinastia si consolidassero ulteriormente.

Dopo l’esecuzione di Cromwell, gli ultimi sette anni di regno di Enrico non videro nessun ministro di spicco. Sovrappeso, irascibile e in cattive condizioni di salute, Enrico rivolse nuovamente la sua attenzione alla Francia.

Nonostante un esercito di 40.000 uomini, venne conquistata solo la città di Boulogne e la campagna francese fallì. Anche se più della metà delle proprietà monastiche erano state vendute, per pagare la guerra si dovette ricorrere a prestiti forzati e alla svalutazione della moneta, il che contribuì ad aumentare l?inflazione. Enrico morì a Londra il 28 gennaio 1547 e suo figlio Edoardo divenne re.

Per alcuni, Enrico VIII fu un sovrano forte e spietato, che impose cambiamenti nel rapporto Chiesa-Stato che escludevano il papato e tenevano sotto controllo il clero, rafforzando così la posizione della Corona e acquisendo le proprietà dei monasteri.

Tuttavia, la riforma di Enrico aveva prodotto pericolose differenze tra protestanti e cattolici romani nel regno. Le ricchezze dei monasteri erano state usate per finanziare le guerre, mentre si era accresciuta la forza economica dell’aristocrazia e di altre famiglie delle contee, una situazione che a sua volta avrebbe incoraggiato le ambiziose fazioni della corte dei Tudor.

Il coinvolgimento del Parlamento nell?attuazione dei cambiamenti religiosi e dinastici era stato indubbio. Nonostante la grande preoccupazione di consolidare la propria dinastia e i conseguenti sconvolgimenti in ambito religioso, i sei matrimoni di Enrico avevano portato solamente un figlio dalla salute precaria e una successione dinastica incerta, con due principesse ? Maria ed Elisabetta ? entrambe dichiarate illegittime e decedute senza eredi.

 

LA TESTIMONIANZA

Ho letto la corrispondenza con Anna Bolena 

LE MEMORIE DI ENRICO VIII NELL?ARCHIVIO SEGRETO VATICANO

1652711230 689 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Di Mario Dal Bello (giornalista, scrittore, critico d?arte di cinema e di musica). Ha scritto ?Anna Bolena e il suo re – Enrico VIII e i Tudor?, Città Nuova, Roma 2015.

 

Fa impressione. Sono ben diciassette le lettere di re Enrico ad Anna Bolena. Gentilissime, amorevoli, appassionate. Le prime sono scritte in francese (tra il giugno-luglio del 1527 e il gennaio 1528), le altre in inglese, dal febbraio 1528 (da fine luglio all?agosto di quell?anno le missive aumentano). Nessuna lettera di Anna al re, tranne l?ultima forse non autografa ma che comunque Enrico non lesse mai. Lui l?aveva già condannata in cuor suo e lei non aveva più speranza. Ma prima, che lettere! 

Fanno impressione le frasi di un re che è stato dipinto come il re Barbablù inglese e noto dal ritratto di Holbein quando era ormai un gigante sovrappeso. Ma all?epoca delle lettere, il 1527 era il più bel re d?Europa, alto, biondo, atletico, colto e musicista.

«Mia Signora e Amica, ci mettiamo nelle vostre mani ? io e il mio cuore ? e vi supplichiamo e ci raccomandiamo ai vostri favori, perché l?assenza non diminuisca l?affetto che provate per noi»?Il tono è galante, cavalleresco, chiaramente Enrico la vuole conquistare e scrive in francese, la lingua della raffinatezza che Anna ben conosce. Siamo forse ancor prima del 1527.

 

Mi sono detto: che gentiluomo era il re inglese, come sapeva mettere bene in fila le parole. E dire che a lui non piaceva scrivere, preferiva dettare. Ma qui il cuore aveva le sue ragioni.

 

Scorrevo le altre ben custodite nell?Archivio Segreto Vaticano ? ora non più Segreto, ma ?Apostolico? ?, un mazzetto conservato insieme anche alla supplica del 1530 di 83 membri del Parlamento inglese a papa Clemente VII in favore del ?divorzio? (meglio, annullamento) del matrimonio del re con Caterina d?Aragona. 

Leggo la lettera del 28 giugno 1528, ancora in francese. «La preoccupazione, i dubbi sulla vostra salute mi hanno spaventato e disturbato enormemente e non avrei trovato pace se non avessi avuto notizie certe» (Anna era lontana da corte perché si era diffuso il cosiddetto morbus anglicus). «Non angustiatevi troppo della nostra (cioè, mia) assenza, perché ovunque io sia, sono vostro?Dalla mano di colui che è e sarà sempre vostro».

Enrico non demorde e si spinge in avanti: «Sono costretto ad incalzarvi per avere risposta, essendo stato colpito dal dardo d?amore da più di un anno intero, senza la certezza di trovare posto nel vostro cuore». L?astuzia di Anna era evidente: farsi desiderare e non cedere subito al re come le donne (tra cui sua sorella Maria) che l?avevano preceduta.

 

Mi sono detto: Anna era davvero scaltra! Così Enrico ardeva: «Se vi piacerà essere una vera, leale amante e amica e darvi corpo e anima a me?vi prometto che vi prenderò come mia unica Signora e allontanerò dai miei pensieri?tutte le altre».

Evidentemente, il re desiderava nominarla sua amante ufficiale ? i rapporti con Caterina erano ormai formali ? ma Anna voleva, e ci riuscì, sposarlo!

La corrispondenza continua. Enrico passa sempre più all?attacco. Vorrebbe «?passare insieme una notte» (15 giugno 1528, in inglese), e quando la vedrà: «Sogno di trovarmi, specialmente di notte, tra le braccia della mia amata, le cui graziose mammelle presto vorrei baciare».

Enrico si fa premuroso, si firma «suo per sempre», esagera nei doni e nei complimenti. Le comunica che la «grande questione» ? ossia il divorzio ? è in fase di conclusione, sta arrivando il cardinale Campeggio da Roma: risolverà certo a suo favore il problema.

Che differenza di tono, quando arrivo all?ultima lettera, questa volta di Anna dal carcere, dove supplica di avere un processo pubblico, si protesta moglie leale e innocente, non vuole venire giudicata dai suoi nemici. Fra questi il suo ex amico, il cancelliere Thomas Cromwell: tra le sue carte, dopo che fu giustiziato, venne trovata questa dolorosa missiva. Certificava la fine di una grande passione.

Mi sono chiesto come fossero arrivate in Vaticano queste lettere, chi le abbia portate. I gesuiti, gli Stuart, qualcuno durante la congiura di papa Gregorio XIII per uccidere Elisabetta, la figlia di Bolena? Sono solo congetture. Eppure, dal Seicento chi lo richiedesse le poteva vedere.

Capitò a Gilbert Burnet, vescovo episcopaliano di Salisbury che le lesse e rimase scandalizzato dai doppi sensi, le allusioni sensuali. Notò pure la mancanza di lettere di Anna. Non le volle aggiungere all?opera che stava scrivendo History of the Reformation of the Church of England, ma le affidò all?editore Churchill, meno scrupoloso, che le pubblicò nel 1714 in un volume a parte: Love Letters from King Henry VIIIth to Anne Boleyn. Da allora sono note, in Europa.

1652711230 471 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

SEGNALAZIONI

Libro: Le sei mogli di Enrico VIII, Antonia Fraser, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1992

Serie: I Tudor, ideata e sceneggiata da Michael Hirst, prodotta da Peace Arch Entertainment per Showtime. Con Jonathan Rhys Meyers, Sam Neill, Peter O?Toole, Joely Richardson, Henry Cavill. 2007-2010.

CD: Music from Tudor England, Evocative Tudor music from the court of King Henry VIII, Historic Royal Palaces Enterprises Ltd 2012.

Mostra: The Tudors: Passion, Power and Politics, 21 maggio – 29 agosto 2022, National Portrait Gallery e Museums Liverpool. Walker Art Gallery, William Brown St , Liverpool, UK, L3 8EL

Luogo: Hampton Court Palace. Residenza di alcuni dei monarchi più famosi della Gran Bretagna e teatro di avvenimenti storici che coprono 500 anni di storia. Vista da occidente, Hampton Court ha ancora l?aspetto della reggia Tudor di Enrico VIII (1509-1547), mentre da oriente esibisce l?imponente facciata barocca di Christophe Wren realizzata per Guglielmo III (1689-1702). Gli interni sontuosi riflettono i gusti differenti dei vari monarchi che vi hanno risieduto e sono adorati e decorati con opere di grande interesse e bellezza, molte delle quali tuttora al loro posto originale. Il palazzo di Hampton Court, con i suoi bellissimi giardini e i suoi grandi parchi sulle sponde del Tamigi, riveste un?attrattiva sia estetica che storica. Una passeggiata in questi luoghi vi affascinerà e vi incanterà. Hampton Ct Way, Molesey, East Molesey KT8 9AU, Regno Unito. Telefono: +44 20 3166 6000. Aperto dalle ore 10.00 alle 17.30. Ultimo ingresso ore 16.30.

PODCAST

1652711230 102 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Muore Enrico VIII Tudor

Ascolta su ONE Podcast!

 

Radio Storia. Edizione straordinaria.

Fatti, episodi, vicende raccontati – come fossero appena accaduti – in un format radiofonico avvincente con collegamenti, aggiornamenti, riflessioni. Con l?editoriale di Maurizio Molinari, le analisi degli esperti, le testimonianze dei corrispondenti GEDI dal mondo, la rassegna stampa e i lanci delle agenzie.
Puntate disponibili: Re Vittorio Emanuele II Entra a Roma, La caduta di Tenochtitlan, Scompare Dante Alighieri, Il Processo ad Al Capone, Tumulazione del Milite Ignoto, Attacco a Pearl Harbor, Muore Enrico VIII Tudor, Muore Amerigo Vespucci, Einstein pubblica la ?Teoria generale della Relatività?, L?assassinio di Lincoln. Emesso il Penny Black, primo francobollo del mondo.
ASCOLTA QUI

We wish to thank the author of this article for this incredible web content

Storie di Storia / 5. Enrico VIII era infertile?

You can find our social media profiles as well as other pages related to it.http://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

) [summary] => Tema del quinto numero di Storie di Storia, la newsletter de La Repubblica, è Re Enrico VIII, secondo monarca della dinastia Tudor, vissuto in Inghilterra tra la fine del XV e la metà del XVI secolo. Il periodo Tudor è uno dei periodi più affascinanti e mitizzati della storia britannica e noi ci occupiamo del ... Read more [atom_content] =>

Tema del quinto numero di Storie di Storia, la newsletter de La Repubblica, è Re Enrico VIII, secondo monarca della dinastia Tudor, vissuto in Inghilterra tra la fine del XV e la metà del XVI secolo. Il periodo Tudor è uno dei periodi più affascinanti e mitizzati della storia britannica e noi ci occupiamo del sovrano noto per essersi sposato sei volte nella disperata ricerca di un figlio, sbarazzandosi delle mogli che non adempivano al loro dovere reale e coniugale, incolpandole perché incapaci di mettere al mondo un suo erede. Basandosi su recenti studi sulla ridotta funzionalità dello sperma, due ricercatrici di università britanniche ipotizzano che la salute riproduttiva del sovrano possa essere stata con probabilità la causa prima dei problemi di fertilità di cui la storia ha colpevolizzato le sue mogli. I risultati della ricerca sono commentati da autorevoli esperti. Buona lettura.

 

L?INDAGINE

Aborti spontanei e infertilità maschile nell?Inghilterra dei Tudor 

?LA PRIMA INDAGINE SUI MASCHI IN ERA PRE-MODERNA”

1652711230 869 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Valerie Shrimplin è Senior Research Associate al Gresham College. Channa N. Jayasena è Reader in Reproductive Endocrinology, Section of Investigative Medicine, all?Imperial College di Londra, Hammersmith Hospital, e Consultant in Reproductive Endocrinology & Andrology, Hammersmith & St. Mary?s Hospitals, Imperial College Healthcare NHS Trust, Londra. Per la rivista The Journal of Interdisciplinary History hanno realizzato la ricerca ?Was Henry VIII Infertile?? che Storie di Storia vi presenta.

 

Nella ricerca si rileva che le società di tutto il mondo hanno tradizionalmente considerato la procreazione di bambini sani come una responsabilità delle donne. Tale era evidentemente anche la visione di re Enrico VIII (1491-1547), che riteneva le proprie mogli responsabili della mancanza di un erede maschio sano. Enrico è noto per essersi sposato sei volte nella sua disperata ricerca di un figlio, sbarazzandosi delle mogli che non adempivano al loro dovere reale e coniugale. Enrico ebbe tre figli legittimi: Maria I, Edoardo VI ed Elisabetta I, ma ciò che è meno noto è il numero significativo di gravidanze infruttuose a cui fu associato. Le prime due mogli di Enrico, Caterina d?Aragona e Anna Bolena, ebbero in totale dieci gravidanze, rispettivamente tra il 1509 e il 1519 e tra il 1533 e il 1536, ma sei si conclusero con un aborto spontaneo. Il primo figlio di Enrico, il principe Enrico, nacque nel 1511 ma visse meno di due mesi. Solo due figlie (Maria ed Elisabetta) riuscirono a sopravvivere e a raggiungere l?età adulta; il figlio Edoardo morì all?età di quindici anni. 

 

Enrico, come naturale per un monarca di quell?epoca, incolpò le proprie mogli. Si aggrappò anche all?idea che i suoi problemi derivassero dal suo matrimonio con la vedova del fratello Arturo, in quanto violava il passo del Levitico 20:21, che recitava: «Se uno prende la moglie di suo fratello, è una impurità, egli ha scoperto la nudità di suo fratello; non avranno figliuoli». Di conseguenza, Enrico si liberò di Caterina e Anna, senza considerare che la sua stessa fertilità, o mancanza di essa, avrebbe potuto avere un ruolo in tutto ciò. A quel tempo, l?idea che gli uomini, al pari delle donne, potessero avere problemi di infertilità era ancora molto incerta, e difficilmente sarebbe stata accettata da un monarca dei Tudor. Per nulla scoraggiato dall?esiguo numero di testi medici del tardo medioevo che non escludevano completamente il ruolo maschile, la pratica di Enrico di liberarsi delle proprie mogli dimostra inequivocabilmente chi egli considerasse responsabile dell?infertilità. Sfortunatamente per le sue consorti, Enrico era felicemente ignaro del fatto che, come dimostrato da recenti studi, alcuni uomini, in particolare quelli con alterazioni del liquido seminale, possono non solo avere un impatto significativo sulla gravidanza, ma anche essere potenzialmente la causa di aborti spontanei e di bambini nati morti. 

 

Non è sempre facile, o addirittura possibile, determinare i fattori che causano un aborto spontaneo; tuttavia, spostare sempre di più l?attenzione dalle donne agli uomini ha recentemente portato a nuovi studi sui cromosomi maschili, sul DNA e sullo stile di vita, come la dieta e l?esercizio fisico. La tradizionale attenzione riservata alla sfera femminile per quanto riguarda l?abortività spontanea ripetuta era anche dovuta al fatto che, sebbene la donna produca normalmente un singolo ovulo, milioni di spermatozoi maschili sono automaticamente soggetti alla ?selezione naturale?, per cui solo il più adatto è in grado di raggiungere e fecondare la cellula uovo. L?infertilità maschile (funzionalità spermatica ridotta) colpisce attualmente la metà delle coppie che cercano una terapia per la fertilità, e si è osservato che il conteggio spermatico totale (il numero totale degli spermatozoi) si è dimezzato dagli anni ?70. Inoltre, un numero crescente di ricerche suggerisce che una scarsa funzionalità spermatica in un partner maschile può predisporre le coppie alla poliabortività, che è comunemente definita come l?occorrenza di tre o più aborti spontanei consecutivi prima della ventesima settimana di gestazione, che colpisce tra l?1 e il 2% delle coppie. Studi recenti hanno evidenziato che lo sperma danneggiato può essere la causa di aborti spontanei ripetuti nelle donne.

 

I fattori che compromettono la fertilità maschile, come lo stress ossidativo nel liquido seminale e la frammentazione del DNA spermatico, sono di norma più elevati nei partner di donne che soffrono di poliabortività rispetto agli altri uomini. Attualmente, ricorda lo studio, l?unica terapia approvata per le coppie affette da infertilità maschile è rappresentata dalle tecniche di procreazione medicalmente assistita, come la fecondazione in vitro o l?iniezione intracitoplasmatica di sperma. Tuttavia, solo un numero ridotto di sistemi sanitari e di coppie a livello mondiale può permettersi i costi elevati della PMA, mentre rimangono ancora limitate le ricerche effettuate negli ultimi decenni sullo sviluppo di nuove terapie per le coppie con infertilità maschile. A causa della concezione tradizionale che il concepimento di bambini sani sia esclusivamente responsabilità delle donne, l?infertilità maschile rimane una condizione che priva l?uomo della sua facoltà riproduttiva e che porta con sé un potente stigma sociale, spesso compromettendo la capacità degli uomini e delle loro partner di ricorrere a un supporto adeguato. Un esame del contesto storico dell?infertilità maschile contribuisce a mettere in discussione l?immagine di tale patologia come una condizione di debolezza negli uomini che ne sono affetti.

 

La ricerca di Valerie Shrimplin e Channa N. Jayasena fornisce la prima indagine dettagliata sui tassi di aborto spontaneo prima dell?era moderna che si concentra sulla sfera maschile. Si avvale di dati storici per documentare i tassi di aborto spontaneo tra un campione di nobili, tra cui Enrico VIII, e le loro mogli nell’Inghilterra dei Tudor nel periodo tra la fine del XV e l?inizio del XVI secolo. Le prove suggeriscono che i molteplici aborti spontanei delle mogli di Enrico potrebbero essere legati, almeno in parte, all?infertilità maschile.

 

Metodologia

I dati della ricerca sui matrimoni e la progenie di Enrico VIII derivano da fonti storiche primarie e secondarie e sono ulteriormente valutati tramite un?ampia indagine medica del XXI secolo sull?infertilità maschile. Lo studio si è concentrato inizialmente sulla progenie nota di Enrico, per poi passare agli antenati del monarca e ai possibili tratti genetici.

Le informazioni sulle cartelle cliniche di Enrico sono ampiamente disponibili nella letteratura, comprese le sue malattie conosciute, le lesioni fisiche e le inclinazioni psicologiche. Di grande importanza sono stati i registri della casa reale dei Tudor relativi ai banchetti, alle cucine e ai pasti, in quanto fonte di informazioni sulla dieta del monarca. Le ricercatrici hanno confrontato il profilo delle famiglie delle sue mogli con quelle dei suoi contemporanei, nello specifico trentuno nobili con documenti di matrimonio e di nascita esistenti, la cui ricchezza e la posizione sociale erano simili a quelle di Enrico. I registri delle gravidanze e delle nascite hanno loro consentito di calcolare i tassi di aborto spontaneo per le singole coppie e condurre un?ulteriore analisi delle statistiche descrittive.

 

La storia matrimoniale e riproduttiva di Enrico VIII

Salito al trono nel 1509 come secondo monarca di una nuova e instabile dinastia all?età di diciassette anni, Enrico VIII era ossessionato dall?avere un erede maschio sano. Poco dopo essere diventato re, Enrico sposò la vedova di suo fratello, Caterina d?Aragona (nata nel 1485), sei anni più grande di lui. Caterina rimase incinta regolarmente entro i primi dieci anni di matrimonio; l?annuncio della sua prima gravidanza avvenne solo due mesi dopo il matrimonio, quando aveva ventiquattro anni. Al primo aborto spontaneo/bambino nato morto avvenuto nel 1510 seguirono altri aborti spontanei e il decesso di un figlio neonato. Come osservato da Thomas Starkey, pensatore politico inglese al servizio della Corona inglese, dal 1514 circolavano voci sul fatto che «il re d?Inghilterra intendeva ripudiare la sua attuale moglie ? poiché non era in grado di avere figli da lei», attribuendo così la colpa a Caterina. Si dovette attendere il 1516 per la nascita del primo figlio sano ? una bimba, che venne chiamata Maria ? sette anni dopo il matrimonio e in un momento in cui Enrico era impegnato a enfatizzare la sua potenza sessuale ? come dimostrato dalle dimensioni della sua brachetta ? e a cercare di avere un erede maschio. Nel 1519, re Francesco I dichiarò senza mezzi termini che Enrico «aveva una vecchia moglie deforme». Nel corso degli anni ?20, Caterina aveva tra i trenta e i quarant?anni ed era probabilmente in menopausa, dato il sovrappeso e l?assenza di gravidanze dal 1518. Enrico più tardi dichiarò, come affermato dalla scrittrice Alison Weir, che all?inizio del 1525 le mestruazioni di Caterina erano cessate e aveva smesso di avere rapporti sessuali con lei. La bandì dalla corte e annullò il matrimonio nel 1533.

La prova sulla base della quale Enrico considerava la moglie come la colpevole del mancato erede maschio era il figlio da lui concepito con un?altra donna, Bessie Blount, sua amante riconosciuta dal 1514 al 1522 circa. Si vantava con grande entusiasmo del figlio illegittimo (Henry Fitzroy, 1519-1536), inondandolo di titoli e onori dall?età di sei anni. Bessie Blount ebbe altri sei figli con due mariti dopo Enrico, che vissero tutti fino all?età adulta. È possibile che Enrico abbia avuto altri figli illegittimi, nati dalle relazioni con la sorella maggiore di Anna Bolena, Maria, con Madge Shelton e altre amanti; tuttavia, dato che non ne riconobbe altri ? per affermare la propria fertilità ? qualsiasi figlio putativo non è stato considerato ai fini dello studio. Maria Bolena rimase incinta quando si sposò dopo la fine della relazione, così come Caterina Parr, la sesta moglie di Enrico, quando si sposò dopo la morte di Enrico. Malgrado la nascita della figlia Maria e di un figlio illegittimo, Enrico non mise mai in discussione la propria fertilità, apparentemente per salvare la faccia e mettersi al riparo da una condanna legata alla propria virilità; inoltre, poteva sempre ricorrere alla maledizione del Levitico derivante dal suo matrimonio con Caterina.

Anna Bolena sembra essere diventata oggetto dell?attenzione di Enrico nel 1525. Lui le chiese di sposarlo nel 1527, ma pare che la coppia si sia astenuta dai rapporti sessuali fino al matrimonio nel 1532-33, come emerge dalle lettere di Enrico ad Anna ? di cui parliamo più avanti nella newsletter e che confermano la sua passione per i rapporti intimi ? probabilmente per garantire la legittimità di qualsiasi eventuale figlio. Le lettere di Enrico fanno riferimento a diverse amanti; con tutta probabilità non si trattava di donne di origini nobili, per evitare problemi di successione nel caso qualcuna di loro avesse partorito un figlio mentre Enrico attendeva di sposare Anna. Dopo il matrimonio, Anna, come Caterina, rimase incinta ogni anno, così come richiesto dagli obiettivi della coppia. La nascita di una bambina, Elisabetta, nel settembre 1533 fu una delusione, ma almeno dimostrò che Anna era fertile. Seguirono aborti spontanei nel 1534 e nel 1536. La storia di Anna ripeteva quella di Caterina ed Enrico, ormai intorno ai quarantacinque anni, non aveva ancora un erede maschio. Le voci sull?incapacità di Anna di avere figli e il suo ultimo aborto furono il colpo finale.

Durante circa quattordici anni di matrimonio ?attivo?, le prime due mogli di Enrico ebbero dieci gravidanze, sette aborti spontanei/morti neonatali e nessun figlio sopravvissuto. Le ragioni della mancanza di successo del re non furono mai spiegate del tutto, nonostante egli attribuisse la colpa alle consorti. Durante il processo per tradimento di Anna Bolena, nel quale fu accusata di aver avuto relazioni con ben sette altri uomini, emersero accuse sull?impotenza di Enrico. Giorgio, il fratello di Anna, insinuò che Enrico non era in grado di avere rapporti sessuali («non era bravo a letto con le donne, e non aveva né potenza né forza»). Anna Bolena, il fratello e altre quattro persone furono giustiziati pochi giorni dopo, nel maggio 1536.

Lo stesso mese dell?esecuzione di Anna Bolena, Enrico sposò Jane Seymour (maggio 1536), che rimase rapidamente incinta ma morì nel 1537 a causa delle complicanze legate al parto, dopo aver dato alla luce Edoardo VI il 12 ottobre 1537. Enrico sposò Anna di Clèves nel 1540, ma affermò che il matrimonio non venne consumato, citando la sua mancanza «di volontà ed energia di consumare lo stesso». Il matrimonio con Caterina Howard, la quinta moglie di Enrico, durò solo due anni, dopodiché anche lei venne giustiziata. Né lei né Caterina Parr, l?ultima moglie di Enrico, riuscirono a rimanere incinte di Enrico.

Potrebbe essere solo una coincidenza il fatto che, sebbene le prime tre mogli di Enrico siano rimaste incinte facilmente e regolarmente, si sia verificata un?incidenza così alta di problemi di fertilità (con un tasso di fallimento del 70%) e che nessuna delle ultime tre mogli di Enrico sia stata in grado di concepire? Può il dito puntare verso Enrico come fattore comune e causa della sua stessa sfortuna? Il fatto che Enrico sia stato responsabile di almeno undici gravidanze (compresa la nascita di Henry Fitzroy) tra il 1509 e il 1519 e tra il 1532 e il 1536, potrebbe sembrare un segnale rassicurante per la sua fertilità e forma fisica. Di fatto però, i numerosi fallimenti con diverse partner potrebbero suggerire il contrario. La perdita di cinque figli deve aver pesato molto.

 

Le possibili ragioni delle difficoltà di Enrico

Indipendentemente dall?entità o dall?efficacia delle prestazioni sessuali di Enrico nei suoi ultimi anni (1540-1547), le prove relative ai primi anni della sua vita non possono escludere qualche responsabilità da parte del monarca. Come lui stesso lamentava, perché non poteva concepire un figlio quando l?ultimo dei suoi sudditi poteva farlo? Nel 1533, esclamò a Eustace Chapuys, l?ambasciatore spagnolo: «Non sono forse un uomo come tutti gli altri?». Nel contesto del XVI secolo, la potenza sessuale era associata all?avere figli, cosa che non sarebbe potuta avvenire in caso di sperma danneggiato. Il fatto che nessuno dei figli sopravvissuti di Enrico abbia avuto alcuna difficoltà è un?ulteriore prova che il problema risiedeva in lui piuttosto che (o almeno in misura uguale) alle sue mogli.

Quindi, le cartelle cliniche di Enrico, la predisposizione genetica e lo stile di vita meritano un?indagine, in cui vengano messi a confronto con quelli di uomini di una classe e uno status sociale simili, e appartenenti alla stessa epoca. La vecchiaia senza dubbio contribuisce all?infertilità. Altri fattori di rischio, di cui Enrico e i suoi medici non sarebbero stati a conoscenza, sono lo stress, la mancanza di esercizio fisico, l?obesità e le malattie. Le abitudini nello stile di vita legate al peso, alla dieta, all?alimentazione, all?assunzione di alcol, ai farmaci e all?uso di droghe influenzano la vitalità dello sperma e quindi hanno un impatto significativo sulla salute di una gravidanza. Analogamente alla totale mancanza di esercizio fisico, anche un allenamento molto intenso a livello agonistico può diminuire la salute gli spermatozoi. Da giovane, Enrico aveva preferito la caccia, la giostra e altri sport tipici della sua epoca ad alto impatto fisico. In molte occasioni aveva subito gravi ferite, mentre nel 1524 e nel 1536 aveva addirittura rischiato di rimanere ucciso. La supposizione tipica dei tempi di Enrico che gli uomini rimangono fertili mentre le donne perdono drasticamente la fertilità con l?età non è del tutto esatta. Oltre all?incapacità di ?avere prestazioni sessuali adeguate? (disfunzione erettile), anche la fertilità maschile diminuisce con l?età, e il rischio di aborto spontaneo può talvolta aumentare, anche con partner femminili giovani. Questa scoperta potrebbe essere pertinente al caso di Enrico, così come di molte coppie moderne che iniziano a formare una famiglia in un?età più avanzata, anche se le pressioni di oggi probabilmente non possono essere paragonate a quelle a cui erano sottoposti i re e le regine del Medioevo e dell’età moderna. 

 

I dati medici di Enrico e la sua storia genetica

Le potenziali cause dell?infertilità maschile di Enrico potrebbero essere legate, secondo la ricerca, a uno qualsiasi dei fattori di rischio delineati in precedenza. In gioventù, era un appassionato di sport con una corporatura muscolosa e una circonferenza toracica di circa 105 cm. A trent?anni, tuttavia, Enrico era gravemente in sovrappeso. Le stime ricavate dal suo abbigliamento e dall?armatura indicano un?altezza di 185 cm, una vita di 137 cm, una circonferenza toracica di 147 cm e un peso di 180 chili. Una recente meta-analisi ha identificato un forte legame tra l?obesità e la scarsa qualità dello sperma maschile; Enrico VIII era quasi certamente gravemente obeso, con un indice di massa corporea di 51,9 kg/m2.

La corte di Enrico era nota per i continui festeggiamenti, le feste sontuose e i banchetti, durante i quali l?alcol scorreva a fiumi. Sebbene, in quanto re, Enrico avrebbe avuto accesso al cibo, alle cure mediche e ai servizi igienici della qualità più elevata, sembra che abbia avuto anche problemi di cattiva alimentazione. La sua dieta era eccessivamente ricca di carne e proteine, e includeva selvaggina (agnello, cervo e cigno), pane e altri carboidrati in abbondanza. Era quasi priva di verdure e legumi (fagioli, piselli e lenticchie, considerati cibo da contadini) che forniscono vitamine e fibre. La frutta era inclusa nei menù, ma era generalmente cotta o cristallizzata con lo zucchero; si pensava che la frutta fresca causasse la febbre. Secondo Historic Royal Palaces, la Fondazione indipendente che gestisce i Palazzi reali non utilizzati dalla Royal Family, «i pasti non erano solo per mangiare, ma un?esibizione del potere del monarca. I cibi esotici dimostravano ricchezza. Raramente le famiglie più povere avrebbero potuto cibarsi di carne, seguire una dieta con verdure stufate e legumi. Ma il lusso della Corte era la carne fresca. I cortigiani Tudor potevano usufruire di un?ampia varietà di cibo, con carne appena macellata e arrostita ogni giorno. Ai cortigiani veniva servito un menù di piatti che fornivano circa 5.000 calorie al giorno! Thomas Starkey, studioso dell?Università di Oxford, notò [intorno al 1529] che ?non avere a disposizione 20 piatti diversi di carne a cena è visto come una mancanza di rispetto?».

Ad Hampton Court, venivano preparati circa 600 pasti due volte al giorno. Includevano carne arrostita e le ?fontane? di vino erano l?abitudine. Anche quando mangiava da solo nella sua camera, come spesso faceva, Enrico sceglieva da un enorme buffet a base di carne (arrostita o servita come pasticcio di carne), il tutto seguito da conserve dolci. Non sorprende che anche in gioventù, e sempre più con l?avanzare dell?età, Enrico seguisse un?alimentazione totalmente sregolata, troppo ricca di proteine e quasi completamente priva di vitamine. Probabilmente soffriva di scorbuto, causato dalla carenza di vitamina C, dovuta all?assenza di frutta e verdura fresca (non molto diverso dalle diete moderne a base di carne/pane e fast-food). La sua cattiva alimentazione deve aver contribuito ai suoi problemi di salute come stitichezza, gotta, diabete, ulcere e piaghe aperte sulle gambe e pressione alta, per non parlare della sua fertilità e qualità dello sperma. Dato il suo probabile patrimonio genetico, l’alimentazione sempre più sregolata e le possibili lesioni derivate dagli anni più attivi, sembra probabile che Enrico abbia sofferto di danni allo sperma (frammentazione del DNA). Pertanto, i casi ripetuti di aborti spontanei e bambini nati morti hanno probabilmente avuto origine da lui.

 

La fertilità maschile da Platone al XVII secolo

La storia coniugale e riproduttiva di Enrico ebbe un effetto cruciale sulla storia inglese e sulla Riforma, le cui ripercussioni persistono ancora oggi. Utilizzando diverse fonti di dati storici, e avvalendosi delle osservazioni sugli aborti spontanei e/o i casi di bambini nati morti che affliggevano le numerose partner di Enrico, le prove riportate dalle autrici della ricerca indicano che Enrico soffriva, senza saperlo, di infertilità maschile. Ad oggi, l?impatto negativo di una cattiva alimentazione sulla fertilità non è più un segreto, sia che si tratti di Paesi in via di sviluppo (le cui condizioni talvolta non si discostano molto da quelle dell?Inghilterra del XVI secolo) che di qualsiasi altro luogo dove si consuma una quantità eccessiva di carne e carboidrati e non si includono verdure, legumi e frutta nella dieta. 

Obesità, infermità fisica, diabete e infezioni trasmesse sessualmente possono ridurre la qualità dello sperma, bloccando la gravidanza o causandone l?aborto spontaneo; la malnutrizione, la scarsa igiene e le infezioni possono portare alla morte fetale o neonatale. La scarsa qualità dello sperma è una causa dell’aborto spontaneo particolarmente sottovalutata in epoca contemporanea.

 

Ricerca medica

Valerie Shrimplin e Channa N. Jayasena concludono che nonostante le prove disponibili, i limiti dell?indagine rendono impossibile dimostrare in modo definitivo l?infertilità di Enrico VIII. Il caso o la coincidenza altamente improbabile che Enrico abbia sposato sei donne con problemi di fertilità non possono essere esclusi. Tuttavia, l?insolita prevalenza di gravidanze con esiti negativi, o di nessuna gravidanza, che coinvolge più partner femminili, suggerisce fortemente che Enrico sia stato la fonte del problema, indipendentemente dalle numerose gravidanze per le quali è stato anche in parte responsabile. Solo nell?era moderna la ricerca è stata in grado di scoprire che la salute dello sperma gioca un ruolo significativo nell’aborto spontaneo e che le cause degli aborti spontanei, dei bambini nati morti e della morte neonatale non dipendono solo dalle donne. I risultati di questo studio dimostrano per la prima volta che i coetanei di Enrico e le loro mogli erano molto meno colpiti dall?infertilità e dalle interruzioni spontanee di gravidanza, lasciando così legittimamente supporre che, ironicamente, l?infertilità di Enrico sia stata la causa delle difficoltà incontrate delle consorti del monarca durante le varie gravidanze.

I geni ereditati dal padre contribuiscono in modo significativo alla regolazione della placentazione, fondamentale per la sopravvivenza dell?embrione. Inoltre, caratteristiche dello sperma sfavorevoli come un numero ridotto di spermatozoi, una bassa percentuale di spermatozoi e di spermatozoi con motilità progressiva, un?elevata frammentazione del DNA spermatico e le specie reattive dell?ossigeno (ROS) dello sperma sono note per essere associate all?infertilità maschile e alla poliabortività. Fattori di rischio clinico come l?obesità e il diabete mellito aumentano il rischio di infertilità maschile. Da un recente studio qualitativo è emerso che gli uomini con problemi di infertilità spesso cadono preda di uno stigma sociale di essere ?meno uomo?. Sebbene l?infertilità maschile colpisca il 10% della popolazione maschile, non esistono modelli pubblici di rilievo e questo porta ancora con sé un?aura di esclusione sociale.

Questa ricerca che Storie di Storia vi ha segnalato solleva questioni che ? come leggerete nelle due interviste che vi proponiamo più avanti ? sono rilevanti per il pubblico, sia per i pazienti che per i professionisti del settore medico. Enrico VIII soffriva di infertilità maschile, ma all?epoca non esisteva una diagnosi di questo tipo. Nonostante l?infertilità maschile abbia ora acquisito un?eziologia distinta, rimane comunque un argomento tabù. I programmi di ricerca e assistenza sanitaria mirati all?infertilità maschile sono ancora piuttosto arretrati rispetto a quelli orientati alla fertilità femminile, che hanno invece portato a grandi svolte come la terapia della fecondazione in vitro. Una maggiore consapevolezza dell?importanza dell?infertilità maschile per la salute umana merita maggiore riconoscimento, diagnosi e terapie per garantire che le coppie affette da questo problema possano ricevere un supporto adeguato. Inoltre, come sostengono le due ricercatrici britanniche nella loro ricerca ? ?Was Henry VIII Infertile?? ? sapere che Enrico VIII, uno dei sovrani più potenti della storia europea, era quasi certamente affetto da questa patologia, potrà forse alleviare l?emarginazione e lo stigma sociale ancora legati all?infertilità maschile. 

Ha collaborato per le traduzioni Sabrina Toscani.
LEGGI IL PDF DELLA RICERCA

 

L?INTERVISTA

Parla la ginecologa Elsa Vora 

?LA DONNA PENALIZZATA AL TEMPO DEI TUDOR?

1652711230 858 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Elsa Vora è Presidente dell?Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) e membro dell?Accademia di Medicina di Torino, attualmente esercita la libera professione presso l?Istituto CIDIMU. Già Responsabile della SSD di Ecografia e Diagnosi Prenatale presso il Reparto di Ginecologia e Ostetricia dell?Ospedale S. Anna di Torino, è stata insignita del Premio mondiale ?Award in recognition of Women Obstetrician/Gynecologists? dalla FIGO (Federazione Internazionale dei Ginecologi ed Ostetrici). Storie di Storia ha conversato con lei.

 

La ricerca che Storie di Storia presenta è la prima indagine sulla riproduzione umana realizzata sui maschi in età pre-moderna. 
«È possibile visto che gli studi sulle cause maschili di infertilità e/o di poliabortività sono relativamente recenti. I primi articoli scientifici sull?argomento sono stati pubblicati nel secolo scorso (anni ?70). Oggi esistono una branca della medicina dedicata alla medicina della riproduzione e una specialità dedicata alla salute dell?apparato riproduttivo maschile che hanno permesso di studiare e conoscere meglio l?infertilità sia essa di origine femminile o maschile. Di quest?ultima oggi sappiamo che: l?infertilità maschile interessa circa il 7% degli uomini; è in aumento tra i giovani; in circa 1 caso su 2 la difficoltà a ottenere una gravidanza dipende da problemi riproduttivi maschili; non sempre è possibile individuare la causa dell?infertilità maschile e questo succede in circa il 30% dei casi. È quindi fondamentale avere consapevolezza di questo e fare prevenzione: adeguato stile di vita, alimentazione salutare, attività fisica, evitare abuso di alcol, fumo e uso di droghe».

Considera realistica una narrazione della vicenda di Enrico VIII diversa da come ci è sempre stata raccontata? Il Sovrano causa delle sue difficoltà riproduttive di cui per secoli sono state colpevolizzate le sue donne?
«Certo. È assolutamente realistico che il Sovrano non fosse consapevole, né lo erano i medici dell?epoca in quanto non vi erano conoscenze sull?argomento. La cultura medica, le convinzioni sociali, gli stereotipi maschili e femminili erano tali per cui la donna era considerata l?unica attrice, e quindi responsabile, della maternità. Oggi sappiamo che le cause di infertilità maschile comprendono sia  la produzione insufficiente di spermatozoi sia  alterazioni degli spermatozoi  (per ridotta motilità, alterata morfologia, DNA danneggiato). Oggi vi sono terapie per la infertilità maschile e anche in caso di assenza di spermatozoi nel liquido seminale o l?assenza di eiaculazione è possibile individuare e prelevare spermatozoi vitali utili al concepimento. Quando non si riesce ad individuare la causa di infertilità maschile non è ovviamente possibile proporre una terapia specifica. In genere, si parla di ?infertilità? di una coppia sessualmente attiva quando non riesce ad ottenere una gravidanza dopo un periodo superiore a un anno di rapporti liberi e non protetti. Una volta facevamo riferimento a due anni, ma oggi la gravidanza viene ricercata più tardivamente e quindi il tempo è molto prezioso, dato che la fertilità delle donne e degli uomini tende a diminuire con il passare degli anni. Si parla di infertilità primaria quando l’uomo/donna/coppia non ha mai ottenuto una gravidanza, di infertilità secondaria quando l’uomo/donna/coppia ha già ottenuto una gravidanza precedentemente».

Le cause dell’infertilità di Enrico VIII, che la ricerca illustrata individua nelle abitudini malsane di vita del Sovrano, sono oggi considerate possibili fattori nella difficoltà di procreazione?
«Nello studio si fa riferimento a dati scientifici oggi conosciuti: le cause genetiche maschili e i danni sugli spermatozoi derivanti da fattori acquisiti quali obesità, dieta non salutare, abuso di alcol e droghe, scarsa attività fisica e malattie croniche (diabete, disordini endocrini, ipertensione ecc.). Dobbiamo tenere conto di vari fattori, che sono stati esplicitati nello studio, che comprendono l?ignoranza, nel senso letterale del termine ignorare, non conoscere, dei medici e quindi delle persone delle cause di infertilità (sia femminile che maschile) associata agli stigmi sociali, ai pregiudizi. Questi ultimi consideravano la donna causa dell?insuccesso riproduttivo anche se erano proprio loro a pagarne il prezzo più alto, talvolta con la vita, perché la mortalità materna legata al parto e anche all?aborto era molto elevata, soprattutto nelle fasce sociali più disagiate. Quindi la donna era doppiamente penalizzata, da una parte come colpevole di non riuscire a dare un figlio (stigma sociale, pensiamo al ?ripudio? di una donna sposata che non riesce ad avere o a portare a termine una gravidanza) e dall?altra ad essere vittima di una assistenza medica ostetrica adeguata con conseguenze molto pesanti per lei stessa (infezioni, emorragie, morte)».

 

L’INTERVISTA

Parla l?antropologa Elisabetta Moro

?ENRICO VIII E LA MANCANZA DELLA DIETA MEDITERRANEA?

1652711230 696 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Elisabetta Moro è Professore Ordinario di Antropologia Culturale presso l?Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e docente di Storia della gastronomia nei paesi del Mediterraneo presso il Corso di Studi in Scienze Gastronomiche Mediterranee dell?Università Federico II di Napoli. Scrittrice e divulgatrice scientifica, è condirettrice del Museo Virtuale della Dieta Mediterranea (www.mediterraneandietvm.com). Con l?antropologo Marino Niola ha scritto di recente due libri sul tema food: I segreti della dieta mediterranea e Andare per i luoghi della dieta mediterranea, entrambi pubblicati dall?editore Il Mulino. Storie di Storia ha conversato con lei.

 

Secondo le autrici della ricerca che Storie di Storia presenta, la presunta infertilità di Re Enrico VIII potrebbe essere collegata al suo stile di vita, in particolare alla sua alimentazione. Conviene?
«Questa ricerca è molto interessante e documentata. Ha uno scopo importante che è quello di sfruttare la risonanza di un personaggio storico come re Enrico VIII per richiamare l?attenzione sull?infertilità maschile che ancora oggi viene trattata con imbarazzo e circospezione, ma non con la giusta attenzione. A causa di un antico retaggio culturale ?virilista? l?uomo non fertile viene compatito ma non capito, e tanto meno aiutato da un punto di vista psicologico».

Tra gli alimenti presenti nella dieta del Sovrano e dei membri della sua Corte quali erano i più pericolosi per l?organismo? Cosa mancava invece di importante per la salute?
«La cucina di corte era per definizione ricca di carni e di grassi, non solo in Gran Bretagna. Lo stesso vale per la Spagna di Carlo V e per la Francia del Re Sole. Non a caso la gotta era la malattia della nobiltà, perché un consumo abbondante di carne rossa e di selvaggina provoca una produzione in eccesso di acido urico che l?organismo non è in grado di smaltire e il risultato sono dolori articolari che possono diventare invalidanti. Per la sua salute potremmo dire che Enrico VIII avrebbe dovuto seguire una dieta più mediterranea. Mancavano infatti dal suo menù soprattutto la frutta fresca e la verdura. Inoltre, mancavano i legumi, che venivano considerati il cibo dei poveri. Di fatto seguiva la tipica alimentazione del Nord Europa, fondata su una triade alimentare opposta a quella mediterranea. Quella del nord è a base di carne, latte e birra. Quella del Sud è a base di cereali, olio e vino. Questa differenza in tempi più lontani aveva già colpito Giulio Cesare, che nel De bello gallico, racconta dei popoli nordici che si nutrono quasi esclusivamente di carne e latte. Invece i Romani avevano una cucina quotidiana fondata sulle polente di legumi, le verdure (ne consumavano cento varietà diverse), il pane (ne producevano settanta tipologie diversificate per tipologia, pezzatura e farine adoperate) e il vino. Durante i banchetti invece, come racconta Petronio nel Satyricon, offrivano molte portate a base di carne, soprattutto di maiale. Per tornare a Enrico VIII, va ricordato anche che come mostra lo splendido ritratto di Hans Holbein, il Sovrano era decisamente in sovrappeso. Ma non possiamo usare i parametri di oggi per giudicare la cultura di cinquecento anni fa. Il corpo del re doveva essere imponente, perché non era semplicemente il corpo della persona, ma rappresentava il corpo della nazione. I re infatti allora come ora, hanno due corpi, uno fisico e uno simbolico. Basta osservare la Regina Elisabetta II, che siede proprio sul trono di Enrico VIII, e la cura maniacale con la quale la sua immagine e la sua salute vengono curate. E anche la sua alimentazione. La Sovrana, infatti, ha integrato la dieta del suo antenato con molto pesce e verdure».

Al tempo dei Tudor, tra il XV e il XVI secolo, abbiamo conoscenza di tradizioni alimentari diverse in Europa?
«All?epoca dei Tudor in tutte le corti europee si consumavano moltissimi piatti a base di carne, come pasticci, arrosti, bolliti, spiedi, perché erano considerati simbolo di sfarzo, ricchezza e forza. Assieme alla pasticceria, che via via diventa sempre più centrale in quanto è un cibo suntuario, di lusso. Però nelle corti italiane e in generale mediterranee la varietà degli ingredienti era maggiore, perché il clima mite consente una gamma più ampia di coltivazioni. La disponibilità di tante biodiversità ha contribuito a sviluppare una cultura gastronomica più ampia e ricca di sapori, non solo di calorie. I matrimoni dinastici hanno contribuito a scambiare in tutta Europa anche i ricettari di corte. Un esempio per tutti Caterina de? Medici, che nel 1547 è andata in sposa a Enrico II di Francia e ha portato con sé la cultura degli orti fiorentini inserendo nei pranzi ufficiali i carciofi e le verdure crude».

LA STORIA

Enrico VIII Tudor

?RACCONTATO DALLA ROYAL ENCYCLOPAEDIA?

1652711230 423 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Enrico VIII nacque a Greenwich il 28 giugno 1491, secondogenito di Enrico VII ed Elisabetta di York. Divenne erede al trono alla morte del fratello maggiore, il principe Arturo, nel 1502 e gli succedette nel 1509. Atletico e molto intelligente in gioventù, un osservatore contemporaneo lo descrisse così: «Parla bene il francese, il latino e lo spagnolo; è molto religioso, ascolta tre messe al giorno quando va a caccia … È molto appassionato di caccia e non si dedica mai a questa attività di svago senza sfinire almeno otto o dieci cavalli … È anche appassionato di tennis». 

Gli interessi più colti di Enrico VIII includevano la scrittura di libri e la composizione di musica. Era un generoso sostenitore delle arti, un compositore e sapeva suonare diversi strumenti musicali. Greensleeves, una celebre melodia popolare di tradizione inglese spesso attribuita a lui, sembra tuttavia non essere una sua composizione. 

Autore di un libro di grande successo ? con circa 20 edizioni in Inghilterra ed Europa ? in cui attaccava le idee di Martin Lutero e sosteneva la Chiesa cattolica romana, nel 1521 Enrico ricevette dal Papa il titolo di ?Difensore della fede?. 

Enrico VIII ereditò dal padre un regno stabile, con una situazione finanziaria saldamente in attivo. Al momento della sua ascesa al trono, il Parlamento non veniva convocato per la fornitura di risorse monetarie da ben cinque anni. Gli svariati interessi di Enrico e la sua scarsa dedizione agli affari e all’amministrazione del regno contribuirono ad accrescere l’influenza di Thomas Wolsey, il figlio di un macellaio di Ipswich, che divenne Lord Cancelliere nel 1515.

Wolsey divenne uno dei ministri più potenti della storia britannica, ne è simbolo la costruzione del Palazzo di Hampton Court, che superava in grandezza qualsiasi altra proprietà del re. Wolsey esercitò con vigore i suoi poteri nella sua Court of Chancery e nel crescente uso dell?autorità giudiziaria del Consiglio nella corte della Star Chamber.

Wolsey fu anche nominato cardinale nel 1515 e gli furono conferiti i poteri di legato papale, nomine che gli diedero la preminenza anche sull?Arcivescovo di Canterbury e gli consentirono di ?governare? la Chiesa inglese. 

L?interesse di Enrico per la politica estera si concentrò sull?Europa occidentale, un modello di alleanze in costante mutamento incentrate sui re di Spagna e Francia, e sull?Imperatore del Sacro Romano Impero (Enrico era legato alle tre parti tramite vincoli matrimoniali: sua moglie Caterina era figlia di Ferdinando d’Aragona, sua sorella Maria aveva sposato Luigi IX di Francia nel 1514, mentre l?Imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V era nipote di Caterina).

Un esempio di questi continui mutamenti furono le infruttuose campagne anglo-spagnole di Enrico contro la Francia, che terminarono con la pace stipulata coi francesi nel 1520, in occasione della quale il monarca inglese spese enormi somme di denaro per allestimenti e tornei al Campo del Drappo d’Oro. 

Enrico investì anche nella marina, aumentandone le flotta da 5 a 53 navi, compresa la Mary Rose, i cui resti sono esposti nel National Museum of the Royal Navy di Portsmouth. 

La seconda metà del regno di Enrico fu dominata da due questioni molto importanti per la storia dell?Inghilterra e della monarchia: la successione e la riforma protestante, che avrebbe dato vita alla Chiesa anglicana. 

Nel 1509 Enrico aveva sposato la vedova di suo fratello, Caterina d?Aragona, la quale riuscì a dare alla luce un solo figlio in salute e in grado di sopravvivere: si trattava una bimba, la principessa Maria, che nacque nel 1516. Alla fine degli anni ?20 del secolo, Caterina aveva circa quarant?anni ed Enrico era ancora alla disperata ricerca di un figlio maschio. 

La dinastia Tudor conquistò il trono inglese nel 1485 ed Enrico era solo il suo secondo monarca. Fino a quel momento l?Inghilterra non aveva ancora avuto una regina e la dinastia non era sufficientemente solida da correre il rischio di incoronare una donna e porre così le basi per una successione contesa o il dominio di una potenza straniera attraverso il vincolo matrimoniale. 

Successivamente, Enrico si innamorò di Anna Bolena, la sorella di una delle sue numerose amanti, e cercò di persuadere il Papa a concedere l’annullamento del matrimonio precedente, sulla base della sua illegalità.

Al tempo, si erano già verificati divorzi reali: Luigi IX aveva ottenuto il divorzio nel 1499, seguito da quello concesso nel 1528 alla vedova di Giacomo IV, Margherita, sorella di Enrico. Tuttavia, nel 1509 il Papa allora in carica aveva concesso proprio a Enrico la licenza di sposare la vedova di suo fratello.

Nel maggio del 1529 Wolsey non riuscì a ottenere il consenso del Papa per risolvere il caso di Enrico. Tutti gli sforzi del monarca e dei suoi consiglieri furono vani; Wolsey venne privato del suo incarico e arrestato, ma morì prima di poter essere portato in giudizio.

Poiché i tentativi di ottenere il divorzio attraverso la pressione sul papato erano falliti, il successore di Wolsey, Thomas Cromwell ? il consigliere principale di Enrico dal 1532 in poi ? si rivolse al Parlamento per risolvere la questione, usandone i poteri e l’atteggiamento anticlericale, incoraggiato dagli eccessi di Wolsey.

Il risultato fu una serie di atti che ridussero il potere e l?influenza papale in Inghilterra e portarono allo Scisma anglicano. Nel 1532, un Atto contro la riscossione delle Annate, sebbene sospeso ?in base al volere del re?, fu un chiaro avvertimento al Papa che le entrate ecclesiastiche erano in pericolo. Nel 1532 Cranmer venne consacrato Arcivescovo di Canterbury e, in seguito alla conferma della sua nomina da parte del Papa, nel maggio 1533 dichiarò nullo il matrimonio di Enrico; una settimana dopo, Anna Bolena fu incoronata regina. 

Il Papa rispose con la scomunica, e poco dopo il Parlamento approvò gli atti che sancivano la decisione di Enrico di rompere con la Chiesa cattolica romana. Un Atto per la limitazione degli appelli vietò di appellarsi a Roma, affermando che l’Inghilterra era un impero, governato da un capo supremo e da un re che possedeva ?la totale e intera? autorità all’interno del regno, e che nessuna sentenza o scomunica da parte di Roma era ritenuta valida.

Seguirono un Atto di sottomissione del clero e un Atto di successione, oltre a un Atto di supremazia (1534) che fece di Enrico ?l?unico capo supremo della Chiesa d’Inghilterra chiamata Anglicana Ecclesia?.

La rottura tra il re e il Papa costrinse il clero, i titolari di cariche e altre figure a scegliere a chi prestare fedeltà. Il caso più famoso fu quello di Tommaso Moro, che fu giustiziato per tradimento nel 1535. 

L?altro effetto dello Scisma anglicano fu la dissoluzione dei monasteri, in base alla quale le terre e i possedimenti monastici furono smembrati e venduti. Dal 1518, Wolsey aveva decretato la chiusura di alcune piccole comunità monastiche per finanziare diverse nuove istituzioni di sua creazione (fece costruire collegi a Oxford e Ipswich). 

Nel 1535-36, altri 200 monasteri minori furono sciolti in base a disposizioni legislative, seguiti nel 1538-40 dai restanti monasteri; di conseguenza, le entrate della Corona raddoppiarono per alcuni anni.

Il secondo matrimonio di Enrico aveva suscitato la speranza di un erede maschio. Tuttavia, Anna Bolena partorì un?altra figlia, la principessa Elisabetta, e non riuscì a dare alla luce un figlio maschio. Enrico si liberò di Anna con l?accusa di tradimento ? architettata da Thomas Cromwell e presieduta dallo zio della stessa Anna, il duca di Norfolk ? quasi certamente falsa, e fu giustiziata nel 1536. Nel 1537, la terza moglie di Enrico, Jane Seymour, gli diede finalmente un figlio maschio, che sarebbe poi diventato Edoardo VI. Jane morì poco dopo il parto, a 12 giorni dalla nascita del figlio.

Anche se Cromwell si era dimostrato un efficiente ministro nel portare avanti le questioni del divorzio reale e della riforma anglicana, la sua posizione era insicura. Un?insurrezione avvenuta nel 1536 e 1537, chiamata il Pellegrinaggio di Grazia, chiese il licenziamento di Cromwell, ma i ribelli furono sedati. Fu poi il quarto, breve e infruttuoso matrimonio di Enrico con Anna di Clèves a portare alla caduta di Cromwell. Nonostante fosse stato nominato conte di Essex nel 1540, tre mesi dopo fu arrestato e giustiziato.

Enrico ebbe altre due mogli, prima Caterina Howard, giustiziata per adulterio nel 1542, e poi Caterina Parr, che sopravvisse a Enrico e morì nel 1548.

Da nessuno dei due matrimoni nacque alcun figlio. Enrico si assicurò che il suo unico erede maschio, Edoardo, fosse educato da persone che credevano nel protestantesimo piuttosto che nel cattolicesimo, perché voleva che la natura antipapale della sua riforma e della sua dinastia si consolidassero ulteriormente.

Dopo l’esecuzione di Cromwell, gli ultimi sette anni di regno di Enrico non videro nessun ministro di spicco. Sovrappeso, irascibile e in cattive condizioni di salute, Enrico rivolse nuovamente la sua attenzione alla Francia.

Nonostante un esercito di 40.000 uomini, venne conquistata solo la città di Boulogne e la campagna francese fallì. Anche se più della metà delle proprietà monastiche erano state vendute, per pagare la guerra si dovette ricorrere a prestiti forzati e alla svalutazione della moneta, il che contribuì ad aumentare l?inflazione. Enrico morì a Londra il 28 gennaio 1547 e suo figlio Edoardo divenne re.

Per alcuni, Enrico VIII fu un sovrano forte e spietato, che impose cambiamenti nel rapporto Chiesa-Stato che escludevano il papato e tenevano sotto controllo il clero, rafforzando così la posizione della Corona e acquisendo le proprietà dei monasteri.

Tuttavia, la riforma di Enrico aveva prodotto pericolose differenze tra protestanti e cattolici romani nel regno. Le ricchezze dei monasteri erano state usate per finanziare le guerre, mentre si era accresciuta la forza economica dell’aristocrazia e di altre famiglie delle contee, una situazione che a sua volta avrebbe incoraggiato le ambiziose fazioni della corte dei Tudor.

Il coinvolgimento del Parlamento nell?attuazione dei cambiamenti religiosi e dinastici era stato indubbio. Nonostante la grande preoccupazione di consolidare la propria dinastia e i conseguenti sconvolgimenti in ambito religioso, i sei matrimoni di Enrico avevano portato solamente un figlio dalla salute precaria e una successione dinastica incerta, con due principesse ? Maria ed Elisabetta ? entrambe dichiarate illegittime e decedute senza eredi.

 

LA TESTIMONIANZA

Ho letto la corrispondenza con Anna Bolena 

LE MEMORIE DI ENRICO VIII NELL?ARCHIVIO SEGRETO VATICANO

1652711230 689 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Di Mario Dal Bello (giornalista, scrittore, critico d?arte di cinema e di musica). Ha scritto ?Anna Bolena e il suo re – Enrico VIII e i Tudor?, Città Nuova, Roma 2015.

 

Fa impressione. Sono ben diciassette le lettere di re Enrico ad Anna Bolena. Gentilissime, amorevoli, appassionate. Le prime sono scritte in francese (tra il giugno-luglio del 1527 e il gennaio 1528), le altre in inglese, dal febbraio 1528 (da fine luglio all?agosto di quell?anno le missive aumentano). Nessuna lettera di Anna al re, tranne l?ultima forse non autografa ma che comunque Enrico non lesse mai. Lui l?aveva già condannata in cuor suo e lei non aveva più speranza. Ma prima, che lettere! 

Fanno impressione le frasi di un re che è stato dipinto come il re Barbablù inglese e noto dal ritratto di Holbein quando era ormai un gigante sovrappeso. Ma all?epoca delle lettere, il 1527 era il più bel re d?Europa, alto, biondo, atletico, colto e musicista.

«Mia Signora e Amica, ci mettiamo nelle vostre mani ? io e il mio cuore ? e vi supplichiamo e ci raccomandiamo ai vostri favori, perché l?assenza non diminuisca l?affetto che provate per noi»?Il tono è galante, cavalleresco, chiaramente Enrico la vuole conquistare e scrive in francese, la lingua della raffinatezza che Anna ben conosce. Siamo forse ancor prima del 1527.

 

Mi sono detto: che gentiluomo era il re inglese, come sapeva mettere bene in fila le parole. E dire che a lui non piaceva scrivere, preferiva dettare. Ma qui il cuore aveva le sue ragioni.

 

Scorrevo le altre ben custodite nell?Archivio Segreto Vaticano ? ora non più Segreto, ma ?Apostolico? ?, un mazzetto conservato insieme anche alla supplica del 1530 di 83 membri del Parlamento inglese a papa Clemente VII in favore del ?divorzio? (meglio, annullamento) del matrimonio del re con Caterina d?Aragona. 

Leggo la lettera del 28 giugno 1528, ancora in francese. «La preoccupazione, i dubbi sulla vostra salute mi hanno spaventato e disturbato enormemente e non avrei trovato pace se non avessi avuto notizie certe» (Anna era lontana da corte perché si era diffuso il cosiddetto morbus anglicus). «Non angustiatevi troppo della nostra (cioè, mia) assenza, perché ovunque io sia, sono vostro?Dalla mano di colui che è e sarà sempre vostro».

Enrico non demorde e si spinge in avanti: «Sono costretto ad incalzarvi per avere risposta, essendo stato colpito dal dardo d?amore da più di un anno intero, senza la certezza di trovare posto nel vostro cuore». L?astuzia di Anna era evidente: farsi desiderare e non cedere subito al re come le donne (tra cui sua sorella Maria) che l?avevano preceduta.

 

Mi sono detto: Anna era davvero scaltra! Così Enrico ardeva: «Se vi piacerà essere una vera, leale amante e amica e darvi corpo e anima a me?vi prometto che vi prenderò come mia unica Signora e allontanerò dai miei pensieri?tutte le altre».

Evidentemente, il re desiderava nominarla sua amante ufficiale ? i rapporti con Caterina erano ormai formali ? ma Anna voleva, e ci riuscì, sposarlo!

La corrispondenza continua. Enrico passa sempre più all?attacco. Vorrebbe «?passare insieme una notte» (15 giugno 1528, in inglese), e quando la vedrà: «Sogno di trovarmi, specialmente di notte, tra le braccia della mia amata, le cui graziose mammelle presto vorrei baciare».

Enrico si fa premuroso, si firma «suo per sempre», esagera nei doni e nei complimenti. Le comunica che la «grande questione» ? ossia il divorzio ? è in fase di conclusione, sta arrivando il cardinale Campeggio da Roma: risolverà certo a suo favore il problema.

Che differenza di tono, quando arrivo all?ultima lettera, questa volta di Anna dal carcere, dove supplica di avere un processo pubblico, si protesta moglie leale e innocente, non vuole venire giudicata dai suoi nemici. Fra questi il suo ex amico, il cancelliere Thomas Cromwell: tra le sue carte, dopo che fu giustiziato, venne trovata questa dolorosa missiva. Certificava la fine di una grande passione.

Mi sono chiesto come fossero arrivate in Vaticano queste lettere, chi le abbia portate. I gesuiti, gli Stuart, qualcuno durante la congiura di papa Gregorio XIII per uccidere Elisabetta, la figlia di Bolena? Sono solo congetture. Eppure, dal Seicento chi lo richiedesse le poteva vedere.

Capitò a Gilbert Burnet, vescovo episcopaliano di Salisbury che le lesse e rimase scandalizzato dai doppi sensi, le allusioni sensuali. Notò pure la mancanza di lettere di Anna. Non le volle aggiungere all?opera che stava scrivendo History of the Reformation of the Church of England, ma le affidò all?editore Churchill, meno scrupoloso, che le pubblicò nel 1714 in un volume a parte: Love Letters from King Henry VIIIth to Anne Boleyn. Da allora sono note, in Europa.

1652711230 471 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

SEGNALAZIONI

Libro: Le sei mogli di Enrico VIII, Antonia Fraser, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1992

Serie: I Tudor, ideata e sceneggiata da Michael Hirst, prodotta da Peace Arch Entertainment per Showtime. Con Jonathan Rhys Meyers, Sam Neill, Peter O?Toole, Joely Richardson, Henry Cavill. 2007-2010.

CD: Music from Tudor England, Evocative Tudor music from the court of King Henry VIII, Historic Royal Palaces Enterprises Ltd 2012.

Mostra: The Tudors: Passion, Power and Politics, 21 maggio – 29 agosto 2022, National Portrait Gallery e Museums Liverpool. Walker Art Gallery, William Brown St , Liverpool, UK, L3 8EL

Luogo: Hampton Court Palace. Residenza di alcuni dei monarchi più famosi della Gran Bretagna e teatro di avvenimenti storici che coprono 500 anni di storia. Vista da occidente, Hampton Court ha ancora l?aspetto della reggia Tudor di Enrico VIII (1509-1547), mentre da oriente esibisce l?imponente facciata barocca di Christophe Wren realizzata per Guglielmo III (1689-1702). Gli interni sontuosi riflettono i gusti differenti dei vari monarchi che vi hanno risieduto e sono adorati e decorati con opere di grande interesse e bellezza, molte delle quali tuttora al loro posto originale. Il palazzo di Hampton Court, con i suoi bellissimi giardini e i suoi grandi parchi sulle sponde del Tamigi, riveste un?attrattiva sia estetica che storica. Una passeggiata in questi luoghi vi affascinerà e vi incanterà. Hampton Ct Way, Molesey, East Molesey KT8 9AU, Regno Unito. Telefono: +44 20 3166 6000. Aperto dalle ore 10.00 alle 17.30. Ultimo ingresso ore 16.30.

PODCAST

1652711230 102 Storie di Storia 5 Enrico VIII era infertile

Muore Enrico VIII Tudor

Ascolta su ONE Podcast!

 

Radio Storia. Edizione straordinaria.

Fatti, episodi, vicende raccontati – come fossero appena accaduti – in un format radiofonico avvincente con collegamenti, aggiornamenti, riflessioni. Con l?editoriale di Maurizio Molinari, le analisi degli esperti, le testimonianze dei corrispondenti GEDI dal mondo, la rassegna stampa e i lanci delle agenzie.
Puntate disponibili: Re Vittorio Emanuele II Entra a Roma, La caduta di Tenochtitlan, Scompare Dante Alighieri, Il Processo ad Al Capone, Tumulazione del Milite Ignoto, Attacco a Pearl Harbor, Muore Enrico VIII Tudor, Muore Amerigo Vespucci, Einstein pubblica la ?Teoria generale della Relatività?, L?assassinio di Lincoln. Emesso il Penny Black, primo francobollo del mondo.
ASCOLTA QUI

We wish to thank the author of this article for this incredible web content

Storie di Storia / 5. Enrico VIII era infertile?

You can find our social media profiles as well as other pages related to it.http://redhatbeauty-com.ntcloudhosting.com/related-pages/

[date_timestamp] => 1652711236 ) ) [channel] => Array ( [title] => Redhatbeauty [link] => https://redhatbeauty.com [description] => Celebrity Weight Loss News [lastbuilddate] => Mon, 16 May 2022 20:26:39 +0000 [language] => en-US [sy] => Array ( [updateperiod] => hourly [updatefrequency] => 1 ) [generator] => https://wordpress.org/?v=5.9.3 [tagline] => Celebrity Weight Loss News ) [textinput] => Array ( ) [image] => Array ( ) [feed_type] => RSS [feed_version] => 2.0 [encoding] => ISO-8859-1 [_source_encoding] => [ERROR] => [WARNING] => [_CONTENT_CONSTRUCTS] => Array ( [0] => content [1] => summary [2] => info [3] => title [4] => tagline [5] => copyright ) [_KNOWN_ENCODINGS] => Array ( [0] => UTF-8 [1] => US-ASCII [2] => ISO-8859-1 ) [stack] => Array ( ) [inchannel] => [initem] => [incontent] => [intextinput] => [inimage] => [current_namespace] => [last_modified] => Mon, 16 May 2022 21:12:50 GMT [etag] => RMQuGg/KEV7Rw3Iq+OAAWCRgGhU )